Salta al contenuto

Funzionari etiopi ammettono di aver usato un assedio simile al Biafra per far morire di fame il Tigray

Il governo federale può incolpare il TPLF per le sofferenze del Tigray, ma la sua strategia d’assedio medievale è un segreto di Pulcinella.

Funzionari etiopi ammettono di aver usato un assedio simile al Biafra per far morire di fame il Tigray

Nel 2004, Eskinder Nega, giornalista, attivista e politico etiope, ha supervisionato la pubblicazione di almeno cinque colonne nel suo quotidiano Askual che etichettavano i tigrini come ebrei d’Etiopia e chiedevano agli etiopi di emulare le strategie utilizzate dalla Germania nazista.

Quando è scoppiata la guerra civile nel novembre 2020, tali idee sono state attuate contro i tigrini dal governo etiope di concerto con i suoi alleati in Eritrea e nella regione di Amhara.

I confronti con l’Olocausto possono sembrare un po’ estremi. Ma gli eventi nel Tigray ricordano stranamente la guerra civile nigeriana del 1967-1970.

In risposta a una guerra secessionista condotta dal tenente colonnello Odumegwu Ojukwu in un territorio a maggioranza Igbo chiamato Biafra, il governo nigeriano ha intenzionalmente fatto morire di fame la popolazione, provocando la morte di un milione di bambini.

A riprova delle somiglianze, nel 2021 la Amhara Media Corporation , di proprietà statale, ha affermato che il futuro del Tigray è “come il Biafra” e il primo ministro Abiy Ahmed si è vantato che il governo etiope decide se gli aiuti entrano nel Tigray o meno.

Nonostante un leggero miglioramento della situazione umanitaria da aprile, questi piani genocidi sono in corso in Tigray. Gran parte dell’opinione pubblica etiope sembra sostenere queste politiche, o ha scelto di rimanere in silenzio per paura e pressione, mentre la comunità internazionale non le ha prese abbastanza sul serio.

Carestia artificiale

Le politiche attuate dai governi etiope ed eritreo che sembrano progettate per indurre condizioni di carestia nel Tigray sono state documentate dall’inizio della guerra.

A giugno, nonostante il blackout imposto dalle autorità etiopi, giornalisti determinati hanno raggiunto il Tigray su sentieri rocciosi e, in un caso raro, hanno filmato gli orrori della guerra. Il 2 luglio ARTE TV ha trasmesso il suo documentario, intitolato “ Tigray: nella terra della fame ”, che mostrava gli effetti della fame provocata dall’uomo e la devastazione del sistema sanitario della regione.

Tra gli eventi discussi dagli intervistati e raccontati nel rapporto di 24 minuti, ricordiamo il massacro di Aksum perpetrato dai soldati eritrei, un ragazzo di undici anni in ospedale che pesava solo otto chili, e persone che muoiono semplicemente in casa perché sanno che il i centri medici hanno esaurito le scorte e quindi non possono aiutarli.

Le Nazioni Unite hanno recentemente pubblicato annunci celebrativi piuttosto che dire la verità sul fatto che ai suoi lavoratori è ancora impedito di raggiungere gran parte della popolazione affamata del Tigray.

Il 29 giugno, le Nazioni Unite hanno affermato sui social media che, dal 1° aprile, il Programma alimentare mondiale (PAM) ha consegnato cibo sufficiente al Tigray per sfamare 5,9 milioni di persone al mese.

Tuttavia, il brief del WFP in Etiopia è in contraddizione con questo. Afferma: “Nella regione del Tigray, il WFP ha fornito assistenza alimentare a 461.542 persone a maggio”.

Inoltre, il rapporto sulla situazione del 17 giugno dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) osserva: “I partner alimentari in Tigray hanno assistito più di 340.000 persone con 5.303 tonnellate [tonnellate] di cibo durante la settimana del rapporto”.

“Tra l’inizio di aprile e l’8 giugno, cumulativamente, più di 20.000 tonnellate di cibo sono state distribuite a più di 1,2 milioni di persone nella regione”, continua il rapporto dell’OCHA.

La realtà è che da aprile a giugno 2022, un periodo di tre mesi, il WFP ha trasportato nel Tigray solo cibo sufficiente per sfamare 5,9 milioni di persone per un mese in totale.

A causa della mancanza di carburante, solo 1,4 milioni di abitanti del Tigray, circa il 25 per cento, sono stati raggiunti, mentre il 15 per cento del carburante necessario e il 35 per cento del denaro necessario per operazioni umanitarie è stato concesso in Tigray dalle autorità etiopi .

Come ci ha detto un membro dello staff delle Nazioni Unite: “Sarebbe più accurato riferire sull’impatto che sugli MT e sul numero di camion che sono sopravvissuti”.

Un altro Biafra?

Funzionari del governo hanno affermato apertamente di imporre un assedio simile al Biafra sul Tigray nel tentativo di soggiogare la regione e sradicare il TPLF.

Il 12 giugno 2021, il ministro degli Affari esteri Demeke Mekonnen ha dichiarato , senza fornire prove, che attori umanitari hanno tentato di contrabbandare armi alle Forze di difesa del Tigray (TDF). Tali accuse sono state utilizzate per impedire agli aiuti di entrare nelle aree detenute da TDF.

Undici giorni dopo, in un’intervista televisiva, Abiy ha sostenuto che il governo Derg ha commesso un errore durante la carestia degli anni ’80 consentendo la consegna degli aiuti al Tigray. Si riferiva alle accuse secondo cui la Società di Soccorso del Tigray (REST), l’ala umanitaria dell’insurrezione del TPLF, ha dirottato parte degli aiuti verso scopi militari negli anni ’80.

Dopo che le forze del Tigray hanno ripreso il controllo di circa il 70 percento del Tigray il 30 luglio 2021, l’Amhara Media Corporation ha pubblicato un articolo chiedendo di trasformare il Tigray in un altro Biafra “togliendo il respiro da tutte le direzioni”.

Gizaw Legesse, giornalista regolarmente presente su ESAT TV, ha affermato che la strategia del governo dovrebbe essere quella di costruire una zona cuscinetto intorno al Tigray per dare alla gente “tempo per riflettere” per tre o cinque anni.

Gizaw ha fatto seguito di recente con un post su Facebook in cui chiedeva al governo di “trascinare i negoziati per anni, di non dare nulla gratuitamente prima o durante i negoziati, di rendersi conto che il tempo è dalla parte dell’Etiopia … e di capire che sotto il presente circostanze, l’Etiopia perde poco perseguendo il contenimento”.


Il 4 agosto, Mitiku Kassa, il commissario della Commissione nazionale per la gestione del rischio di catastrofi dell’Etiopia, ha pubblicamente respinto gli inviti ad aprire le rotte tra il Sudan e il Tigray per la consegna degli aiuti.

Settimane dopo, Mitiku ha dichiarato che la politica etiope è di limitare pesantemente gli aiuti al Tigray a causa del timore che possa potenziare l’esercito del Tigray. Come prova, ha prodotto una fotografia di un colonnello del TDF che si è arreso fianco a fianco con le foto dei biscotti ad alta energia USAID.

Mitiku è stato arrestato all’inizio di luglio, ma ciò non sembra correlato al suo coinvolgimento nel blocco del Tigray.

Il 18 ottobre, il ministero degli Affari esteri ha dichiarato che è assurdo aspettarsi un accesso umanitario illimitato al Tigray mentre il TPLF sta attaccando.

Il giorno successivo, Abiy ha detto senza mezzi termini al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres che l’Etiopia non aprirà l’accesso umanitario per le Nazioni Unite al Tigray “a meno che il TPLF non ritiri le forze” da Amhara e Afar.

Un mese dopo, Debede Desisa, ministro di Stato del Servizio di comunicazione del governo, ha avanzato accuse infondate secondo cui alcune organizzazioni umanitarie hanno un’agenda politica.

Il 5 gennaio 2022, il ministro dei servizi di comunicazione del governo Legesse Tulu ha dichiarato che se le persone in Tigray vogliono che i loro diritti siano rispettati, dovrebbero insorgere contro il TPLF. In altre parole, ha ammesso che questi diritti sono stati deliberatamente violati per punire i tigrini per aver sostenuto il loro governo regionale eletto.

Poco prima che la tregua umanitaria fosse dichiarata il 24 marzo, il presidente della regione di Afar, Awol Arba, ha affermato: “non possiamo permettere che gli aiuti raggiungano il Tigray”.

Il 27 marzo, Yodahe Zemichael, Direttore Esecutivo del Programma di identificazione nazionale presso l’Ufficio del Primo Ministro, ha dichiarato che le richieste di aiuti umanitari fanno parte di un tentativo di cambio di regime e che la carestia nel Tigray è orchestrata dal TPLF a tal fine.

Alla fine di marzo, il governo federale ha comunicato formalmente di aver concesso aiuti per un’intera settimana al Tigray. Questa è stata una tacita ammissione che la decisione sull’erogazione o meno degli aiuti è nelle mani del governo etiope.

Infine, il 5 giugno, il vice primo ministro Demeke ha ammesso che il governo federale blocca gli aiuti perché possono essere utilizzati dal TPLF.

Nonostante tali prove inconfutabili, i sostenitori del governo accusano il TPLF di essere responsabile della mancanza di accesso umanitario.

Tra 250.000 e 500.000 civili sono morti in Tigray, tra cui si stima che da 50.000 a 100.000 vittime di omicidi diretti, da 150.000 a 200.000 morti per fame e più di 100.000 morti causate dalla mancanza di assistenza sanitaria.

Retorica genocida

Secondo queste dichiarazioni di alte autorità etiopi, l’assedio e l’embargo del Tigray sono atti di guerra intenzionali. Il piano è costringere il popolo del Tigray e il loro governo regionale a sottomettersi.

Bisogna riconoscere che tenere in ostaggio una popolazione civile è un crimine di guerra secondo le Convenzioni di Ginevra. Anche l’uso della fornitura di aiuti e della ripresa dei servizi di base come elettricità, banche, commercio e telecomunicazioni come merce di scambio è moralmente fallimentare.

Le giustificazioni ufficiali per la fame nel Tigray fornite ai diplomatici stranieri – come ostacoli burocratici, che i camion degli aiuti non sono tornati , conflitto ad Afar lungo una delle dozzine di strade di accesso e danni collaterali alle infrastrutture – sono incredibilmente superficiali in contrasto con l’implacabile dichiarazioni rilasciate da funzionari del governo etiope.

Con il senno di poi, il piano per decimare o addirittura sterminare il TPLF e i Tigrini è stato articolato per decenni dalle élite nazionaliste etiopi e amhara.

La scioccante dichiarazione del consigliere di Abiy Daniel Kibret, diacono e predicatore della Chiesa ortodossa etiope, secondo cui l’Etiopia ha bisogno di sterminare i Tigrini, proprio come fecero gli inglesi con i Tasmaniani negli anni ’30 dell’Ottocento, si adatta a una narrazione iniziata vent’anni prima .

Wodajeneh Meharene, un pastore evangelico e uno stretto confidente di Abiy, crede anche che “ bloccare l’accesso umanitario ” per affamare il popolo del Tigray alla sottomissione sia un modo legittimo per portare a conclusione la guerra.

Daniel e Wodajeneh esercitano un’influenza significativa nelle rispettive denominazioni cristiane. I loro appelli per un’azione collettiva contro i tigrini mostrano come i leader religiosi politicizzati siano diventati in Etiopia . Ciò ha probabilmente contribuito alla diffusa accettazione della guerra all’interno di alcune comunità religiose.

Tali opinioni sono la continuazione di numerosi articoli pubblicati nel quotidiano Askual di Eskinder nel 2004. Essi esortavano gli etiopi a sradicare “gli ebrei cancerosi della nazione” (i Tigrini) imitando la politica di sterminio della Germania nazista. Scritti in amarico, con il titolo “Perditi, Giuda”, questi articoli sono rimasti sotto il radar della maggior parte degli osservatori stranieri.

Un articolo, pubblicato il 1 maggio 2004 , afferma: “I tedeschi si alzarono risolutamente. La loro lotta è continuata. Gli ebrei furono catturati in massa e deportati nei campi di concentramento. In particolare, sono stati presi di mira gli ebrei maschi di età compresa tra i 16 e i 60 anni”.

Per molti versi, questi pezzi leggono come un copione per i massacri , la fame e le detenzioni avvenute in Tigray dal novembre 2020.

Mentre Eskinder e altri come lui sono responsabili della propagazione di tale retorica palesemente genocida, i colpevoli diretti che hanno compiuto i massacri del Tigray e attuato il blocco sono i governi dell’Etiopia , dell’Eritrea e della regione di Amhara .


Jan Nyssen è professore di geografia fisica all’Università di Gand in Belgio. Svolge attività di ricerca in Etiopia dal 1994.

Questo è il punto di vista dell’autore. Tuttavia, Ethiopia Insight correggerà chiari errori di fatto.

Foto principale: Illustrazione di Illu Poppe, La Libre Belgique.


Per concessione di Ethiopian Insight – Pubblicato con licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International

Lascia un commento