Salta al contenuto

Etiopia, la pulizia etnica invisibile in Tigray che il mondo ignora

La pulizia etnica invisibile dell’Etiopia

Il mondo non può permettersi di ignorare il Tigray

Per più di un anno e mezzo, nella regione settentrionale del Tigray, in Etiopia, si svolge una campagna di pulizia etnica in gran parte invisibile. Anziani , donne e bambini sono stati caricati su camion e costretti a lasciare i loro villaggi e città natale. Gli uomini sono stati rinchiusi in luoghi di detenzione sovraffollati, dove molti sono morti per malattie, fame o torture. In totale, diverse centinaia di migliaia di tigrini sono stati sradicati con la forza a causa della loro etnia.

Combattenti tigrini che viaggiano fuori Mekelle, Etiopia, giugno 2021 Finbarr O'Reilly / New York Times / Redux
Combattenti tigrini che viaggiano fuori Mekelle, Etiopia, giugno 2021
Finbarr O’Reilly / New York Times / Redux

Questi crimini sono una conseguenza di una guerra iniziata nel novembre 2020, che ha contrapposto le forze federali etiopi e i loro alleati, comprese le truppe dell’Eritrea e della vicina regione etiope di Amhara, contro le forze legate al Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) , che un tempo guidava Il governo di coalizione dell’Etiopia. All’inizio del conflitto, le forze di sicurezza e i funzionari di Amhara hanno ottenuto il controllo del Tigray occidentale, un’area a lungo contesa della regione, dove con l’acquiescenza e la possibile partecipazione dell’esercito federale etiope, hanno condotto una brutale campagna di pulizia etnica contro le comunità tigriane .

Molti di questi abusi sono stati nascosti alla vista. Il governo del primo ministro etiope Abiy Ahmed ha imposto restrizioni alla comunicazione in tutto il Tigray e ostacolato gli sforzi di investigatori indipendenti, giornalisti e operatori umanitari, rendendo difficile la verifica dei resoconti della regione. Nella prima metà del 2021, sono comunque emerse notizie agghiaccianti di stupri, uccisioni e sfollamenti di massa, spingendo il segretario di Stato americano Antony Blinken a condannare la pulizia etnica e invitare le truppe etiopi e amhara a ritirarsi. Le autorità etiopi, tuttavia, da allora hanno sigillato quasi completamente il Tigray, interrompendo le telecomunicazioni e persino i servizi bancari.

Ma come hanno dimostrato gli investigatori di Amnesty International e Human Rights Watch , le atrocità sono continuate. Per oltre dieci mesi dopo la condanna di Blinken della pulizia etnica, i funzionari regionali e le forze di sicurezza di Amhara hanno condotto una campagna sistematica di crimini di guerra e crimini contro l’umanità , inclusi omicidio, detenzione illegale e tortura, sfollamento forzato , violenza sessuale, possibile sterminio e altri atti disumani. Gli Stati Uniti e altri paesi hanno fatto pressioni per la cessazione delle ostilità e hanno cercato di negoziare l’accesso umanitario al Tigray, ma hanno ampiamente ignorato gli orrori nell’ovest della regione. Non possono più permettersi di distogliere lo sguardo.

“ESCI O TI UCCIDIAMO”

Il Tigray occidentale è un’area fertile dell’Etiopia nordoccidentale che confina con il Sudan e l’Eritrea . All’inizio degli anni ’90, il precedente governo etiope , guidato dal TPLF, incorporò la zona nel nuovo stato regionale del Tigray, ponendo le basi per controversie decennali su confini, autogoverno e identità. Alcuni Amhara etnici consideravano questi cambiamenti come un’annessione, ritenendo che il territorio avrebbe dovuto diventare parte dello stato regionale di Amhara . In varie occasioni, Amharas nel Tigray occidentale ha cercato di ottenere un maggiore riconoscimento e rappresentanza nel governo, presentando senza successo una petizione a funzionari regionali e federali e organizzando proteste che eranoviolentemente represso.

Lo scoppio della guerra nel 2020 ha portato alla ribalta queste lamentele di vecchia data . Funzionari di Amhara, le cui forze combatterono al fianco delle truppe federali etiopi, stabilirono il controllo amministrativo sul Tigray occidentale. Ben presto iniziarono i crimini di guerra e la pulizia etnica . Le forze federali etiopi hanno bombardato indiscriminatamente città e villaggi mentre le forze speciali di Amhara – forze paramilitari responsabili davanti al governo regionale di Amhara – e le milizie alleate di Amhara hanno eseguito esecuzioni extragiudiziali nelle città dell’area.Decine di migliaia di tigrini furono costretti a fuggire. Nel mezzo dell’offensiva, miliziani del Tigray e altri residenti hanno ucciso decine di residenti di Amhara e lavoratori stagionali nella città di Mai Kadra. Nei giorni successivi, le forze di Amhara e le truppe federali etiopi hanno preso di mira i tigrini in un’ondata di omicidi per vendetta, detenzioni arbitrarie ed eventuali espulsioni .

Nei mesi successivi, i nuovi amministratori dell’Amhara, le forze speciali dell’Amhara e le milizie alleate e le truppe eritree hanno saccheggiato i raccolti e il bestiame del Tigray e hanno saccheggiato e occupato le case del Tigray. Queste forze hanno anche sottoposto le donne e le ragazze del Tigray a violenze sessuali, inclusi stupri di gruppo e schiavitù sessuale. Una proprietaria di un negozio della città di Dansha ha riferito di essere stata violentata da una mezza dozzina di miliziani Amhara e ha ricordato i suoi aggressori che dicevano : “Voi tigrini dovreste scomparire dalla terra a ovest di Tekeze “, un fiume che segna il confine tra il Tigray occidentale e il resto della regione.“Sei malvagio e noi purifichiamo il tuo sangue”.

“Sei malvagio e noi purifichiamo il tuo sangue”.

Le autorità e le forze nel Tigray occidentale hanno fatto di tutto per costringere i tigrini ad andarsene. Si sono rifiutati di rilasciare nuove carte d’identità ai tigrini, hanno limitato i loro movimenti e l’accesso all’assistenza umanitaria e hanno cercato di intimidirli . “Ogni notte continuano a dire: ‘Tigrini, uscite [o] vi uccideremo. Esci. Esci dalla zona’”, ha ricordato una donna di 45 anni che alla fine è fuggita in Sudan. In diverse città sono stati esposti cartelli che ordinavano ai tigrini di andarsene e gli amministratori locali hanno discusso in riunioni pubbliche dei loro piani per rimuovere i tigrini. Sono apparsi opuscoli che davano ai tigrini ultimatum di 24 o 72 ore per andarsene o essere uccisi.

Le forze di Amhara hanno anche ucciso molti tigrini in custodia . In un solo giorno nel gennaio 2021, le forze speciali di Amhara hanno radunato e massacrato circa 60 uomini del Tigray sulle rive del fiume Tekeze in rappresaglia per le perdite sul campo di battaglia delle forze di Amhara. Entro marzo 2021, centinaia di migliaia di tigrini, vacillanti per mesi di abusi e in un disperato bisogno di assistenza umanitaria, erano stati rimossi con la forza dall’area o costretti ad andarsene.

Poi, alla fine del 2021, le forze di Amhara hanno effettuato l’ ennesima ondata di espulsioni forzate e uccisioni nel Tigray occidentale. I tigrini rimanenti sono stati radunati e tenuti in luoghi di detenzione. Secondo le Nazioni Unite , 29.000 persone , alcune delle quali prelevate direttamente dalla detenzione , sono state trasferite con la forza in altre parti del Tigray solo nel mese di novembre. Lì hanno affrontato il peso di un effettivo assedio imposto dal governo federale , che, nonostante abbia promesso una tregua umanitaria, continua a limitare gli aiuti ei servizi di base nella regione.

MORTE IN CARCERE

Per i Tigray che rimangono incarcerati nel Tigray occidentale , l’orrore è continuato . Dal gennaio 2022, le forze di sicurezza di Amhara hanno detenuto centinaia, forse migliaia, di Tigrini in strutture sovraffollate , dove i detenuti sono stati uccisi, torturati e gli è stato negato cibo e cure mediche adeguate. Alcuni sono morti di fame.

Questo trattamento dei detenuti del Tigray può equivalere allo sterminio.

Nella città di Humera, dove le milizie Amhara , a volte assistite dalle truppe federali etiopi e dalle forze speciali Amhara , controllano una rete di luoghi di detenzione formali e informali, gli ex prigionieri ricordano le orribili condizioni di vita. “Le guardie avrebbero aspettato tre, quattro, cinque giorni e poi avrebbero preso [i corpi] e li avrebbero gettati nella valle”, ha detto un uomo che è stato detenuto in un magazzino noto come Enda Yetbarek a Humera . “ Aspetterebbero che i corpi puzzassero e si gonfiassero. . . . [Loro] renderebbero persino i prigionieri” smaltire i corpi. In un’altra prigione, chiamata Bet Hintset, un detenuto che è scappato ha descritto un’esperienza simile: “L’ultimo giorno in cui sono stato lì, circa quattro persone sono morte e hanno scelto circa 12 di noi per aiutare a portare i corpi là fuori e metterli su un trattore che aspettava fuori”.

Questo trattamento dei detenuti del Tigray può equivalere allo sterminio, un crimine contro l’umanità che è definito nello Statuto di Roma della Corte penale internazionale come “l’inflizione intenzionale di condizioni di vita, tra l’altro la privazione dell’accesso al cibo e alle medicine, calcolata per portare sulla distruzione di parte di una popolazione”. Negando ai prigionieri le cure mediche necessarie e il cibo adeguato, e impedendo ai parenti e ai vicini di portare loro cibo, le autorità di Amhara stanno agendo con più che insensibile disprezzo per la vita delle loro accuse; possono benissimo avere l’intenzione di causare la loro morte .

VERSO LA GIUSTIZIA

Per fermare questi crimini e porre fine alle sofferenze dei Tigray detenuti e sfollati , le autorità federali e regionali dell’Etiopia dovrebbero consentire immediatamente alle agenzie umanitarie internazionali di accedere a queste strutture di detenzione e operare senza ostacoli in tutto il Tigray . Ciò significa tenere a freno le forze di sicurezza abusive , nonché sospendere e ritenere responsabili coloro che sono coinvolti in crimini.

Niente di tutto ciò accadrà senza un’azione internazionale, tuttavia. Sia il Consiglio per la pace e la sicurezza dell’Unione africana che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non sono riusciti ad agire per affrontare la crisi in Etiopia, mettendo ancora una volta in discussione la loro capacità di proteggere le popolazioni vulnerabili e prevenire atrocità di massa. Questi organismi internazionali devono includere l’Etiopia nelle loro agende formali, premere per l’accesso immediato alle strutture di detenzione nel Tigray occidentale e insistere su un accesso sostenuto e senza ostacoli da parte delle organizzazioni umanitarie . Come parte di qualsiasi accordo tra le parti in guerra dell’Etiopia , dovrebbero sostenere il dispiegamento di una forza internazionale di mantenimento della pace guidata dall’UAnel Tigray occidentale con il mandato di proteggere i civili e monitorare i diritti umani.

Anche gli Stati Uniti, l’Unione Europea e le potenze regionali dovrebbero richiedere indagini indipendenti credibili sugli abusi nel Tigray occidentale. La Commissione internazionale di esperti in materia di diritti umani sull’Etiopia, su mandato del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite , e la Commissione d’inchiesta istituita dalla Commissione africana sui diritti umani e dei popoli dovrebbero considerare prioritario documentare le violazioni dei diritti umani nel Tigray occidentale e premere per giustizia credibile e riparazione per reati gravi . Mentre il velo si alza sulle atrocità nel Tigray occidentale, il governo etiope e gli organismi internazionali devono fermare gli abusi e porre fine all’impunità.In gioco c’è la sopravvivenza di migliaia di tigrini detenuti e di centinaia di migliaia di altri che vivono nella paura o sono fuggiti dalle loro case e vivono in condizioni di quasi assedio.


AUTORI:

  • AGN È S CALLAMARD è Segretario Generale di Amnesty International.
  • KENNETH ROTH è Direttore Esecutivo di Human Rights Watch.

FONTE: https://www.foreignaffairs.com/articles/ethiopia/2022-06-02/ethiopias-invisible-ethnic-cleansing

Lascia un commento