Salta al contenuto

Tigray & La Coraggiosa Difesa Nonviolenta dell’Ospedale Ayder – Mekellé

Riporto l’attività di difesa nonviolenta degli etiopi di origine tigrina contro l’ invasione ed occupazione del rinomato Ospedale universitario Ayder a Mekellé, capitale delllo stato regionale del Tigray, in Etiopia.

Questa è la traduzione del racconto e dell’esperienza diretta riportata dal Professore neurochirurgo Tony Magana un anno fa: nei primi giorni dall’ inizio della guerra genocida in Tigray.

Tigray Etiopia difesa nonviolenta Mekelle
Uomini e donne Mekelle cittadini di tutte le fedi hanno posto blocchi stradali per prevenire il saccheggio dell’ospedale di Ayder nel novembre 2020

Questa è la storia a cui ho assistito dei coraggiosi civili disarmati che protestavano pacificamente e impedivano alle forze di invasione di saccheggiare l’ospedale specializzato globale Ayder a Mekelle, in Etiopia, nel novembre del 2020. Mi sono esibito in neurochirurgia, ho insegnato a borsisti e studenti di medicina all’Università di Mekelle nel Tigray regione dell’Etiopia dal 2015 in un’università e ospedale federale. In quanto tale, sono stato presente a Mekelle dall’inizio della guerra tra le forze di difesa del Tigray e le forze etiopi/eritree dall’inizio fino alla mia evacuazione circa 3 mesi dopo per volere dell’influenza internazionale e della mia famiglia, che è stata tre giorni di guida attraverso più checkpoint e aree instabili fino a quando non siamo finalmente arrivati ​​ad Addis Abeba.

Il giorno prima dell’occupazione di Mekelle sapevamo che le forze di difesa del Tigray avevano lasciato la città nella speranza di evitare vittime civili. Eppure nelle prime ore del mattino iniziò uno sbarramento di artiglieria che prese di mira essenzialmente l’intera città. I colpi stavano atterrando circa ogni 5 secondi. Questo è durato fino alle prime ore del mattino del giorno successivo. Si è fermato per un po’ e poi è stato riavviato per diverse ore. Nelle mie immediate vicinanze, a pochi isolati dall’ospedale della Mekelle University, l’Ayder Comprehensive Specialized Hospital, molte case ed edifici sono stati distrutti e molti sono stati uccisi. Un mercato e una casa per anziani è stato colpito direttamente uccidendo e ferendo molti.

A circa 200 metri da casa mia, una casa che ospitava una grande famiglia allargata ha subito un colpo diretto che ha mandato schegge a rompere le mie finestre verso le 6:30 del mattino. Sono corso laggiù per trovare una giovane donna per strada con una grave ferita sanguinante nella parte superiore della gamba, ma quello era solo l’inizio dell’orrore. Le pareti della casa erano state distrutte su due lati e il resto sembrava un formaggio svizzero con molte perforazioni. A terra c’era una giovane donna immobile che aveva solo una macchia rossa a terra dove avrebbe dovuto essere il suo petto. Le sue braccia senza vita erano tese e ognuna teneva in braccio i bambini. I bambini piangevano. Quando ho tirato indietro i loro capelli ho scoperto che centinaia di piccoli frammenti di munizioni erano penetrati nel cuoio capelluto di entrambi i bambini anche se gli occhi sembravano a posto. Non c’era niente che potessimo fare per la madre, né per sua madre che giaceva accanto a lei, morta per aver penetrato le schegge. I restanti membri della famiglia hanno portato la sorella con la gamba ferita ei bambini all’Ayder Comprehensive Specialized Hospital.

Al pronto soccorso dell’ospedale si sono susseguite ondate di ambulanze e veicoli privati ​​che hanno portato i colpiti dall’attacco, tutti civili. Alcuni potevano essere aiutati, ma molti erano oltre ogni speranza. Siamo riusciti a salvare i bambini e la loro zia dall’attacco vicino a casa mia. Anche se in passato a volte avremmo subito vittime di massa a causa di incidenti di autobus, questa era una grandezza molto maggiore poiché nelle prime ore abbiamo visto più di 120 pazienti.

Prima dell’invasione della città, abbiamo ricevuto cause civili, causali delle forze di difesa del Tigray e anche cause federali/eritree. Li abbiamo trattati tutti allo stesso modo. La gente del posto ha persino portato cibo e coperte per tutti i gruppi. Tuttavia dopo l’invasione il tenore della forza d’invasione cambiò. Molti pazienti sono stati improvvisamente portati via in luoghi sconosciuti e non ci è stato permesso di indagare.

Mentre le forze d’invasione si avvicinavano abbiamo visto molte donne con mutilazioni volgari della loro vagina, amputazioni, ferite facciali e ferite mortali da arma da fuoco e lame. C’erano donne colpite alla schiena apparentemente in fuga dalle forze d’invasione eritree ed etiopi. A volte i loro bambini piccoli venivano portati con la decapitazione parziale.

Il giorno successivo, il 26 novembre 2020, le forze armate federali etiopi e le forze eritree hanno invaso incontrastate la città di Mekelle. Per i giorni successivi a Mekelle c’erano forze etiopi ed eritree che saccheggiavano, sparavano, rapinavano e molestavano i civili in tutta la zona di Ayder dove vivevo e dove si trovava l’ospedale. L’ospedale era occupato da regolari dell’esercito etiope, poi da Forze Speciali di Oromia e dalla cosiddetta Polizia Federale. Questi combattenti sarebbero stati in ogni stanza a guardare tutto ciò che facevano infermieri e medici. Ci hanno detto di scrivere nella cartella clinica che eventuali ferite civili sono state causate da combattenti del Tigray e non da forze etiopi o eritree. Poi improvvisamente per circa mezza giornata sono scomparsi.

Il passaparola in città diceva che gli eritrei saccheggiassero servizi pubblici, scuole, ecc.

L’ospedale era sempre stato motivo di orgoglio e necessità non solo per Mekelle ma per tutto il Tigray.

Azione Nonviolenta di difesa per salvare l’Ospedale Ayder

La popolazione locale di civili iniziò a mettere pneumatici, tronchi e pietre per bloccare camion o altri veicoli nelle strade circostanti l’Ayder Comprehensive Specialized Hospital, il principale ospedale universitario e terziario del Tigray, temendo che l’ospedale molto apprezzato dalla città verrebbe distrutta o saccheggiata. Soldati speciali dal mantello rosso si sono presentati e hanno iniziato a molestare sempre di più la gente del posto.

Tra i primi a chiamare i cittadini all’azione c’è stato il muazzin della moschea Adishmdhun. Sebbene non ci fosse elettricità in città usando il generatore e il microfono della moschea, ha chiamato le persone a guardia dell’ospedale. Il messaggio era “a tutti i residenti di Mekelle siate musulmani, cristiani, maschi o femmine: Ayder è stato saccheggiato, quindi andate a proteggere il vostro ospedale”. Immediatamente la gente cominciò a fare i raduni. C’era un gruppo di motociclisti che tendevano a radunarsi in un pub a pochi isolati dall’ospedale che iniziò a chiamare la stessa cosa usando un altoparlante. I gruppi di giovani e gli anziani della comunità hanno risposto alla chiamata. La manifestazione e il blocco delle strade è stato fatto con persone di tutte le fedi e di diverse etnie.

La gente del posto non si è tirata indietro. Si sono radunati a migliaia e hanno iniziato a circondare l’ospedale 24 ore al giorno. Molte volte semirimorchi e camion più piccoli guidati da eritrei che erano vuoti hanno cercato di raggiungere l’ospedale per saccheggiarlo, ma sono stati bloccati fisicamente dai manifestanti che si trovavano sulla loro strada. A un certo punto un gruppo di giovani gridava ai soldati a una decina di metri davanti a me. Improvvisamente i soldati hanno sparato contro di loro ne hanno ucciso uno e ferendone altri due. In quel momento c’erano pneumatici che bruciavano in tutto l’ospedale con migliaia di manifestanti. I soldati erano spaventati e io temevo che sarebbe successo il peggio. Era teso fino al mattino. Alla fine gli invasori hanno detto ai camion in fila guidati da eritrei in borghese di partire.

Le foto che avevo dell’evento sono state cancellate dalle pattuglie eritree che mi perquisivano ogni giorno che andavo in ospedale, ma non dimenticherò mai il coraggio delle persone a Mekelle che disarmate hanno difeso il loro ospedale.


Professor Tony Magana

Il professor Tony Magana è a capo del Dipartimento di Neurochirurgia, Scuola di Medicina, College of Health Sciences presso la Mekelle University di Mekelle, in Etiopia. Dirige un programma di residenza e formazione in neurochirurgia, nonché ricerca in neuroscienze.

FONTE: https://blog.ethiopianeurosurgery.com/the-brave-nonviolent-defense-of-ayder-hospital-by-mekelle-citizens-a-year-ago

Lascia un commento