Salta al contenuto

Quattro Modi in Cui il Governo Etiope Manipola i Media – AA African Arguments

Dalle molestie mirate ai blackout, Addis Abeba ha cercato di diluire, distrarre e deviare dalla copertura delle atrocità nella guerra del Tigray.


Traduzione dell’articolo apparso su African Arguments e scritto da Meron Gebreananaye, Saba Mah’derom e Kisanet Haile Molla


At a media roundtable in Gondar, Ethiopia, in 2015. Credit: UNICEF Ethiopia / 2015/Tesfaye.
At a media roundtable in Gondar, Ethiopia, in 2015. Credit: UNICEF Ethiopia / 2015/Tesfaye.

Nonostante la condanna quasi universale e la volontà per le atrocità commesse nella guerra del Tigray, non sembriamo vicini alla sua fine. Dall’inizio del conflitto 14 mesi fa, ci sono state segnalazioni di massacri di civili , pulizia etnica , stupri armati , guerra indiscriminata con droni e una crisi umanitaria nel mezzo di un blocco imposto dal governo etiope. Lontani dal campo di battaglia, i tigrini hanno subìto molestie , incitamento all’odio , uccisioni di mafia e arresti di massa .

Molti organismi internazionali e governi stranieri hanno denunciato queste violazioni, ma sono stati ripetutamente incapaci del tipo di azione necessaria per porre fine alla guerra o al blocco umanitario.

Ci sono molti fattori che inibiscono questi attori internazionali – dalla geografia alle loro stesse situazioni interne – ma uno dei fattori chiave da non sottovalutare è la campagna aggressiva del governo etiope per silenziare o diluire la copertura delle atrocità e i suoi tentativi di plasmare la narrativa.

Ecco quattro strategie che ha impiegato a questo proposito.

1) Interruzione delle comunicazioni

All’inizio della guerra, il 4 novembre 2020, il governo etiope ha imposto un blackout totale delle comunicazioni nel Tigray, tagliando il servizio telefonico e internet. Da allora queste misure sono continuate, consentendo ad Addis Abeba di offuscare o negare segnalazioni di violazioni o crisi nella regione.

In questa “ guerra delle narrazioni ”, ha anche il governo etiope ha messo la museruola ai media nazionali . Ha arbitrariamente imprigionato , aggredito e persino ucciso giornalisti . Il Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ) ha documentato molti recenti casi di molestie e persecuzioni nei confronti di giornalisti e operatori dei media. A fine 2021 almeno 14 giornalisti erano in carcere , cifra che non tiene conto dei giornalisti arrestati ma rilasciati all’inizio dell’anno.

Il governo ha preso di mira anche le organizzazioni dei media. Nel luglio 2021, ad esempio, sono stati arrestati in massa quindici dipendenti di due organi di informazione . A ottobre, uno di questi, Awlo Media Center, ha annunciato che “pressioni e ostruzioni” lo avevano costretto a chiudere e licenziare tutti i suoi dipendenti. Molte altre testate si sono sentite prese di mira in modo similare, tra cui Addis Standard, una delle fonti di notizie più popolari e critiche dell’Etiopia, che ha sospeso temporaneamente le operazioni nel luglio 2021 dopo il ritiro della licenza.

2) Copertura internazionale di polizia

Il governo si è impegnato in sforzi simili per controllare la copertura internazionale. Ha negato ai giornalisti l’accesso alla regione del Tigray, molestato i media stranieri ed espulso giornalisti come Simon Marks del New York Times . Il rappresentante del CPJ per l’Africa subsahariana, Muthoki Mumo, ha descritto “sforzi inquietanti per controllare la narrativa sul conflitto nel Tigray e l’intolleranza ai rapporti critici”.

Alcune azioni sono state meno dirette e progettate per incoraggiare l’autocensura. Nel novembre 2021, ad esempio, il governo ha avvertito nel suo proclama sullo stato di emergenza che avrebbe “annullato le licenze o sospeso qualsiasi mezzo di comunicazione o giornalista che fornisse supporto morale a gruppi terroristici, direttamente o indirettamente”.

Lo stato ha anche costantemente criticato i media internazionali e fatto accuse di una campagna “orchestrata” di false dichiarazioni da parte di testate rispettabili. Il governo si è opposto a quello che vede come “l’assassinio del personaggio” del primo ministro Abiy Ahmed; ciò che considera la rappresentazione eccessivamente comprensiva dei suoi oppositori; e persino l’uso del termine “forze del Tigray” (TDF – Tigray Defence Forces – i partigiani tigrini – n.d.r.), che sostiene sia “utilizzato di proposito per tracciare divisioni all’interno delle comunità”. Questo tipo di affermazioni sono state fatte ripetutamente , sminuendo e distraendo dai resoconti di atrocità e rendendo la vita difficile ai giornalisti.Ancora più preoccupante, i sostenitori di Abiy nelle piattaforme come Voice of America si sarebbero uniti nel ripetere a pappagallo la linea del governo.

3) Politicizzare le preoccupazioni umanitarie

Il governo etiope ha lanciato accuse simili contro le organizzazioni internazionali più in generale per confondere le acque e delegittimare le preoccupazioni sulle violazioni dei diritti umani. Ha affermato che le organizzazioni umanitarie e i governi stanno arrivando le forze del Tigray e hanno riformato la guerra civile come una lotta neocolonialista.

Il governo ha usato questa narrativa per giustificare la sua decisione di espulsione di organizzazioni umanitarie e funzionari di livello delle Nazioni Unite . Ha anche utilizzato l’inquadratura di una lotta coloniale per rafforzare il sostegno interno alla guerra e per i sostenitori della diaspora per condurre campagne dentro e fuori i social media per intimidire e mobilitare le organizzazioni e governi internazionali (Movimento #NoMore n.d.r.). Tragicamente, questa politicizzazione degli aiuti si è anche tradotta in attacchi agli operatori umanitari, provocando già almeno 23 morti .

4) Campagne che criminalizzano gli individui

Infine, il governo e i suoi sostenitori hanno tentato di controllare la narrativa diffamando individui influenti che potrebbero avere l’autorità di sollevare preoccupazioni legittime. Un esempio straordinario di ciò è stata la campagna sui social media in cui si affermava che il Segretario di Stato americano, Anthony Blinken , era in qualche modo un agente del Fronte di liberazione del popolo tigrano (TPLF).

L’esempio più potente di questa tendenza, tuttavia, è l’assalto quasi continuo al Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS – WHO), Tedros Adhanom Ghebreyesus. Questa campagna, che rivela una tempesta perfetta di criminalizzazione dell’identità tigrina e varie strategie impiegate per censurare le organizzazioni umanitarie, merita un’occhiata più da vicino.

Fin dall’inizio della guerra, il regime etiope ha avanzato accuse assurde secondo cui il capo dell’OMS stava cercando di procurarsi armi per le forze del Tigray. Nonostante le smentite di Tedros e gli appelli inequivocabili alla pace , la campagna è proseguita sui social media, coinvolgendo una serie di post odiosi e razzisti, nonché teorie del complotto che sono state amplificate dai resoconti ufficiali del governo. Dato il suo tentativo (del Premier etiope Abiy Ahmed Ali – n.d.r.) di posizionarsi come il guardiano del panafricanismo contro l’imperialismo occidentale, è ironico che il governo etiope sia responsabile di aver molestato il primo africano a servire – e con notevole successo – come il capo dell’OMS.

A seguito della richiesta dell’OMS per l’accesso umanitario al Tigray nel gennaio 2022, che riflette gli appelli degli operatori sanitari di tutto il mondo sull’imminente collasso del sistema sanitario nel Tigray, la campagna contro Tedros si è intensificata. Nel tentativo di ridurre al minimo i rapporti profondamente angoscianti di crisi umanitarie e il prendere di mira civili e infrastrutture civili, il governo etiope ha raddoppiato le sue molestie nei confronti del Tegaru più conosciuto al mondo presentando accuse di cattiva condotta e richiedendo indagini. Simile a quando ha espulso funzionari delle Nazioni Unite sulla base di accuse altrettanto vaghe, il regime non ha fornito alcuna prova significativa.

Lotta alla disinformazione

Questi sono solo alcuni esempi dei modi in cui il governo etiope cerca di screditare rapporti critici e inserire disinformazione nell’ecosistema dei media. Questa disinformazione viene quindi replicata, perpetuata e amplificata, confondendo la percezione internazionale della guerra del Tigray e distogliendo l’attenzione dalla crisi umanitaria in corso e dalle violazioni dei diritti umani.

Quando una crisi umanitaria ha travolto milioni di persone e causato sofferenze così immense, la gravità di consentire alle strategie di un regime irresponsabile di offuscare la realtà isolando ed oscurando un’intera regione dal resto del mondo deve essere denunciata e condannata da tutti gli attori, compresi i media.


Meron Gebreananaye è uno studente di dottorato con sede nel Regno Unito. È editore per Tghat.com e membro dei consigli di amministrazione di Tigrai Hub & Women of Tigray. Saba Mah’derom è una studentessa di Master con sede negli Stati Uniti. È membro dei consigli di amministrazione di Tigrai Hub & Women of Tigray. Kisanet Haile Molla è laureata in ingegneria spaziale con sede nei Paesi Bassi. È la fondatrice di Tigrai Hub.

FONTE: https://africanarguments.org/2022/02/four-ways-the-ethiopian-government-manipulates-the-media/

Lascia un commento