Salta al contenuto

Eritrea – Report 2022 HRW – Human Rights Watch

Le forze del governo eritreo hanno  commesso crimini di guerra , possibili crimini contro l’umanità e altre gravi violazioni contro i civili del Tigray durante il  conflitto in corso  nella regione del Tigray in Etiopia. Le forze eritree hanno  anche fatto  sparire con la forza dozzine di rifugiati eritrei che vivevano lì, ne hanno violentati diversi, ne hanno rimpatriato coercitivamente centinaia e hanno distrutto due campi profughi eritrei. Le forze eritree hanno anche commesso un diffuso saccheggio con  gran parte del bottino riportato in Eritrea .

Eritrea Report 2022 HRW - Human Rights Watch
Eritrea Report 2022 HRW – Human Rights Watch

In patria è continuata la repressione del governo, anche attraverso la coscrizione forzata, rastrellamenti di massa per riempire i ranghi dell’esercito e un diffuso lavoro forzato. Il governo ha anche severamente limitato la libertà di espressione, opinione e fede.

L’Eritrea è stata governata dal suo presidente non eletto, Isaias Afewerki, dall’indipendenza nel 1993, senza legislatura, organizzazioni della società civile indipendenti e magistratura indipendente. La costituzione transitoria, che garantisce i diritti civili, non è mai stata attuata, rimuovendo tutti i controlli sull’arbitrio di Isaias.

Settembre ha segnato il  20° anniversario  dell’inizio della repressione del governo nei confronti dei critici percepiti, compreso l’arresto di 11 funzionari governativi di alto rango e 10 giornalisti, e la chiusura di organi di informazione di proprietà privata. Non ci sono informazioni sul luogo in cui si trovino 20 dei 21.

Crimini di guerra e altri abusi nel Tigray

Le forze di difesa eritree (EDF) hanno commesso abusi diffusi contro i civili durante il loro coinvolgimento nel conflitto nella regione del Tigray in Etiopia insieme alle forze di difesa nazionale etiopi (ENDF) contro le forze allineate al Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF).

Il 9 novembre 2020, Human Rights Watch ha  documentato  attacchi di artiglieria lanciati dall’Eritrea che colpivano la città tigriana di Humera, nel Tigray occidentale. Le forze eritree hanno compiuto massacri su larga scala,  esecuzioni sommarieviolenza sessuale diffusa  tra cui stupri, stupri di gruppo e schiavitù sessuale,  saccheggi diffusiattacchi ai campi profughidistruzione e saccheggio dei raccolti .

Coscrizione militare a tempo indeterminato e lavoro forzato

Human Rights Watch ha ricevuto notizie credibili di nuove retate (“giffas” in tigrino, la lingua più parlata) per aiutare a riempire i ranghi dell’esercito a causa delle perdite subite durante la guerra in Tigray, durante la quale le forze di sicurezza avrebbero bloccato alcune aree e radunato individui percepito come in età militare o cercando di eludere la coscrizione. I parenti di coloro che sono stati costretti a combattere nella regione del Tigray non hanno ricevuto un feedback ufficiale sul destino dei loro cari.

Un’organizzazione per i diritti umani della diaspora ha  riferito  che un ragazzo di 16 anni è stato prelevato fuori dalla sua casa nella capitale dell’Eritrea, Asmara, e addestrato per due mesi in Eritrea prima di scomparire. La sua famiglia venne a sapere dove si trovava un mese dopo, quando fu nominato prigioniero di guerra dalle forze del Tigri.

La coscrizione forzata e il dispiegamento nell’esercito sono continuati anche attraverso il  famigerato sistema di servizio nazionale a tempo indeterminato del paese . Per lo più uomini e donne non sposate sono stati mandati a tempo indeterminato nel servizio militare o civile per una paga bassa e senza voce in capitolo sulla loro professione o luogo di lavoro. I coscritti sono spesso soggetti a punizioni disumane e degradanti, inclusa la tortura, senza ricorso. L’obiezione di coscienza non è riconosciuta;  è punito . Il licenziamento dal servizio nazionale è  arbitrario e le procedure sono poco chiare .

Per gli studenti della scuola secondaria, alcuni di appena 16 anni,  la coscrizione inizia al campo militare di Sawa,  dove gli studenti finiscono la scuola secondaria e seguono l’addestramento militare obbligatorio. Gli studenti sono sotto comando militare, con dure punizioni militari e disciplina, e le studentesse hanno  denunciato  molestie e sfruttamento sessuale.

Il governo ha continuato a fare affidamento su insegnanti del servizio nazionale scarsamente formati, il che influisce sulla qualità dell’istruzione primaria e secondaria e sul mantenimento degli insegnanti.

Detenzioni illegali, prolungate e abusive

Migliaia di prigionieri languiscono nella vasta rete carceraria del paese, detenuti in luoghi di detenzione sovraffollati con cibo, acqua e cure mediche inadeguate. Molti sono tenuti in incommunicado e detenuti a tempo indeterminato, a cui vengono negati i diritti fondamentali del giusto processo, senza accesso a consulenza legale, revisione giudiziaria o visite familiari, alcuni per decenni.

Nel settembre 2001, le autorità eritree hanno arrestato 11 funzionari governativi che avevano invitato Isaias a introdurre riforme politiche e 10 eminenti giornalisti che ne avevano parlato. Tra i detenuti c’era il giornalista  Dawit Isaak , con doppia cittadinanza eritreo-svedese, che è stato rilasciato brevemente dal carcere nel 2005, e rimane in detenzione in incommunicado. Almeno 10  dei 21 inizialmente arrestati sarebbero morti durante la detenzione.

Altri detenuti di alto profilo rimangono in detenzione in incommunicado, tra cui   Ciham Ali Abdu , figlia di un ex ministro dell’informazione, detenuta dal dicembre 2012 quando aveva solo 15 anni, e l’ex ministro delle finanze e critico del presidente, Berhane Abrehe,  detenuta  da settembre 2018 . La massiccia popolazione carceraria del paese comprende anche  evasori alla leva o “disertori”,  alcuni dei quali sono stati detenuti mentre cercavano di fuggire dal paese e individui detenuti per le loro convinzioni e pratiche religiose.

Il servizio di radiodiffusione pubblica (PBS) con sede negli Stati Uniti ha pubblicato a maggio un  documentario  che includeva filmati registrati da un ex prigioniero ad  Abi Abeito , una delle strutture di detenzione militari del paese, offrendo uno spaccato delle orribili condizioni. Il film mostra celle così sovraffollate che i prigionieri giacciono uno sopra l’altro, incapaci di allungarsi.

Libertà di religione

Per oltre due decenni, il governo ha  negato la  libertà religiosa a chiunque la cui affiliazione religiosa non corrisponda alle quattro denominazioni che il governo “riconosce”: Islam sunnita, ortodossa eritrea, cattolica romana ed evangelica (luterano). Le persone affiliate a fedi “non riconosciute” continuano a essere imprigionate e la tortura è stata usata per costringerle a rinunciare alla loro religione.

Positivamente, nei primi due mesi dell’anno, il governo ha rilasciato dozzine di detenuti cristiani evangelici e ortodossi detenuti per le loro credenze e pratiche religiose, che  secondo quanto riferito erano  stati detenuti per un periodo compreso tra 2 e 12 anni. Inoltre, dalla fine del 2020 , 32 Testimoni di Geova  sono stati rilasciati, inclusi tre obiettori di coscienza che erano detenuti dal 1994. Nonostante questi rilasci, 20 Testimoni di Geova sono ancora detenuti e il governo ha continuato a limitare severamente le libertà religiose e ad  arrestare persone  a causa della loro pratiche religiose.

Rifugiati

La crisi dei diritti in corso in Eritrea continua a portare gli eritrei all’esilio, compresi i bambini e i giovani in fuga dalla coscrizione.

Per decenni, la regione del Tigray settentrionale dell’Etiopia, appena a sud del confine con l’Eritrea, è stata una delle principali destinazioni per i rifugiati eritrei. All’inizio del conflitto, nel novembre 2020, nel Tigray erano registrati circa 96.000 rifugiati eritrei.

Tra novembre 2020 e gennaio  2021 le forze eritree hanno occupato due volte i campi di Hitsats e Shimelba che ospitavano rifugiati eritrei nel Tigray vicino al confine del paese e hanno sottoposto i residenti del campo a sparizioni forzate, stupri e rimpatri coattivi prima di distruggere i campi. Durante questi due mesi le forze eritree hanno anche preso di mira i tigriani che vivono nelle comunità circostanti, anche attraverso uccisioni e saccheggi diffusi, provocando tensioni significative tra i tigrini e la comunità di rifugiati eritrei. A settembre,  oltre 7.500  rifugiati di entrambi i campi erano rimasti dispersi.

Covid-19

L’ Eritrea  ha rifiutato  di aderire all’iniziativa COVAX guidata dalle Nazioni Unite per ricevere forniture di vaccino contro il Covid-19 e,  secondo quanto riferito , deve  ancora iniziare una campagna di vaccinazione.

Le restrizioni legate al Covid hanno tenuto le scuole in gran parte chiuse durante i primi tre mesi dell’anno,  interrompendo l’istruzione  per oltre 600.000 studenti. Tuttavia, il governo ha continuato a costringere gli studenti delle scuole superiori dell’ultimo anno a frequentare Sawa, dove i dormitori sono affollati e le forniture d’acqua e le strutture sanitarie sono limitate. Gli studenti non sono stati rilasciati da Sawa nonostante la preoccupazione che il virus che causa il Covid-19 potesse diffondersi facilmente nelle condizioni anguste e non igieniche.

Attori internazionali chiave

I media  hanno riferito  a febbraio che gli Emirati Arabi Uniti avevano iniziato a smantellare parti della loro base militare vicino al porto di Assab. La base, istituita nel 2015, aveva sostenuto l’intervento degli Emirati Arabi Uniti nel conflitto in Yemen.

A marzo, l’Unione europea ha  designato  l’agenzia di sicurezza nazionale dell’Eritrea, nell’ambito del suo regime di sanzioni globali per i diritti umani, per gravi violazioni dei diritti umani, comprese uccisioni, arresti arbitrari, sparizioni forzate e torture commesse dai suoi agenti. La Commissione europea ha  annunciato  che circa 1 milione di euro (1,1 milioni di dollari) stanziati in Eritrea nell’ambito del Fondo fiduciario di emergenza dell’UE per l’Africa (EUTF) sarebbero stati riassegnati, adducendo la mancanza di interesse da parte dell’Eritrea. Ciò ha fatto seguito a aspre critiche nel 2020, anche da  parte del Parlamento europeo , al finanziamento dell’UE  dell’approvvigionamento di materiali  per la costruzione di una strada in Eritrea che impiegava lavoro forzato di leva.

Ad agosto, gli Stati Uniti  hanno imposto  sanzioni mirate al generale Filipos Woldeyohannes, capo di stato maggiore delle Forze di difesa eritree (EDF), per gravi violazioni dei diritti umani commesse dalle forze eritree nel Tigray.

A settembre, l’amministrazione Biden ha  emesso un ordine esecutivo che  consente agli Stati Uniti di sanzionare le persone “responsabili o complici del prolungamento del conflitto in Etiopia, dell’ostruzione dell’accesso umanitario o della prevenzione di un cessate il fuoco”. Il 12 novembre, l’Office of Foreign Assets Control (OFAC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha designato quattro entità eritree e due individui.

I  membri dell’UE ,  degli Stati Uniti  e  dell’Africa del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno ripetutamente invitato l’Eritrea a ritirare le sue truppe dall’Etiopia. ha ripetutamente invitato l’Eritrea a ritirare le sue truppe dall’Etiopia.


FONTE: https://www.hrw.org/world-report/2022/country-chapters/eritrea

Lascia un commento