Salta al contenuto

Etiopia: Nuova ondata di atrocità nel Tigray occidentale

Indagini internazionali, accesso ai detenuti chiave per scoraggiare ulteriori abusi

Le forze di sicurezza di Amhara sono responsabili di un’ondata di detenzioni di massa, uccisioni ed espulsioni forzate di etnia tigrina nel territorio del Tigray occidentale dell’Etiopia settentrionale, hanno affermato oggi Amnesty International e Human Rights Watch.

FONTI

I civili del Tigray che tentavano di sfuggire alla nuova ondata di violenza sono stati attaccati e uccisi. Decine di persone in stato di detenzione affrontano condizioni pericolose per la vita, tra cui tortura, fame e negazione delle cure mediche.

Il nuovo assalto di abusi da parte delle forze di Amhara contro i civili del Tigray rimasti in diverse città del Tigray occidentale dovrebbe suonare un campanello d’allarme.

Joanne Mariner, Direttore della risposta alle crisi di Amnesty International

“Il nuovo assalto di abusi da parte delle forze di Amhara contro i civili del Tigray rimasti in diverse città del Tigray occidentale dovrebbe suonare come un campanello d’allarme”, ha affermato Joanne Mariner, Direttore della risposta alle crisi di Amnesty International.

“Senza un’azione internazionale urgente per prevenire ulteriori atrocità, i tigrini, in particolare quelli in detenzione, sono a grave rischio”.

Dall’inizio del conflitto armato nel novembre 2020, il Tigray occidentale, un territorio amministrativo conteso, è stato il luogo di alcune delle peggiori atrocità, inclusi massacri , bombardamenti indiscriminati e sfollamenti forzati su larga scala della popolazione del Tigrino.

Il 2 dicembre 2021, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha riferito che 1,2 milioni di persone sono state sfollate dal Tigray occidentale dall’inizio del conflitto. Un rapporto dell’OCHA del 9 dicembre ha rilevato che tra il 25 novembre e il 1° dicembre oltre 10.000 tigrini sono stati sfollati di recente dal Tigray occidentale. Ha inoltre affermato che il Tigray occidentale è rimasto inaccessibile alle agenzie umanitarie a causa di problemi di sicurezza.

A novembre e dicembre, Amnesty International e Human Rights Watch hanno condotto interviste telefoniche con 31 persone, tra cui 25 testimoni e sopravvissuti, nonché parenti delle persone detenute ed espulse, sugli abusi delle milizie di Amhara e delle forze di sicurezza regionali contro i civili del Tigray nelle città di Adebai , Humera e Rawyan.

Dall’inizio di novembre, le forze di polizia e le milizie regionali di Amhara, compresi i gruppi di miliziani noti come Fanos, hanno sistematicamente rastrellato i tigrini ad Adebai, Humera e Rawyan. Queste forze hanno separato le famiglie, arrestato adolescenti dai 15 anni in su e uomini e donne civili. Hanno espulso con la forza donne e bambini più piccoli, oltre a malati e anziani dalla zona. Alcuni degli espulsi da allora sono arrivati ​​nel Tigray centrale, mentre altri rimangono dispersi.

“I tigrini, indipendentemente dal [loro] sesso ed età, sono stati portati in una scuola”, ha detto un uomo a Rawyan che ha assistito ai rastrellamenti casa per casa dei tigrini da parte della milizia di Fano. “Hanno separato i vecchi dai giovani, hanno preso i loro soldi e altri beni. … Le persone anziane, i genitori sono stati caricati su grossi camion [in direzione] est. Li hanno lasciati andare senza nulla, mentre i giovani sono rimasti indietro”.

Dopo i rastrellamenti a Humera del 20 e 21 novembre, due testimoni hanno raccontato di aver visto fino a 20 camion pieni di persone in partenza in quei giorni verso il Tigray centrale.

Hanno iniziato a sparare a chiunque fosse a tiro. Quando le persone hanno cercato di scappare… [i Fano] li hanno attaccati con machete e asce in modo che nessuno potesse scappare… Stavamo passando dei corpi ed eravamo tutti sotto shock… Dopo che ci siamo calmati, abbiamo notato che c’erano anche altri corpi lì. Ovunque ti voltassi, ci sarebbero cinque, dieci corpi.

Un contadino di 34 anni di Adebai.

Sei testimoni hanno affermato che le forze dell’Amhara hanno sparato ai tigrini che cercavano di sfuggire ai rastrellamenti ad Adebai e li hanno attaccati con bastoni e oggetti appuntiti. Un numero sconosciuto è stato ucciso. “Hanno iniziato a sparare a chiunque fosse in corsa”, ha detto un agricoltore di 34 anni di Adebai, che è corso nei campi vicini dalle milizie di Fano attaccando lui e altri. “Quando le persone hanno cercato di scappare… [i Fano] li hanno attaccati con machete e asce in modo che nessuno potesse scappare… Stavamo passando dei corpi ed eravamo tutti sotto shock… Dopo esserci calmati, abbiamo notato che c’erano anche altri corpi lì. Ovunque ti voltassi, ci sarebbero cinque, dieci corpi”. Quattro testimoni hanno affermato che elementi armati hanno anche sparato contro i tigrini che attraversavano il Sudan.

Le immagini satellitari catturate tra il 19 novembre e il 5 dicembre mostrano un’attività significativa ad Adebai, tra cui veicoli in movimento, gruppi di persone intorno a un luogo di detenzione improvvisato, grandi quantità di detriti sulla strada principale e strutture bruciate. Le immagini scattate il 5 dicembre a Humera mostrano 16 camion aperti vicino alla rotonda centrale della città.

 Immagine satellitare raccolta della città di Adebai, nella zona amministrativa del Tigray occidentale dell'Etiopia settentrionale, che mostra una panoramica dei luoghi dei danni e di un possibile luogo di detenzione. © Analisi di Amnesty International; immagine satellitare per gentile concessione di Maxar Images. 2021
Immagine satellitare raccolta della città di Adebai, nella zona amministrativa del Tigray occidentale dell’Etiopia settentrionale, che mostra una panoramica dei luoghi dei danni e di un possibile luogo di detenzione. © Analisi di Amnesty International; immagine satellitare per gentile concessione di Maxar Images. 2021

Tre ex detenuti nella prigione di Humera, alcuni dei quali erano stati detenuti per ben cinque mesi prima di fuggire a novembre, hanno affermato che le autorità di Amhara li hanno tenuti in celle estremamente sovraffollate per lunghi periodi. Le guardie hanno negato loro cibo e cure mediche e hanno torturato e picchiato i detenuti le cui mani e piedi erano stati legati con bastoni e fucili. Un ex detenuto arrestato il 19 luglio è fuggito intorno al 13 novembre mentre caricava i cadaveri di altri detenuti su un trattore. Ha detto di sapere di 30 persone che sono morte mentre era detenuto lì, inclusi sette dei 200 uomini nella sua cella: ““Tutti noi ci siamo passati [le percosse] ma i più vulnerabili erano gli [uomini più anziani], ” Egli ha detto. “Non potevano sopportare la tortura, ecco perché stavano morendo.” Ha detto che i miliziani di Fano che li picchiavano hanno minacciato di morte tutti i tigrini.

I rastrellamenti, le detenzioni abusive e le espulsioni forzate hanno separato le famiglie e lasciato le comunità delle tre città alla disperata ricerca di notizie sulla sicurezza e su dove si trovassero i loro cari, molti dei quali sono stati caricati su camion e rimangono dispersi. Un uomo fuggito da Adebai alla fine di novembre ha detto: “Mia moglie e mia madre mi hanno chiamato quattro giorni fa, mi hanno detto che li avevano caricati in veicoli e non sanno dove li stanno portando. Dopodiché non li ho più sentiti».

Le autorità etiopi dovrebbero cessare immediatamente gli attacchi ai civili, garantire il rilascio di coloro che sono detenuti arbitrariamente e fornire urgentemente l’accesso senza ostacoli al Tigray occidentale alle agenzie e alle organizzazioni umanitarie con il mandato di visitare i luoghi di detenzione, hanno affermato Amnesty International e Human Rights Watch.

Data la gravità degli abusi in corso, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite dovrebbe istituire urgentemente un meccanismo internazionale indipendente per indagare sugli abusi nel conflitto del Tigray, comprese le gravi violazioni del diritto internazionale umanitario (le leggi di guerra), identificare i responsabili a tutti i livelli e conservare le prove per la responsabilità futura.

Gli sfollamenti forzati e gli attacchi deliberati alla popolazione civile violano le leggi di guerra. Ogni persona detenuta ha il diritto di essere trattata umanamente e nel rispetto della propria dignità intrinseca, compreso l’accesso a cibo e cure mediche adeguate. Ordinare lo sfollamento di civili per ragioni non necessarie alla loro sicurezza o per imperativa necessità militare, attaccare civili che non partecipano direttamente alle ostilità e torturare o maltrattare in altro modo i detenuti, sono crimini di guerra.

“La paralisi globale del conflitto armato in Etiopia ha incoraggiato i violatori dei diritti umani ad agire impunemente e ha lasciato le comunità a rischio sentendosi abbandonate”, ha affermato Laetitia Bader, direttrice del Corno d’Africa presso Human Rights Watch.

“Man mano che le prove delle atrocità aumentano, i leader mondiali dovrebbero sostenere la creazione di un meccanismo investigativo internazionale e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe inserire l’Etiopia nella sua agenda formale”.

Man mano che le prove delle atrocità aumentano, i leader mondiali dovrebbero sostenere la creazione di un meccanismo investigativo internazionale e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe inserire l’Etiopia nella sua agenda formale.

Laetitia Bader, direttrice del Corno d’Africa di Human Rights Watch

BACKGROUND E ACCOUNT AGGIUNTIVI

Rastrellamenti, uccisioni e maltrattamenti in custodia

Nelle prime ore del mattino del 3 novembre, mentre i residenti di Adebai si dirigevano verso la chiesa di Abune Teklai in città per pregare, le forze di sicurezza locali della chiesa hanno ordinato agli uomini di riunirsi per un incontro mentre dicevano alle donne di andarsene, hanno detto quattro residenti. “Ero… a pochi metri dalla chiesa quando ho incontrato un gruppo di tre donne del Tigray che mi hanno detto che era meglio andare a casa perché Fanos stava raccogliendo uomini del Tigray e aveva ordinato alle donne di andarsene”, ha detto uno studente di 20 anni.

Quando si è diffusa la voce del rastrellamento, sei uomini del Tigray intervistati erano tra i tanti che, presi dal panico, sono fuggiti a casa o nei campi vicini per sfuggire all’arresto. Quattro testimoni hanno affermato che membri della milizia di Amhara hanno sparato o attaccato coloro che cercavano di fuggire con machete, asce, coltelli o bastoni. Un uomo di 26 anni in fuga nei campi ha visto uomini armati in motocicletta sparare a persone tra cui suo zio di 70 anni. In seguito vide il corpo di suo zio e quello di altri due uomini, incluso un uomo più anziano che conosceva. “Stavano sparando a chiunque fosse dietro”, ha detto. “[Mio zio] non stava nemmeno correndo… gli hanno comunque sparato. Ho visto il ragazzo sparargli addosso e lui cadere”.

Quattro testimoni hanno affermato che i miliziani di Fano hanno proceduto alla ricerca di casa in casa dei tigrini. Un contadino nascosto in casa ha visto un gruppo di 30-40 uomini armati attaccare il suo vicino, un meccanico sui venticinque anni: “Gli hanno detto di venire… Aveva le mani alzate e lo hanno colpito alla spalla con un’ascia. Mentre urlava, lo trascinarono e lo portarono con loro».

Le forze di Amhara hanno portato i catturati nei luoghi di detenzione: alcuni alla stazione di polizia della città, altri in un ex mulino di sorgo utilizzato come luogo di detenzione improvvisato vicino al distributore di benzina Enda Roto, alla periferia orientale della città.

Nei giorni seguenti, gli uomini che erano fuggiti sono sopravvissuti nascondendosi su terreni agricoli, ma hanno continuato a essere attaccati, hanno detto tre residenti. Lo studente di 20 anni ha sentito degli spari il 7 novembre e in seguito ha visto corpi vicino a un bacino idrico a tre chilometri a nord-est di Adebai:

“I Fano e [individui armati] sono appena arrivati… e hanno iniziato a uccidere chiunque trovassero tra i cespugli. … Eravamo più [lontani] … ma sentivamo molti spari. Quindi, quando si è calmato ed era buio, siamo andati al [serbatoio] e abbiamo visto molti corpi. Non abbiamo contato perché eravamo spaventati e scioccati… direi [ho visto] circa 20 [corpi]”.

I corpi sono rimasti insepolti, così che “l’intera città puzzava ed era piena di cadaveri”, ha detto un uomo. Altri quattro residenti hanno detto di aver visto cadaveri alla periferia della città.

Rastrellamenti, percosse e detenzioni di civili del Tigray si sono verificati anche nelle città di Humera e Rawyan. Un agricoltore di 37 anni di Humera ha detto di aver assistito a rastrellamenti e all’uccisione di un uomo anziano con una disabilità fisica soprannominato “Lingo” il 5 novembre. Sulla strada di casa il contadino vide le milizie che dicevano a Lingo “di alzarsi e, quando non poteva, iniziarono a picchiarlo… con machete, asce e pietre”. Due giorni dopo, l’agricoltore ha appreso che Lingo è stato picchiato così forte che è morto.

Quattro persone che sono arrivate in Sudan hanno detto che le forze armate al confine etiope hanno sparato loro mentre cercavano di attraversare. Un ragazzo di 14 anni che ha attraversato il 23 novembre ha detto che quando il suo gruppo è arrivato a Dima, l’ultimo villaggio etiope prima del confine, le forze in abiti militari “hanno iniziato a sparare e a dirci di fermarci, e quando abbiamo continuato a correre, hanno catturato uno di noi e ne ha ucciso un altro». Ha detto che una terza persona era scomparsa dopo l’incidente.

Rastrellamenti, espulsioni di anziani, donne e bambini.

Durante i rastrellamenti ad Adebai, Humera e Rawyan, le forze di Amhara si separarono e alla fine espulsero i bambini più piccoli, le donne e i tigrini più anziani e vulnerabili verso il Tigray centrale.

A Humera, due testimoni e tre membri della famiglia che hanno parlato con le persone lì in quel momento hanno detto che le forze di Amhara hanno caricato le persone in circa 20 camion che hanno lasciato la città il 20 novembre. Le espulsioni sono continuate il giorno successivo, anche di bambini e giovani madri, ha detto un testimone. Un numero simile di veicoli è partito quel secondo giorno, ha detto un residente.

I rastrellamenti di Tigray iniziarono allo stesso modo a Rawyan il 20 novembre. Quattro testimoni e due familiari hanno affermato che le milizie di Amhara e Fanos, in coordinamento con gli amministratori della città, hanno arrestato i tigrini. Sono andati di casa in casa e “hanno raccolto tutti i tigrini a scuola”, ha detto un autista, che era tra quelli detenuti. Ha notato che gli amministratori della città hanno impartito istruzioni alle milizie:

“La milizia picchiava i giovani, i 17 ei 18 anni, cercando denaro e raccogliendo i loro beni. Gli [amministratori] hanno dato istruzioni, chi può essere rilasciato e chi può restare…. “Prendi questo! Rilascia questo!” Hanno caricato le persone anziane, i genitori… sui camion scoperti, i camion Isuzu… e li hanno portati via da Rawyan”.

Un ragazzo ha detto che le milizie hanno registrato lui e altri giovani e li hanno rilasciati. Uomini e adolescenti più grandi sono rimasti detenuti negli uffici del reparto del villaggio e nel mulino.

Ad Adebai, le milizie hanno caricato alcuni degli uomini del Tigray arrestati il ​​3 novembre su Isuzu e altri camioncini e li hanno portati via, hanno detto quattro residenti. I rastrellamenti sono continuati nelle settimane successive, quando anche donne e anziani sono stati arrestati e portati via.

I familiari delle persone espulse hanno presto perso il contatto con i propri cari. Uno studente ha detto di aver ricevuto l’ultima volta una telefonata da sua sorella il 28 o 29 novembre mentre le forze armate stavano caricando lei e la loro madre su un camion ad Adebai e portate via:

“Mi ha detto che erano stati costretti a lasciare tutto alle spalle, che non hanno nemmeno permesso loro di prendere i loro vestiti o qualsiasi altra cosa … che [le forze] hanno iniziato a saccheggiare la casa mentre erano lì, [e] che non hanno non ho nemmeno cibo o acqua da bere… Lei… mi ha detto che c’erano 13 veicoli [e] che erano già saliti a bordo di sei veicoli”.

Un agricoltore ha descritto l’ultima telefonata che ha avuto con le sue due figlie e la nipote il 23 novembre: “Quando i Fano li portavano, hanno preso tutto ciò che portavano in mano, i gioielli, i vestiti che avevano, anche i vestiti dei bambini e i biscotti che avevano per loro. E per due giorni… bruciavano vestiti”.

Le immagini satellitari raccolte tra il 19 novembre e il 5 dicembre hanno confermato che c’erano veicoli scoperti lungo la strada principale che attraversa Adebai e macchie bruciate e grandi quantità di detriti lungo la strada.

Maltrattamenti nei luoghi di detenzione di massa

Si stima che migliaia di detenuti del Tigray siano detenuti in luoghi di detenzione sovraffollati nel Tigray occidentale. Tre ex detenuti nel carcere di Bet Hintset a Humera, uno dei numerosi luoghi di detenzione della città, hanno descritto condizioni spaventose con frequenti percosse, torture, insulti e la negazione di cibo e medicine da parte della polizia speciale regionale di Amhara. Un lavoratore quotidiano arrestato a luglio e detenuto nel carcere di Bet Hintset, anch’esso controllato dalla polizia regionale di Amhara, fino alla sua fuga a metà novembre ha descritto di essere stato tenuto in una stanza di 3 metri per 4 con un massimo di 200 persone:

“Lascia perdere le docce, non potevamo usare i bagni. Non ci davano né cibo né acqua, anche [a volte] quando la nostra famiglia ci portava da mangiare, non ce lo permettevano… molte persone si ammalavano… morivano… parlo tutti i giorni, tutti i giorni… sto sicurissimo di 30 cadaveri… solo dalla nostra stanza sono morte sette persone, tutte avevano più di 70 anni”.

Ha descritto un programma regolare di percosse gravi, in cui Fanos torturava gruppi di detenuti percuotendosi le mani, la testa, il petto e i genitali usando bastoni o il calcio o la canna di un fucile. Un altro detenuto, anch’egli arrestato a metà luglio e trattenuto a Bet Hintset, ha raccontato: “Hanno usato cavi elettrici e per l’età dai 12 ai 30 anni ci hanno picchiato sulla pianta dei piedi… sul ventre e colpiscili dal collo ai piedi».

Con l’espulsione di alcuni parenti a novembre su cui i detenuti avevano fatto affidamento per il cibo, i sopravvissuti ei parenti erano preoccupati per le persone ancora detenute. Un uomo di 55 anni ha detto: “Sono così preoccupato per quello che mangiano nelle carceri, perché so che non daranno loro cibo e tutti i membri della famiglia che avevano che portavano loro il cibo sono stati presi . Sono sicuro che molte persone stanno morendo”. Un altro residente ha detto: “Temo che i detenuti saranno tutti uccisi”.

Lascia un commento