Salta al contenuto

Perché Etiopia e Sudan Si Sono Scontrati Per Al-Fashaga

Sabato 27 novembre 2021 è avvenuto l’ennesimo scontro tra Sudan ed Etiopia nell’area di confine di Al-Fashqa: dalle rivendicazioni delle forze di difesa sudanesi sembra che siano stati imikitari etiopi ad attaccare supportati dalle milizie amhara e le truppe eritree: dai comunicati diffusi dalle forze sudanesi hanno stimato 6000 uomini dispiegati da parte etiope.

Sullo scontro di sabato scorso ne scriverò un aggiornamento su Focus On Africa Magazine

L’area di confine di  Al-Fashqa è territorio conteso da ormai molto tempo, ancor prima dello scoppio della guerra in Tigray iniziata il 4 novembre 2020 e che ha sempre mantenuto alte le tensioni tra i due Paesi confinanti.

Per capire e contestualizzare la disputa di quell’area riporto di seguito la traduzione dell’analisi esplicativa di Alex de Waal per la BBC pubblicata il 3 gennaio 2021.


Gli scontri armati lungo il confine tra Sudan ed Etiopia sono l’ultimo colpo di scena in una storia decennale di rivalità tra i due paesi, anche se è raro che i due eserciti si combattano direttamente sul territorio.

Il problema immediato è un’area contesa nota come al-Fashaga, dove il nord-ovest della regione etiope di Amhara incontra lo stato granaio del Sudan Gedaref.

Sebbene il confine approssimativo tra i due paesi sia ben noto – ai viaggiatori piace dire che l’Etiopia inizia quando le pianure sudanesi lasciano il posto alle prime montagne – il confine esatto è raramente delimitato sul terreno.

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed (a destra) e il primo ministro sudanese Abdalla Hamdok: i due paesi hanno una lunga storia di rivalità
Il primo ministro etiope Abiy Ahmed (a destra) e il primo ministro sudanese Abdalla Hamdok: i due paesi hanno una lunga storia di rivalità

Trattati di epoca coloniale

I confini nel Corno d’Africa sono aspramente contesi. L’Etiopia ha combattuto una guerra con la Somalia nel 1977 per la regione contesa dell’Ogaden.

Nel 1998 ha combattuto contro l’Eritrea per un piccolo pezzo di terra contesa chiamato Badme.
Circa 80.000 soldati sono morti in quella guerra che ha portato a profonda amarezza tra i paesi, soprattutto perché l’Etiopia ha rifiutato di ritirarsi dalla città di Badme anche se la Corte internazionale di giustizia ha assegnato la maggior parte del territorio all’Eritrea.

È stato rioccupato dalle truppe eritree durante i combattimenti nel Tigray nel novembre 2020.

Zona di confine Sudan Etiopia - Al-Fashqa
Zona di confine Sudan Etiopia – Al-Fashqa

Dopo la guerra del 1998, Etiopia e Sudan hanno ripreso i colloqui a lungo sospesi per stabilire l’esatta posizione del loro confine lungo 744 km (462 miglia).

L’area più difficile da risolvere è stata Fashaga. Secondo i trattati dell’era coloniale del 1902 e del 1907, il confine internazionale va a est.

Ciò significa che la terra appartiene al Sudan, ma gli etiopi si erano stabiliti nell’area e stavano coltivando lì e pagando le tasse alle autorità etiopi.

Affare condannato come patto segreto

I negoziati tra i due governi hanno raggiunto un compromesso nel 2008. L’Etiopia ha riconosciuto il confine legale, ma il Sudan ha permesso agli etiopi di continuare a vivere lì indisturbati.

Era un classico caso di “confine morbido” gestito in modo tale da non lasciare che la posizione di un “confine duro” interrompesse i mezzi di sussistenza delle persone nella zona di confine; vi è stata convivenza per decenni fino a poco tempo fa, quando l’Etiopia reclamava una linea sovrana definitiva.

La delegazione etiope ai colloqui che hanno portato al compromesso del 2008 era guidata da un alto funzionario del Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF), Abay Tsehaye.

Dopo che il TPLF è stato rimosso dal potere in Etiopia nel 2018, i leader dell’etnia Amhara hanno condannato l’accordo come un patto segreto e hanno affermato di non essere stati adeguatamente consultati.

Ogni parte ha la sua storia su ciò che ha scatenato lo scontro a Fashaga. Quello che è successo dopo non è in discussione: l’esercito sudanese ha respinto gli etiopi e ha costretto gli abitanti del villaggio a evacuare.

I capi militari del Sudan hanno promesso di mantenere il territorio conteso
I capi militari del Sudan hanno promesso di mantenere il territorio conteso

In un vertice regionale a Gibuti il ​​20 dicembre, il primo ministro sudanese Abdalla Hamdok ha sollevato la questione con il suo omologo etiope Abiy Ahmed.

Hanno deciso di negoziare, ma ognuno ha precondizioni diverse. L’Etiopia vuole che i sudanesi risarciscano le comunità bruciate; Il Sudan vuole il ritorno allo status quo ante.

Mentre i delegati parlavano, c’è stato un secondo scontro, che i sudanesi hanno attribuito alle truppe etiopi.

Come per la maggior parte delle controversie sui confini, ogni parte ha un’analisi diversa della storia, del diritto e di come interpretare i trattati secolari. Ma è anche un sintomo di due problemi più grandi, ognuno dei quali sbloccato dai cambiamenti politici di Abiy.

Rivendicazioni territoriali nel Tigray

Gli etiopi che abitano a Fashaga sono di etnia Amhara, un collegio elettorale a cui il signor Abiy ha sempre più attaccato il suo carro politico dopo aver perso un sostegno significativo nel suo gruppo etnico Oromo, il più grande in Etiopia. Gli amhara sono il secondo gruppo più grande in Etiopia e i suoi governanti storici.

Incoraggiati dalle vittorie dell’esercito federale nel conflitto contro il TPLF negli ultimi due mesi, gli Amhara avanzano rivendicazioni territoriali nel Tigray.

Dopo che il TPLF si è ritirato, inseguito dalle milizie regionali di Amhara, hanno issato le loro bandiere e messo cartelli stradali che dicevano “benvenuti ad Amhara”. Questo era in terre rivendicate dallo stato di Amhara ma assegnate al Tigray negli anni ’90 quando il TPLF era al potere in Etiopia.

Le forze e le milizie di Amhara si sono trasferite nel centro agricolo di Humera, nel Tigray, al confine con l'Eritrea
Le forze e le milizie di Amhara si sono trasferite nel centro agricolo di Humera, nel Tigray, al confine con l’Eritrea

Il conflitto di Fashaga segue lo stesso schema di rivendicazione della sovranità, tranne per il fatto che non riguarda i confini interni dell’Etiopia, ma il confine con uno stato vicino.

L’incapacità di risolverlo pacificamente è il risultato indiretto di un altro dei capovolgimenti politici di Abiy: le relazioni estere dell’Etiopia. Per 60 anni, l’obiettivo strategico dell’Etiopia è stato quello di contenere l’Egitto, ma un anno fa il signor Abiy ha teso una mano di amicizia.

I due paesi considerano ciascuno il fiume Nilo come una questione esistenziale.

L’Egitto vede le dighe a monte come una minaccia per la sua quota delle acque del Nilo, stabilite nei trattati dell’era coloniale. L’Etiopia vede il fiume come una fonte essenziale di energia idroelettrica, necessaria per il suo sviluppo economico.

La disputa giunse al culmine sulla costruzione della grande diga rinascimentale etiope (Gerd).

Il fondamento dell’idro-diplomazia del ministero degli Esteri etiope era una rete di alleanze tra gli altri paesi africani a monte.

L’obiettivo era quello di raggiungere un accordo globale multinazionale sulla condivisione delle acque del Nilo. In questo forum, l’Egitto era in inferiorità numerica.

Il Sudan era nel campo africano. Era destinato a guadagnare dal Gerd, che avrebbe controllato le inondazioni, aumentato l’irrigazione e fornito elettricità più economica.

L’Egitto voleva colloqui bilaterali diretti con l’obiettivo di preservare il suo diritto dell’era coloniale alla maggior parte delle acque del Nilo.

La maggior parte delle acque del Nilo Azzurro provengono da affluenti che sorgono negli altopiani etiopi
La maggior parte delle acque del Nilo Azzurro provengono da affluenti che sorgono negli altopiani etiopi

Nell’ottobre 2019, Abiy è volato al vertice Russia-Africa a Sochi. A margine ha incontrato il presidente egiziano Abdul Fattah al-Sisi.

In un unico incontro, senza funzionari del ministero degli Esteri presenti, Abiy ha capovolto la strategia etiope per le acque del Nilo.

Ha accettato la proposta del sig. Sisi che il Tesoro degli Stati Uniti dovrebbe mediare la controversia sul Gerd. Gli Stati Uniti si sono orientati verso l’Egitto.

Se il giovane leader etiope, che aveva appena vinto il Nobel per la pace per aver posto fine alle tensioni con l’Eritrea, pensava di poter stringere un accordo anche con l’Egitto, si sbagliava. È successo il contrario: il 44enne si è messo alle strette.

Il Sudan è stato il terzo paese invitato a negoziare a Washington DC. Vulnerabile alle pressioni degli Stati Uniti perché aveva un disperato bisogno dell’America di revocare le sanzioni finanziarie imposte quando è stato designato “stato sponsor del terrorismo” nel 1993 , il Sudan si è schierato con la posizione egiziana.

L’opinione pubblica etiope si è rivolta contro le proposte americane e Abiy è stato costretto a respingerle, dopodiché gli Stati Uniti hanno sospeso alcuni aiuti all’Etiopia. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha avvertito che l’Egitto potrebbe “far saltare in aria” la diga e l’Etiopia ha dichiarato una no-fly zone sulla regione in cui si trova la diga.

Modello di reciproca destabilizzazione

Il premio Nobel non può permettersi ulteriori controversie con l’Egitto, tra il conflitto nel Tigray e gli scontri a Fashaga.

Questi ultimi evocano i fantasmi di una lunga storia di rivalità tra Etiopia e Sudan.

Negli anni ’80, l’Etiopia comunista ha armato i ribelli sudanesi mentre il Sudan ha aiutato i gruppi armati etno-nazionalisti, incluso il TPLF. Negli anni ’90, il Sudan ha sostenuto i gruppi islamisti militanti mentre l’Etiopia ha sostenuto l’opposizione sudanese.

Con scontri armati e disordini in molte parti dell’Etiopia, e il recente accordo di pace del Sudan con i ribelli nel Darfur e nei Monti Nuba ancora incompleto, ogni paese potrebbe facilmente tornare a questo modello secolare di reciproca destabilizzazione.

Decine di migliaia di persone sono fuggite dal conflitto nel Tigray per rifugiarsi in Sudan
Decine di migliaia di persone sono fuggite dal conflitto nel Tigray per rifugiarsi in Sudan

Le relazioni tra il Sudan e l’Etiopia hanno raggiunto il loro massimo entusiasmo quando Abiy è volato a Khartoum nel giugno 2019 per incoraggiare i manifestanti a favore della democrazia e i generali sudanesi a raggiungere un accordo su un governo civile dopo il rovesciamento del sovrano di lunga data Omar al-Bashir.

È stata un’iniziativa caratteristica di Abiy – di alto profilo e del tutto individuale – e ha avuto bisogno di formalizzazione attraverso l’organismo regionale Igad e il pesante lavoro diplomatico di altri, tra cui l’Unione africana, i paesi arabi, gli Stati Uniti e il Regno Unito per ottenere risultati.

Il primo ministro sudanese Hamdok ha cercato di restituire il favore offrendo assistenza nella risoluzione del conflitto etiope nel Tigray. È stato respinto, più di recente al vertice del 20 dicembre, durante il quale Abiy ha insistito sul fatto che il governo etiope si sarebbe occupato dei propri affari interni da solo.

Mentre i rifugiati del Tigray continuano ad inondare il Sudan, portando con sé storie di atrocità e fame, il primo ministro etiope potrebbe trovare più difficile rifiutare la mediazione.

Rischia anche di innescare una nuova ondata di antagonismo transfrontaliero tra Etiopia e Sudan, aggravando la crisi nella regione.


Alex de Waal è il direttore esecutivo della World Peace Foundation presso la Fletcher School of Law and Diplomacy presso la Tufts University negli Stati Uniti.

FONTE: https://www.bbc.com/news/world-africa-55476831

Lascia un commento