Salta al contenuto

Etiopia : la detenzione di tigrini intrappolano cittadini statunitensi e britannici

Cittadini americani e britannici sono stati travolti dalle detenzioni di massa di etnia tigrina in Etiopia in un nuovo stato di emergenza nell’escalation della guerra del paese , ha scoperto l’Associated Press.

Migliaia di tigrini nella capitale, Addis Abeba, e in tutto il secondo paese più popoloso dell’Africa sono già stati detenuti e il timore di ulteriori detenzioni è aumentato giovedì quando le autorità hanno ordinato ai proprietari di registrare l’identità degli inquilini con la polizia. Nel frattempo, in alcune strade sono stati avvistati uomini armati di bastoni mentre gruppi di volontari cercavano i tigrini per denunciarli.

Il governo etiope afferma che sta detenendo persone sospettate di sostenere le forze della regione del Tigray che si stanno avvicinando ad Addis Abeba dopo una guerra durata un anno con le forze etiopi innescata da una ricaduta politica. Ma gruppi per i diritti umani, avvocati, parenti e la Commissione etiope per i diritti umani creata dal governo affermano che le detenzioni – compresi bambini e anziani – sembrano essere basate sull’etnia.

La figlia di un cittadino britannico, Meron Kiros, ha detto all’AP che suo padre di 55 anni, Kiros Amdemariam Gebreab, viveva nel Regno Unito da più di un quarto di secolo e stava visitando l’Etiopia per lavorare sui suoi studi di dottorato quando era detenuto nella sua casa nella capitale il 1° novembre.

“Mio padre non ha alcun coinvolgimento politico in ciò che sta accadendo”, ha detto e ha attribuito il suo arresto “puramente per essere un essere umano del Tigray”. Ha detto che alla famiglia non era stata consentita alcuna comunicazione con lui, cosa che ha descritto come straziante.

Il governo britannico ha detto all’AP di aver sollevato il suo caso con le autorità etiopi. La Gran Bretagna ritiene che un numero molto limitato di cittadini britannici sia stato arrestato.

Tra i detenuti del Tigrino ci sono anche almeno due cittadini statunitensi.

Un albergatore e suo figlio sono stati detenuti nella loro casa il 2 novembre, la sera in cui è stato imposto lo stato di emergenza. Gli agenti di polizia li hanno accusati di sostenere le forze del Tigray, ha detto all’AP un altro dei figli dell’albergatore. Il padre, sulla settantina, è stato rilasciato dopo tre giorni, ma il figlio resta in custodia. Non è stato accusato.

“Mio fratello è tornato qui perché voleva investire in Etiopia e dopo una vita qui dopo aver vissuto negli Stati Uniti”, ha detto il parente, parlando come molti a condizione di anonimato per paura di ritorsioni.

Un portavoce del Dipartimento di Stato ha detto all’AP che gli Stati Uniti sono “preoccupati per le segnalazioni di detenzioni di un certo numero di cittadini statunitensi in Etiopia ed è in discussione attiva con il governo dell’Etiopia sulla questione”.

Ma la stragrande maggioranza dei detenuti del Tigray sono locali, alcuni di loro alto profilo.

Lunedì mattina, l’amministratore delegato della Lion Bank è stato arrestato insieme a sette dei suoi colleghi e a un cliente, ha detto un avvocato all’AP. Sono stati trattenuti in una stazione di polizia prima di essere rilasciati in tarda serata, ha detto l’avvocato.

Un funzionario della Chiesa ortodossa etiope ad Addis Abeba ha confermato questa settimana che decine di sacerdoti, monaci, diaconi e altri sono stati detenuti a causa della loro etnia, compreso un assistente del patriarca della chiesa.

Un funzionario dell’amministrazione della città di Addis Abeba ha detto che due amici sono stati arrestati mentre pranzavano in un bar il 5 novembre dopo che agenti di polizia in borghese li avevano sentiti parlare tigrino. Da allora non ha più avuto loro notizie.

“Finora sono stato fortunato”, ha detto il funzionario, ma teme che sia “solo questione di tempo” prima che anche lui venga arrestato.

Il portavoce della polizia federale Jeylan Abdi ha detto all’AP di non conoscere il numero delle persone detenute da quando lo stato di emergenza è stato dichiarato la scorsa settimana. Ha detto che i detenuti sono detenuti in varie stazioni di polizia e il totale non è stato conteggiato.

Ha respinto come “propaganda” le accuse secondo cui le detenzioni sono motivate da motivi etnici e ha affermato che le ricerche hanno trovato armi in possesso dei detenuti, inclusi fucili d’assalto e mitragliatrici pesanti, nonché uniformi militari.

Il portavoce della polizia ha anche confermato la presenza nella capitale di gruppi di “polizia di comunità”, composti da volontari, ma ha detto che “non sono nuovi”. Ha detto che stanno pattugliando i loro quartieri con i bastoni e stanno lavorando con la polizia per identificare le minacce.

“Si organizzano, eleggono il loro presidente e proteggono la sicurezza intorno alla loro casa, non solo dal gruppo terroristico ma anche dalla criminalità ordinaria”, ha detto.

Migliaia di persone sono state uccise nella guerra d’Etiopia, milioni di persone nel Tigray rimangono sotto il blocco del governo e centinaia di migliaia di persone nella regione di Amhara sono sfollate mentre i combattenti del Tigray continuano. Gli inviati dell’Unione africana e degli Stati Uniti nei giorni scorsi hanno tenuto discussioni urgenti alla ricerca di un cessate il fuoco immediato e di una via per i colloqui. Ma le parti in guerra hanno indicato che non sarà né semplice né facile.

“Credo che tutte le parti vedano i pericoli di perpetuare il conflitto”, ha detto mercoledì ai giornalisti il ​​segretario di Stato americano Antony Blinken. “L’alternativa del conflitto che supera l’Etiopia, si riversa fuori dal paese, si riversa nella regione, dovrebbe far riflettere tutti”.

FONTE: https://apnews.com/article/europe-addis-ababa-ethiopia-africa-kenya-316fdfb95d9e38fe4f67da5ad715bf5e

Lascia un commento