Salta al contenuto

Tigray: politica sui rifugiati eritrei, il ruolo di Etiopia ed Eritrea

Il Tigray non vuole chiudere le porte ai rifugiati eritrei mentre le rivalità si approfondiscono con i governi di Abiy e Issayas, che sembrano volere niente di meno che le teste dei leader del TPLF su un vassoio.

15 Maggio 2020 The Africa Report

L’Etiopia sta progettando di chiudere un campo e rifiuta prima facie l’accettazione dei rifugiati eritrei intrappolati nelle rivalità tossiche tra Addis Abeba, Tigray e Asmara.

 Gli immigrati eritrei appena arrivati ​​aspettano di essere registrati come rifugiati presso il centro di accoglienza e registrazione di Endabaguna per i rifugiati eritrei appena arrivati ​​nella città di Shire, vicino al confine eritreo, regione del Tigrai, Etiopia, 9 novembre 2017. REUTERS/Tiksa Negeri
Gli immigrati eritrei appena arrivati ​​aspettano di essere registrati come rifugiati presso il centro di accoglienza e registrazione di Endabaguna per i rifugiati eritrei appena arrivati ​​nella città di Shire, vicino al confine eritreo, regione del Tigrai, Etiopia, 9 novembre 2017. REUTERS/Tiksa Negeri

Un anno fa, gli autisti di minibus del Tigray offrivano tariffe scontate ai rifugiati eritrei appena arrivati che si recavano nella città di Shire, soprattutto se erano giovani donne attraenti. C’erano flirt e battute in un minibus pieno zeppo con musica tigrina ad alto volume in sottofondo e sciarpe di netela bianche danzavano freneticamente nel vento quando l’autista accelerava per impressionare le ragazze.

Sembrava una gita scolastica. Nessuno avrebbe potuto immaginare che i giovani sull’autobus fossero fuggiti dall’Eritrea. Il fratello dell’autista ha detto con un ampio sorriso ipodontico: “Questi sono i nostri fratelli e sorelle tigrini: siamo felici di accoglierli”.

“Realtà più oscura”

Una realtà più oscura si trovava non molto al di sotto, vale a dire le vedute di uno stato indipendente del Tigray, che incorporava almeno una parte dell’Eritrea.

Durante il viaggio in autobus tra Hitstas e la città più vicina, Shire, nella provincia etiope del Tigray, che confina con l’Eritrea, è stata sollevata dalla nostalgia e dal nazionalismo riguardo al regno axumita , che molti secoli prima aveva perso il controllo del commercio del Mar Rosso a favore di un arabo califfato. E il secolo scorso, l’Etiopia ha perso l’accesso al porto di Assab, quando l’Eritrea è diventata indipendente.

Alcuni dei passeggeri del Tigray che non speravano nella secessione della provincia dall’Etiopia, o che non sostenevano il movimento (di frangia) agaziano che chiedeva l’istituzione di uno stato cristiano ortodosso di lingua tigrina , erano almeno ostili ad Abiy Ahmed, allora al potere per un anno come nuovo presidente della coalizione di governo etiope e, per estensione, come primo ministro.

Lo vedevano come un agente della CIA sotto steroidi, che faceva acrobazie di pubbliche relazioni che ingannavano gli stranieri ingenui.

 I leader di Etiopia ed Eritrea erano in Arabia Saudita domenica 16 settembre 2018 per firmare un accordo di pace tra le due nazioni dell'Africa orientale. (Agenzia di stampa saudita tramite AP)
I leader di Etiopia ed Eritrea erano in Arabia Saudita domenica 16 settembre 2018 per firmare un accordo di pace tra le due nazioni dell’Africa orientale. (Agenzia di stampa saudita tramite AP)

Sul minibus, nessuno conosceva le politiche di Abiy, ma si sono affrettati a commentare la sua etnia Oromo e le credenze religiose, e il suo apparente odio per il popolo del Tigray, il cui partito di governo, il Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF), aveva dominato il sistema di governo dell’Etiopia per un quarto di secolo. I leader del TPLF avevano combattuto una guerra con l’Eritrea negli anni ’90.

Pace tra Eritrea ed Etiopia

Lo scorso agosto (2019 n.d.r.), Hitsats, il più recente di quattro campi profughi, ha ospitato 34.000 eritrei ed era pieno di artisti: musicisti che suonavano una guayla tradizionale su un tipo di lyra chiamato krar, così come poeti e attori che recitavano l’hikeyya, una forma di satira politica.

I rifugiati eritrei che avevano i soldi hanno fatto un viaggio di un’ora verso Shire e altre città del Tigray. Hanno detto di aver lasciato l’Eritrea perché nulla era migliorato dopo l’accordo di pace tra Abiy e il presidente dell’Eritrea Issayas Afeworki nel 2018, per il quale Abiy da solo sarebbe presto stato festeggiato con un premio Nobel.

Nel settembre 2018, i paesi hanno aperto brevemente il loro confine fino a quando l’Eritrea non lo ha richiuso, apparentemente a causa del commercio transfrontaliero non regolamentato. (Le famiglie eritree usavano la Nakfa per acquistare merci dai mercanti etiopi, che, non avendo alcun uso per la Nakfa accumulata, acquistavano ad Asmara merci da riportare in Etiopia e valuta straniera segretamente accumulata dalle famiglie eritree.)

Aumenta il flusso di rifugiati eritrei

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNCHR) , dal momento in cui sono state aperte le frontiere, il flusso di rifugiati è quasi quintuplicato, raggiungendo una media di 390 al giorno, con 27.000 in arrivo ai punti di ingresso in Etiopia.

A Hitsats, piccoli rifugi di una stanza di 4×5 metri erano sovraffollati, a volte con fino a venti giovani di entrambi i sessi che vivevano in condizioni anguste e cinque persone che dovevano condividere un letto di fango fatto da sé. Dopo l’esodo di massa seguito dall’apertura delle frontiere, non c’erano più rifugi per accogliere i profughi appena arrivati.

Le agenzie hanno iniziato a costruire “rifugi di transizione” da fogli CGI. Nei mesi più caldi di aprile e maggio erano descritte come un mogogo , un forno usato per fare l’ injera , una focaccia tradizionale. Durante la stagione delle piogge, la pioggia era così forte dall’interno dei rifugi che era quasi impossibile sentire cosa diceva la persona seduta accanto.

Chiudendo le porte

A due anni dal riavvicinamento, le politiche del premio Nobel sembrano più oscure e confuse . Dopo che Abiy ha camminato per l’ultima volta sul tappeto rosso ad Asmara per incontrare Issayas nel gennaio 2020, l’ Agenzia per i rifugiati e i rimpatriati (ARRA) del governo federale etiope si è mossa rapidamente sui piani per chiudere Hitsats.

Un alto funzionario dell’intelligence del Tigray in pensione ci ha detto (ad The Africa Report n.d.r.) che Issayas aveva incaricato Abiy di fare altrettanto. (Il ministro dell’Informazione eritreo Yemane Gebremeskel non ha risposto a una richiesta di commento.)

Da febbraio, ai residenti viene detto che saranno trasferiti in due campi più vecchi e sovraffollati: May-Ayni e Adi-Harush, dopo un ritardo iniziale dovuto alla pandemia di COVID-19.

 Campo profughi Mai-Ayni vicino al confine eritreo nella regione del Tigrai in Etiopia, 10 febbraio 2016. REUTERS/Tiksa Negeri
Campo profughi Mai-Ayni vicino al confine eritreo nella regione del Tigrai in Etiopia, 10 febbraio 2016. REUTERS/Tiksa Negeri

Hitsats, paradossalmente, nasce esattamente sette anni fa, proprio per far fronte alla mancanza di capacità degli altri tre campi del Tigray che ospitano i profughi eritrei. Ora ci sono circa 12.000 rifugiati in Hitsats e l’ARRA si rifiuta di accettare rifugiati eritrei sulla base prima facie su cui sono sempre stati accolti.

In fuga dall’Eritrea

Tra coloro che hanno attraversato il confine nei mesi in cui è stato aperto nel 2018 figurano la famiglia di una madre, di una sorella (entrambe erano state imprigionate in Eritrea) e la nipote (è stata violentata in Eritrea) di Mesfin (non il suo vero nome), un residente a Hitsats. Mesfin era arrivato prima di loro nel 2015 dopo aver sborsato ai contrabbandieri un equivalente di $ 2.500 in Nakfa (circa 143 euro n.d.r.).

Quindici anni fa, Mesfin si era iscritto a un collegio teologico ad Asmara, giurando di diventare un prete cattolico. Ma ha deciso di fuggire dopo quello che ha descritto come un ciclo di oltre sei anni di reclusione intermittente che ha seguito il suo rifiuto iniziale di essere arruolato nel servizio nazionale a tempo indeterminato. Alla fine, fu costretto a lavorare in un’impresa statale.

Mentre Mesfin attraversava, ha ricordato i soldati eritrei che sparavano a coloro che erano fuggiti. In primo luogo, i soldati etiopi gli diedero cibo e acqua; poi è stato inviato allo Sheraro, un centro di accoglienza per rifugiati in prima linea; e il giorno dopo, è stato inviato a Endabaguna, un centro di accoglienza ufficiale dell’ARRA, dove è stato interrogato per tre giorni.

Alla fine, l’UNCHR ha promesso che sarebbe stato reinsediato in America, ma rimane un sogno lontano.

Rifugiati eritrei: “calcio politico”

I centri di accoglienza in prima linea al confine Tigray-Eritrea, un tempo 16, ora sono tre, anche se gli eritrei continuano ad attraversare il confine, che rimane poroso. Il comitato per i rifugiati di Hitsats ha scritto all’UNHCR temendo la revoca del loro status di rifugiato e la deportazione in Eritrea.

A marzo (2020 n.d.r.), l’organizzazione ha risposto di non aver ricevuto una notifica scritta ufficiale sulla prevista chiusura del campo, ma tutti i campi profughi in Etiopia sono gestiti dall’ARRA e l’UNHCR è semplicemente un partner esecutivo che deve agire con attenzione.

Per anni, i rifugiati eritrei sono serviti come una sorta di football politico utilizzato per promuovere gli obiettivi di sicurezza nazionale dell’Etiopia; e così è di nuovo.

“Questa è casa tua; questo è il tuo paese”, ha dichiarato a febbraio il presidente del TPLF, Debretsion Gebremichael, “Per l’esercito eritreo, questo è il tuo paese!”

Le organizzazioni dissidenti eritree nel Tigray vogliono assorbire i residenti di Hitsats che dicono che l’ARRA non aiuterà; e il Tigray non vuole chiudere le porte ai rifugiati eritrei mentre le rivalità si approfondiscono con i governi di Abiy e Issayas, che sembrano volere niente di meno che le teste dei leader del TPLF su un vassoio.

Deterioramento delle condizioni al campo

Abraham, un altro rifugiato (non il suo vero nome), ottenne prima facie lo status di Hitsats un mese prima dell’accordo di pace (16 settembre 2018 n.d.r.). Da allora, le condizioni sono peggiorate, le razioni di cibo sono scese da 10 a 7 chilogrammi, il grano è stato sostituito con il mais e l’acqua e le medicine sono meno disponibili rispetto a prima, dice. Poiché il campo non è recintato, ha paura, dato che chiunque può entrare, soprattutto di notte.

A peggiorare le cose, una delle agenzie che lavorano nel campo sta minacciando e imprigionando i rifugiati che si oppongono alla chiusura. La violenza è aumentata durante le celebrazioni della Pasqua ortodossa ad aprile, quando la polizia è stata chiamata ma non ha effettuato alcun arresto. Sebbene Hitsats sia considerato sicuro durante il giorno, è percepito come pericoloso di notte.

Non esiste una rete elettrica e la popolazione demografica dominante, i giovani tra i 16 ei 25 anni, sono visti come una minaccia e sono accusati di disturbi notturni. Alcuni rifugiati sospettano che l’ARRA possa voler incitare alla violenza nel campo per avere un pretesto per chiuderlo o che spie eritree filo-governative che vivono lì stiano facendo rapporto ad Asmara.

Riavvicinamento in un vicolo cieco

Sulla scia della guerra eritreo-etiope (1998/2000 n.d.r.), i vicini hanno dato rifugio e armato i reciproci dissidenti, ma il riavvicinamento ha visto Issaya esportare i ribelli etiopi a casa mentre Abiy ha posto fine al supporto operativo e ai sussidi del governo federale etiope all’esilio eritreo anti-Issaya organizzazioni.

Quando Debretsion ha parlato, Issayas Woldegiorgis, un ex vice capo del servizio di intelligence e sicurezza nazionale dell’Etiopia sotto il governo del TPLF, stava cercando disertori militari attivi prima che potessero entrare a Endabaguna (il punto di ingresso nella burocrazia federale etiope dei rifugiati), secondo un Fonte eritrea nel Tigray (ne era stato informato da profughi che erano stati contattati da Woldegiorgis).

La posizione del presidente eritreo era già chiara in quanto accusava i governanti del Tigray di “assumere spie e collaboratori” al fine di creare “opposizione” e un’ondata di “atti di creazione di “campi profughi” in collusione con l’UNCHR “per raggiungere schemi accuratamente intrecciati di prosciugando la manodopera eritrea”. “Manterremo la rotta fino a quando questo processo, che è ancora nella sua fase incipiente, non sarà portato a termine”, ha detto Issayas dei suoi rapporti ancora poco compresi con Abiy.

FONTE: https://www.theafricareport.com/28085/eritrean-refugees-still-caught-in-a-game-of-political-football/

Lascia un commento