Salta al contenuto

Uff. Tesoro USA : “Droni Iraniani in Etiopia”

Il Dipartimento del Tesoro afferma che la proliferazione dei droni iraniani ha raggiunto l’Etiopia.

FONTE: https://www.thenationalnews.com/world/us-news/2021/10/29/iran-drone-programme-target-of-latest-us-sanctions/

Venerdì gli Stati Uniti hanno preso di mira il programma di droni di Teheran imponendo nuove sanzioni a quattro persone e due entità legate al Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana.

Un tecnico dell'esercito iraniano pilota durante un'esercitazione militare. Foto: Ufficio dell'esercito iraniano via AFP
Un tecnico dell’esercito iraniano pilota durante un’esercitazione militare. Foto: Ufficio dell’esercito iraniano via AFP

In una dichiarazione, il Dipartimento del Tesoro ha affermato che l’IRGC ha fornito veicoli aerei senza equipaggio (UAV), o droni, a gruppi sostenuti dall’Iran, tra cui il gruppo militante libanese Hezbollah , e all’Etiopia colpita dalla crisi , “dove l’escalation della crisi minaccia di destabilizzare la regione più ampia».

Negli ultimi anni, attacchi di droni iraniani sono stati diretti contro più petroliere nel Golfo Persico, incluso l’ attacco di Fujairah del maggio 2019 al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti che ha danneggiato navi saudite, emiratine e norvegesi.

“La proliferazione di UAV da parte dell’Iran nella regione minaccia la pace e la stabilità internazionali. L’Iran e i suoi militanti per procura hanno usato gli UAV per attaccare le forze statunitensi, i nostri partner e le spedizioni internazionali”, ha affermato il vice segretario al Tesoro Wally Adeyemo.

“Il Tesoro continuerà a ritenere l’Iran responsabile dei suoi atti irresponsabili e violenti”.

Le sanzioni di venerdì sono state imposte al comandante della Forza aerospaziale dell’IRGC, Saeed Aghajani, accusato di aver ordinato diversi attacchi di droni nelle acque del Golfo negli ultimi due anni.

La sua unità ha orchestrato l’attacco del 29 luglio alla nave mercantile Mercer Street al largo della costa dell’Oman, che ha provocato la morte di due membri dell’equipaggio, ha detto il Dipartimento del Tesoro.

“Anche Aghajani era dietro un attacco UAV contro una raffineria di petrolio dell’Arabia Saudita nel 2019”, si legge nella dichiarazione.

Nelle sanzioni è stato nominato anche il generale Abdollah Mehrabi dell’IRGC.

Due società di droni con sede in Iran, Kimia Part Sivan e Oje Parvaz Mado Nafar, insieme a due persone ad esse affiliate, sono state aggiunte all’elenco delle sanzioni per aver aiutato l’IRGC a modernizzare il suo programma di droni.

Il Tesoro ha affermato che la Forza Quds dell’IRGC ha utilizzato e distribuito droni letali in tutta la regione, osservando che gruppi finanziati dall’Iran tra cui Hezbollah, Hamas a Gaza, Kata’ib Hezbollah in Iraq e i ribelli Houthi nello Yemen hanno ricevuto UAV iraniani.

La dichiarazione afferma che il governo etiope ha anche utilizzato gli UAV iraniani contro i ribelli nella regione settentrionale del Tigray.

Il sito web di intelligence open source Oryx ha riferito ad agosto che l’Etiopia si era assicurata un contratto con l’Iran per la consegna di velivoli da combattimento senza pilota Mohajer-6.

“Dopo essere apparentemente arrivato all’aeroporto etiope di Semara, nell’Etiopia nord-orientale, il 1° agosto, la stazione di controllo a terra dei droni (GCS) è stata poi fotografata mentre il primo ministro Abiy Ahmed ha visitato la base non più di due giorni dopo”, l’intelligence. sito web ha detto.

L’ambasciata etiope a Washington non è stata immediatamente disponibile per un commento.

Lascia un commento