Salta al contenuto

Affari Esteri del Tigray sull’offensiva “finale” di Abiy sul popolo del Tigray.

Press statement on Abiy’s “Final” offensive on the people of Tigray.

Abiy Ahmed’s threatened offensive to reinvade Tigray has officially begun. Despite repeated appeals by the international community as well as the Government of Tigray to find a peaceful resolution of the current crisis, the Ethiopian government has once again chosen to continue its genocidal war on Tigray. As repeatedly threatened and telegraphed to domestic and international audiences. Abiy’s final offensive to reinvade Tigray, brutalize and humiliate our people by reprising its genocidal acts has begun. On the morning of October 11, 2021, the Ethiopian military with the support of Amhara forces launched coordinated offensives on all fronts. In addition to fielding hundreds of thousends of regular and irregular fighters, these genocidal forces are supported by heavy artilleries, tanks, rockets, drones and fighters jets, leaving no doubt about their annihilationist intent.

 

War was not, and is not, the first option for the people and Government of Tigray. We have repeatedly expressed our commitment to a negotiated ceasefire. But since the Ethiopian and regional Amhara genocidal forces are hell bent on bringing the people of Tigray to their knees, the people and Government of Tigray are forced into a war they do not want but must win to ensure their survival. As a secret recording of senior Ethiopian military officers enstablished, the Abiy Ahmed government dishonestly attributes its defeat and subsequent departure from Tigray to the unagressive implementation of its genocidal blueprint. As a result, their current drive is to pick up where they left off by annihilating the people of Tigray so that they would never be thorn in the side of the Abiy Ahmed government and for generations thereafter. To spoil this genocidal plan against our adversaries’ coordinated, multipronged offensive.

It’s to be recalled that after occupyng Tigray for over 8 months, the Ethiopian and Eritrean militaries as well as allied Amhara forces suffered a series of decisive military defeats at the hand of Tigray Armed Forces, though the western part of Tigray remains under enemy control with all the brutality that it entails. The Abiy Ahmed government has churned out a series of prepackeged statements presenting their retreat from Mekelle and much of Tigray as an act of mercy a gesture humnanitarian to facilitate farming and give the people of Tigray much-needed respite from the sound of gunfire. That manufactured narrative, designed to hide its humiliating defet, was targeted at its gullible supporters who had been fed a constant diet of lies to whom the truth would he a hard pill to swallow. The truth is that the genocidal forces retreated from much of Tigray and left Mekelle in disarry not out of their non-existent humanitarian impulse but because their vaunted divisions were destroyed, with several thousand killed, wounded, and captured. Having its back essentially broken by our forces, the Ethiopian military fled to rearm and regroup itself for another go at annihilating the people of Tigray.

After retreating from Tigray, the Abiy Ahmed government has been on a shopping spree to acquire modern weapons from various countries. They have also been training new recruits mobilized following the national call to arms by the federal and Amhara regional governments. In short, since its hurried departure from Tigray, the Ethiopian military has been busy rearming and regrouping for the express purpose of initiating a second round of invasion of Tigray. Indeed, a number of senior civilian and military officials have publicly threatened to recapture Mekelle within weeks, if the people and Government of Tigray did not comport themeselves in a manner suggested by them. In reality, initiating a second round of invasion once they were ready has always been their plan. Their incessant self-congratulatory statement about the so-called unilateral ceasefire was a calculated move to hoodwink the international community into glossing over their well documented atrocities against the people of Tigray and, if possible, lull us into a sense of complacency. At the same time, they have benne exhorting their international interlocutors to be patient for that one “final” offensive that would be wrapped up in a matter of days or weeks, thereby rendering the issue of a peaceful resolution moot.

Our priority is to find a peaceful resolution to the crisis that reestablishes the status quo, in which all invading forces must withdraw from all constitutionally enstablished territories of Tigray. In pratice, this entails the withdrawal of Amhara forces to their prewar territories, the departure of all Eritrean forces from Ethiopia, as well as the end of the inhumane siege on Tigray deliberately implemented so as to achieve that which as eluded the Ethiopian government on the battlefiled: bringing the people of Tigray to their knees. But since the Ethiopian government is committed to a predatory path to bring the people of Tigray to their knees, our forces have no other option than to defend their people against these maraunding forces. This campaign of self-defense will continue until these genocidal forces come to their senses and chose a peaceful path.

We call on the international community to condemn the latest offensive and support the people of Tigray in their hour of need. Abiy Ahmed’s fantasy about a decisive military solution to a political conflict its at the heart of Ethiopoia’s current predicament. As though their well-documented abominable atrocities against the people of Tigray were not enough, these genocidal forces are once again knee to unleash devastating atrocities on our people. The international community must go beyond rhetorical condemnation and take meaningful actions by imposing punitive measures on the Ethiopian, Eritrean and Amhara regional governments to compel them to desist from their genocidal project.

Comunicato stampa sull’offensiva “finale” di Abiy sul popolo del Tigray.

La minacciata offensiva di Abiy Ahmed per reinvadere il Tigray è ufficialmente iniziata. Nonostante i ripetuti appelli della comunità internazionale e del governo del Tigray per trovare una soluzione pacifica all’attuale crisi, il governo etiope ha scelto ancora una volta di continuare la sua guerra genocida sul Tigray. Come ripetutamente minacciato e telegrafato al pubblico nazionale e internazionale. L’offensiva finale di Abiy per reinvadere il Tigray, brutalizzare e umiliare il nostro popolo riprendendo i suoi atti genocidi è iniziata. La mattina dell’11 ottobre 2021, l’esercito etiope con il supporto delle forze di Amhara ha lanciato offensive coordinate su tutti i fronti. Oltre a schierare centinaia di migliaia di combattenti regolari e irregolari, queste forze genocide sono supportate da artiglierie pesanti, carri armati, razzi, droni e aerei da combattimento, senza lasciare dubbi sul loro intento annichilante.

La guerra non era, e non è, la prima opzione per il popolo e il governo del Tigray. Abbiamo ripetutamente espresso il nostro impegno per un cessate il fuoco negoziato. Ma dal momento che le forze genocide etiopi e regionali di Amhara sono decise a mettere in ginocchio il popolo del Tigray, il popolo e il governo del Tigray sono costretti a una guerra che non vogliono ma devono vincere per assicurarsi la loro sopravvivenza. In quanto registrazione segreta degli alti ufficiali militari etiopi, il governo di Abiy Ahmed attribuisce disonestamente la sua sconfitta e la successiva partenza dal Tigray all’attuazione non aggressiva del suo progetto di genocidio. Di conseguenza, la loro attuale spinta è quella di riprendere da dove si erano interrotti annientando la gente del Tigray in modo che non fossero mai una spina nel fianco del governo di Abiy Ahmed e per le generazioni successive. Per rovinare questo piano di genocidio contro l’offensiva coordinata e articolata dei nostri avversari.

Va ricordato che dopo aver occupato il Tigray per oltre 8 mesi, le forze armate etiopi ed eritree, nonché le forze alleate di Amhara, hanno subìto una serie di sconfitte militari decisive per mano delle forze armate del Tigray, sebbene la parte occidentale del Tigray rimanga sotto il controllo nemico con tutta la brutalità che comporta. Il governo di Abiy Ahmed ha sfornato una serie di dichiarazioni preconfezionate presentando la loro ritirata da Mekelle e gran parte del Tigray come un atto di misericordia, un gesto umanitario per facilitare l’agricoltura e dare alla gente del Tigray una tregua tanto necessaria dal rumore degli spari. Quella narrativa fabbricata, progettata per nascondere la sua umiliante sconfitta, era mirata ai suoi sostenitori creduloni che erano stati nutriti con una dieta costante di bugie per i quali la verità sarebbe stata una pillola difficile da ingoiare. La verità è che le forze genocide si sono ritirate da gran parte del Tigray e hanno lasciato Mekelle in disgrazia non per il loro inesistente impulso umanitario, ma perché le loro decantate divisioni sono state distrutte, con diverse migliaia di morti, feriti e catturati. Con la schiena sostanzialmente spezzata dalle nostre forze, l’esercito etiope è fuggito per riarmarsi e riorganizzarsi per un’altra battaglia per annientare il popolo del Tigray.

Dopo essersi ritirato dal Tigray, il governo di Abiy Ahmed ha fatto shopping per acquistare armi moderne da vari paesi. Hanno anche formato nuove reclute mobilitate in seguito alla chiamata alle armi nazionale da parte dei governi federale e regionale di Amhara. In breve, sin dalla sua frettolosa partenza dal Tigray, l’esercito etiope è stato impegnato a riarmarsi e raggrupparsi con l’esplicito scopo di iniziare un secondo round di invasione del Tigray. In effetti, un certo numero di alti funzionari civili e militari ha pubblicamente minacciato di riconquistare Mekelle entro poche settimane, se il popolo e il governo del Tigray non si fossero comportati nel modo da loro suggerito. In realtà, iniziare un secondo round di invasione una volta pronti è sempre stato il loro piano. La loro incessante dichiarazione di autocelebrazione sul cosiddetto cessate il fuoco unilaterale è stata una mossa calcolata per ingannare la comunità internazionale facendola sorvolare sulle loro atrocità ben documentate contro il popolo del Tigray e, se possibile, cullarci in un senso di autocompiacimento. Allo stesso tempo, hanno esortato i loro interlocutori internazionali a pazientare per quell’unica offensiva “finale” che si sarebbe conclusa nel giro di pochi giorni o settimane, rendendo così discutibile la questione di una risoluzione pacifica.

La nostra priorità è trovare una soluzione pacifica alla crisi che ristabilisca lo status quo, in cui tutte le forze invasori devono ritirarsi da tutti i territori costituzionalmente stabiliti del Tigray. In pratica, ciò comporta il ritiro delle forze di Amhara nei loro territori prebellici, la partenza di tutte le forze eritree dall’Etiopia, nonché la fine dell’assedio disumano al Tigray deliberatamente attuato per ottenere ciò che sfuggì al governo etiope sul campo di battaglia: mettendo in ginocchio il popolo del Tigray. Ma dal momento che il governo etiope è impegnato in un percorso predatorio per mettere in ginocchio la gente del Tigray, le nostre forze non hanno altra scelta che difendere la loro gente da queste predoni. Questa campagna di autodifesa continuerà fino a quando queste forze genocide non torneranno in sé e sceglieranno un percorso pacifico.

Chiediamo alla comunità internazionale di condannare l’ultima offensiva e sostenere il popolo del Tigray nel momento del bisogno. La fantasia di Abiy Ahmed su una soluzione militare decisiva a un conflitto politico è al centro dell’attuale situazione dell’Etiopia. Come se le loro abominevoli atrocità ben documentate contro il popolo del Tigray non fossero sufficienti, queste forze genocide sono ancora una volta in ginocchio per scatenare atrocità devastanti sul nostro popolo. La comunità internazionale deve andare oltre la condanna retorica e intraprendere azioni significative imponendo misure punitive ai governi regionali di Etiopia, Eritrea e Amhara per costringerli a desistere dal loro progetto di genocidio.

Lascia un commento