Salta al contenuto

L’Etiopia: ultimatum per espulsione 7 funzionari delle Nazioni Unite che coordinano aiuti in Tigray

La mossa è arrivata giorni dopo che il capo degli aiuti delle Nazioni Unite ha accusato l’Etiopia di aver organizzato un blocco degli aiuti che sta spingendo la regione alla carestia.

FONTE: https://www-nytimes-com.translate.goog/2021/09/30/world/africa/ethiopia-expels-un-officials.html

L’Etiopia ha ordinato l’espulsione di sette alti funzionari delle Nazioni Unite giovedì, due giorni dopo che il capo degli aiuti delle Nazioni Unite ha avvertito che il nord dell’Etiopia sta scivolando nella carestia perché il governo sta bloccando le consegne di aiuti alla regione.

Un centro di distribuzione alimentare di emergenza nella regione del Tigray in Etiopia a giugno. Da luglio, il governo etiope ha bloccato la maggior parte delle spedizioni di aiuti umanitari nella regione. Credito...Finbarr O'Reilly per il New York Times
Un centro di distribuzione alimentare di emergenza nella regione del Tigray in Etiopia a giugno. Da luglio, il governo etiope ha bloccato la maggior parte delle spedizioni di aiuti umanitari nella regione. Credito…Finbarr O’Reilly per il New York Times

Tra quelli sulla lista degli espulsi c’erano funzionari che coordinavano i soccorsi e lanciavano l’allarme sulla crisi umanitaria nel Tigray, la regione settentrionale che è in guerra da quasi un anno con il governo etiope.

Almeno cinque milioni di persone nel Tigray hanno urgente bisogno di aiuto, ma dal 12 luglio solo 606 camion sono stati autorizzati a entrare nella regione, portando a malapena un decimo delle forniture necessarie per scongiurare una catastrofica carestia, hanno affermato funzionari delle Nazioni Unite. Gli operatori umanitari accusano i funzionari etiopi di usare molestie e ostacoli per limitare il flusso di aiuti in una regione controllata dalle forze ribelli del Tigray.

I camion pieni di cibo, medicine e carburante sono bloccati nella vicina regione di Afar, a cui è stato negato il permesso di muoversi. Giovedì, funzionari etiopi hanno costretto 10 operatori umanitari a scendere da un volo delle Nazioni Unite nel Tigray, dicendo che non avevano i documenti necessari, ha detto un alto funzionario degli aiuti che non voleva essere identificato per evitare rappresaglie.

In una dichiarazione che concedeva ai funzionari delle Nazioni Unite 72 ore per andarsene, il ministero degli Esteri etiope li ha accusati di “ingerenza negli affari interni del Paese” e li ha dichiarati “persona non grata”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres si è detto “scioccato” dall’annuncio e ha espresso la sua “piena fiducia” nel personale delle Nazioni Unite che fornisce aiuti salvavita in Etiopia.

L’ordine etiope, se eseguito, sarebbe una delle più grandi espulsioni di alti funzionari umanitari delle Nazioni Unite da qualsiasi paese, eclissando facilmente lo sgombero di tre funzionari delle Nazioni Unite da parte del governo siriano nel 2015 nel bel mezzo della guerra civile di quel paese.

È stato anche un rimprovero indiretto al presidente Biden, che due settimane fa ha minacciato di imporre sanzioni ai funzionari etiopi e ad altri belligeranti nel conflitto del Tigray a meno che non smettessero di combattere e aprissero l’accesso umanitario alla regione.

Giovedì il segretario stampa di Mr. Biden, Jen Psaki, ha condannato l’ordine etiope “nei termini più forti possibili” e ha detto che gli Stati Uniti “non esiterebbero” a imporre le sanzioni – ma non ha detto quando. “Siamo d’accordo con i leader delle Nazioni Unite: questa è una macchia sulla nostra coscienza collettiva e deve finire”, ha detto la signora Psaki.

Il primo ministro Abiy Ahmed, che ha vinto il premio Nobel per la pace nel 2019, ha reagito alla crescente pressione internazionale con rabbia e sfida. Questo tema è stato rafforzato dal suo vice primo ministro e ministro degli esteri, Demeke Mekonnen, all’Assemblea generale delle Nazioni Unite la scorsa settimana, quando ha accusato nemici non specificati di inventare finzioni sulla situazione nel Tigray per denigrare il governo etiope.

Senza nominare quei nemici, il signor Mekonnen ha fortemente suggerito che i gruppi umanitari stranieri erano dietro le “trame” negative e “immagini orribili di incidenti falsi”. Sembrava gettare le basi per le espulsioni quando ha dichiarato: “Siamo quasi convinti che l’assistenza umanitaria sia un pretesto per avanzare considerazioni politiche”.

Tuttavia, giovedì i funzionari delle Nazioni Unite sembravano nutrire la speranza che le autorità etiopi potessero ritirare l’ordine di espulsione.

Stephanie Tremblay, una portavoce delle Nazioni Unite a New York che ha espresso la reazione di Guterres durante il regolare briefing quotidiano con le notizie, ha affermato che sono in corso discussioni tra funzionari etiopi e delle Nazioni Unite “a vari livelli” e ha sottolineato che il loro personale “non ha ancora lasciato l’Etiopia”.

“Ci stiamo davvero impegnando con il governo nell’aspettativa che i nostri colleghi possano rimanere e continuare il loro lavoro nel paese”, ha detto.

Tuttavia, gli appelli dell’ultimo minuto sono falliti quest’estate dopo che l’Etiopia ha espulso gli operatori umanitari da due importanti agenzie: la filiale olandese di Medici senza frontiere e il Consiglio norvegese per i rifugiati, accusandoli di armare “gruppi ribelli”.

La maggior parte dei funzionari nominati nell’ordine di espulsione di giovedì lavora per l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, i cui rapporti dettagliati sono stati fondamentali per attirare l’attenzione globale sulla crisi nel Tigray.

Durante una visita in Etiopia questa settimana, il capo dell’agenzia, Martin Griffiths, ha accusato l’Etiopia di aver organizzato un “blocco de facto” del Tigray.

“Questo è fatto dall’uomo; a questo si può rimediare con l’atto del governo”, ha detto.

Quando a novembre scoppiò la guerra del Tigray, il signor Abiy promise una campagna rapida e incruenta. Invece è stato associato alla fame di massa, alla violenza sessuale e alla pulizia etnica e, negli ultimi mesi, si è diffuso dal Tigray nelle regioni limitrofe di Afar e Amhara.

Anche in quelle zone la situazione umanitaria sta peggiorando. L’ONU ha detto giovedì che sta alimentando 52.000 sfollati interni ad Afar e altri 163.000 ad Amhara.

Entrambe le parti sembrano credere che la vittoria militare sia possibile e si prevede che i combattimenti divampano nelle prossime settimane, quando la stagione delle piogge di solito si attenua. I diplomatici stranieri hanno affermato di nutrire poche speranze che una missione di mediazione dell’Unione africana, guidata dall’ex presidente nigeriano Olusegun Obasanjo, avrà successo presto.

Tuttavia, molti osserveranno da vicino un discorso che il sig. Abiy dovrebbe pronunciare al parlamento etiope lunedì, segnando l’inizio di un nuovo governo, per qualsiasi segnale di apertura ai negoziati.

Funzionari etiopi hanno cercato di deviare le critiche al blocco degli aiuti sul Tigray accusando il Fronte di liberazione del popolo del Tigray, che controlla la regione, di aver sequestrato camion di aiuti per scopi militari.

Ma alti funzionari e diplomatici delle Nazioni Unite hanno affermato che ci sono poche prove a sostegno di tali affermazioni. Il problema più grande, hanno detto, è che i camionisti di etnia tigrina sono riluttanti a lasciare la regione per paura di subire molestie o attacchi.

Cibo, carburante, medicine e contanti stanno finendo all’interno del Tigray, dove il governo ha interrotto i servizi Internet e telefonici, ha chiuso le banche e bloccato le forniture di carburante.

Nelle interviste, diversi operatori umanitari in Etiopia hanno affermato di temere che le espulsioni avrebbero avuto un effetto raggelante sulla loro capacità di manovra nel paese e di parlare apertamente. I funzionari degli aiuti hanno rifiutato di essere identificati per evitare rappresaglie da parte delle autorità etiopi.


Declan Walsh ha riferito da Nairobi, in Kenya, e Rick Gladstone da New York. Simon Marks ha contribuito al reportage da Nairobi.

Lascia un commento