Salta al contenuto

I Cadaveri Galleggiano Lungo il Fiume – Segni di Genocidio in Tigray

Wad El Hilou, Sudan (CNN) I contorni spettrali degli arti emergono attraverso la nebbia lungo il fiume Setit nel Sudan orientale. Man mano che il percorso del fiume si restringe, i corpi alla deriva si incuneano sul banco argilloso limoso e le loro forme appaiono più chiaramente; uomini, donne, adolescenti e persino bambini. 

FONTE: https://edition.cnn.com/2021/09/05/africa/ethiopia-tigray-humera-sudan-bodies-cmd-intl/index.html

I segni della tortura sono facilmente visibili su alcuni, le braccia strette dietro la schiena.

Durante un viaggio a Wad El Hilou, una città sudanese vicino al confine con l’Etiopia, una squadra della CNN ha contato tre corpi in un giorno. Testimoni e autorità locali in Sudan hanno confermato che nei giorni successivi alla partenza della squadra sono arrivati ​​a valle altri 11 corpi.

Le prove indicano che i morti sono tigrini. Testimoni sul campo dicono che i corpi raccontano una storia oscura di detenzioni di massa ed esecuzioni di massa oltre il confine a Humera, una città nella regione del Tigray in Etiopia.

La CNN ha parlato con dozzine di testimoni che raccolgono i corpi in Sudan, nonché esperti forensi internazionali e locali e persone intrappolate e nascoste a Humera, per rivelare quella che sembra essere una nuova fase di pulizia etnica nella guerra d’Etiopia.

 Un corpo è avvolto in teli di plastica dopo essere stato recuperato dalla riva del fiume da Wad El Hilou, in Sudan.

Un corpo è avvolto in teli di plastica dopo essere stato recuperato dalla riva del fiume da Wad El Hilou, in Sudan.

Humera è una delle tante città coinvolte nel conflitto che ha devastato il paese dell’Africa orientale, forte di 112 milioni di persone, da quando il governo etiope ha lanciato un’offensiva nella regione settentrionale del Tigray nel novembre 2020. Nonostante l’iniziale dichiarazione di vittoria del primo ministro Abiy Ahmed a fine novembre , la regione è ancora devastata dai combattimenti e la CNN ha precedentemente riferito di numerose atrocità tra cui la tortura, le esecuzioni extragiudiziali e l’uso dello stupro come arma di guerra .

Alla fine di giugno di quest’anno, l’ equilibrio del potere è cambiato improvvisamente quando le forze del Tigray hanno riconquistato la capitale regionale, Mekelle , e il governo etiope ha iniziato a ritirare le truppe dalla regione. I combattimenti però continuarono. A metà luglio, le forze del Tigray hanno annunciato una nuova offensiva per riconquistare le aree occupate dal governo etiope.

Questa nuova offensiva, hanno detto i testimoni alla CNN, è stata ciò che ha spinto le forze governative e i gruppi di milizia che detengono la città settentrionale di Humera, vicino al confine con l’Eritrea e il Sudan, a lanciare una nuova fase di incarcerazioni di massa dei residenti del Tigrino.

Le indagini della CNN indicano che la profilazione etnica, la detenzione e l’uccisione dei tigrini portano i segni distintivi del genocidio come definito dal diritto internazionale.

“Ci è stato detto di stare attenti ai corpi”

Nelle ultime settimane, una comunità di tigrini che vive nella città sudanese di Wad El Hilou, 65 chilometri (40 miglia) a valle di Humera, ha assunto il ruolo di scavatrice e scavatrice di tombe per i corpi alla deriva lungo il fiume conosciuto in Sudan come il Setit e in Etiopia come Tekeze.
È un lavoro arduo e angosciante. Il fetore dei corpi riempie l’aria mentre prima estraggono ogni cadavere dal letto del fiume e poi scavano nuove tombe per loro, prima di eseguire i riti di sepoltura.

Gebretensae Gebrekristos, noto come “Gerri”, è uno dei leader della comunità; aiuta a coordinare il cupo compito con solenne determinazione. In totale le stime della comunità sono state finora trovate almeno 60 corpi. Ha spiegato come il gruppo è certo che i corpi siano tigriani di Humera.

 Il leader della comunità tigraiana Gebretensae Gebrekristos, noto anche come Gerri, aiuta a coordinare e documentare il recupero dei corpi in Sudan.

Il leader della comunità tigraiana Gebretensae Gebrekristos, noto anche come Gerri, aiuta a coordinare e documentare il recupero dei corpi in Sudan.

“Riceviamo chiamate da persone a Humera che testimoni – spesso detenuti evasi – hanno visto persone marciare verso il fiume in una delle strutture e hanno sentito spari, o che un certo numero di persone sono state prelevate dai soldati dalle strutture di detenzione e non sono mai tornate. . Ci è stato detto di fare attenzione ai loro corpi che scendono lungo il fiume.”

I corpi sono apparsi per la prima volta in Sudan a luglio, quando il fiume era al suo massimo volume a causa della stagione delle piogge. Gli ingegneri idrici sudanesi hanno detto alla CNN che la velocità del suo flusso consentirebbe ai corpi di spostarsi da Humera a Wad El Hilou in circa due o tre ore. Wad El Hilou è un punto stretto naturale nel percorso del fiume – e così, quando i corpi sono arrivati, hanno galleggiato verso le rive.

Secondo Gerri, la sua comunità di solito trova il numero esatto di corpi che gli è stato detto di aspettarsi.

La sedicenne Natay e la diciassettenne Gebrey, i cui nomi sono stati cambiati per la loro sicurezza, sono tra i tigrini che hanno affermato di essere fuggiti dai campi di prigionia di Humera. Ora a Wad El Hilou, hanno confermato alla CNN di aver sentito notizie di uomini, con le mani legate, che venivano marciati in fila indiana verso il lungofiume di Humera, nell’area tra la chiesa di Santa Maria e la chiesa di San Michele. Entrambi i ragazzi dicono di aver sentito risuonare degli spari e gli uomini non sono tornati.

Natay ha detto di ricordare di essersi sentito paralizzato: “Ero così spaventato, pensando che mi avrebbero ucciso e buttato dentro anche me”.

 Il leader della comunità tigraiana Gebretensae Gebrekristos, noto anche come Gerri, aiuta a coordinare e documentare il recupero dei corpi in Sudan.

Il leader della comunità tigraiana Gebretensae Gebrekristos, noto anche come Gerri, aiuta a coordinare e documentare il recupero dei corpi in Sudan.

Le autorità sudanesi a Wad El Hilou hanno presentato rapporti alla polizia e al coroner per ogni corpo trovato nel loro territorio, documentando prove delle estese torture e delle ferite da proiettile “stile esecuzione” trovate su molti dei corpi, hanno detto le autorità alla CNN. Sia le autorità locali sudanesi che gli esperti forensi affermano che tutti i corpi recuperati finora erano probabilmente morti prima di finire in acqua.

In una dichiarazione rilasciata tramite la società di pubbliche relazioni statunitense Mercury, il governo etiope ha affermato che stava indagando sulle accuse. “Alla luce di diverse incongruenze nelle accuse, stiamo lavorando con le autorità competenti per raccogliere prove e perseguiremo tutti gli individui che hanno commesso crimini nella misura massima consentita dalla legge”, ha detto un portavoce.

“Il governo è desideroso di ribadire il nostro desiderio di garantire una risoluzione pacifica del conflitto nel Tigray e sta lavorando attivamente per garantire un cessate il fuoco”.

‘Tutti erano malati’

Per tanti tigrini in Sudan, questi corpi avrebbero potuto essere persone che conoscevano. Molti sono fuggiti da Humera e hanno ancora delle famiglie lì.

Temesgen, 24 anni, e Yonas, 25, affermano di essere fuggiti insieme da un magazzino a Humera, chiamato Enda Yitbarek, che descrivono come un campo di detenzione di massa improvvisato per migliaia di tigrini. La CNN ha cambiato i loro nomi per la loro sicurezza. Entrambi sono stati imprigionati per poco più di due settimane.

“Giocavo in casa mia, poi mi hanno preso e mi hanno preso perché sono del Tigray”, ha ricordato Temesgen. “Non abbiamo fatto nulla, mi hanno solo raccolto e trattenuto”.

All’interno del magazzino, le persone erano ammassate sul pavimento senza stanze o tramezzi per creare privacy, ha detto.

“Non ci fornivano cibo e non avevamo nemmeno accesso al bagno”, ha detto Yonas. “Alcune persone stavano facendo il bagno all’interno del magazzino.”

Per Temesgen il vero orrore è stata la mancanza di assistenza medica. “Tutti erano malati di influenza e non ricevevano assistenza medica. Non ci mandavano in ospedale”, ha detto.

Ex detenuti hanno descritto alla CNN prigionieri di tutte le età stretti insieme – dalle madri con bambini piccoli agli adolescenti agli uomini sulla settantina.

Temesgen e Yonas affermano di essere fuggiti durante una rara pausa per andare in bagno consentita dalle guardie e hanno fatto il viaggio in Sudan. Entrambi hanno parlato di più campi di prigionia sparsi per la città di Humera.

La CNN ha parlato con dozzine di altri fuggitivi da questi campi e, in base ai loro resoconti, stima che ci siano fino a nove luoghi in cui si pensa siano detenuti migliaia di tigrini.

Humera Tigray centri di detenzione etnica - mappa satellitare
Humera Tigray centri di detenzione etnica – mappa satellitare

Profilazione etnica

I tigrini ancora all’interno di Humera hanno detto alla CNN che vivono nella costante paura di essere detenuti o uccisi. Hanno parlato di sfacciato profiling etnico in base al quale i residenti di etnia tigraia sono presi di mira e quelli di altre etnie sono al sicuro, in particolare quelli di etnia Amhara; la milizia di Amhara ha combattuto a fianco delle forze governative etiopi nel Tigray.

Le persone di etnia mista affrontano un destino incerto; i residenti hanno detto alla CNN che una carta d’identità di Amhara può essere sufficiente, ma essere visti socializzare con i tigrini metterà comunque a rischio qualcuno.
Alem, il cui nome è stato cambiato anche per motivi di sicurezza, è mezzo tigrino ma ha una carta d’identità non tigrino e ha aiutato i tigrini a nascondersi nella sua casa a Humera mentre gli arresti continuano. I parenti all’estero lo hanno invitato a fuggire, ma insiste che è suo dovere restare e aiutare coloro che sono presi di mira.
Rahel, non è il suo vero nome, è anche lei del Tigray ma ha una carta d’identità non tigreana e dice di aver visitato amici e parenti nei campi di prigionia nonostante le domande poste dalle guardie. È inorridita dalle condizioni delle persone detenute.

“Non possono muoversi, non ricevono abbastanza servizi igienici, niente cibo, niente acqua e niente medicine. Se si sentono male e muoiono, a nessuno importa. Hanno fame e sete. Come potrebbero sentirsi bene pensando che sia il loro turno il il giorno dopo, sapendo che i loro amici sono stati uccisi ieri? Le guardie non si preoccupano della vita”, ha detto.

Le persone di Humera che hanno parlato con la CNN hanno ripetutamente menzionato le sparizioni di membri della comunità del Tigray. Quelli ancora liberi presumevano di essere detenuti nei campi, ma quelli che sono fuggiti dalle prigioni hanno detto alla CNN che le persone venivano spesso convocate dalle guardie e non sarebbero mai tornate. Altri hanno parlato di rari avvistamenti di corpi scaricati nel fiume.

Dall’altra parte dell’acqua in Sudan, Yonas ha ricordato le sparizioni dal magazzino di Enda Yitbarek.

“Non ci stavano torturando, ma facevano spesso prigionieri di notte e non tornavano mai più”, ha detto Yonas. “Non sappiamo se li abbiano uccisi o meno, ma dopo che li hanno presi non sono più tornati e le loro famiglie hanno denunciato la loro scomparsa”.

I residenti di Humera con cui la CNN ha parlato credono fermamente che i corpi che arrivano a Wad El Hilou provengano dalla loro città. Molti sono in contatto regolare con coloro che sono fuggiti attraverso il confine con il Sudan e quando i corpi hanno iniziato ad arrivare, la notizia si è diffusa rapidamente.
Un uomo è stato identificato localmente come Misganawu, un noto barbiere di Humera. “Aveva due soprannomi, Totit e Gundi”, ricorda Alem. “Conoscevo molto bene Totit quando lavorava a Humera in quel negozio di parrucchiere. È nato e cresciuto a Humera”.

Segni di tortura

Indagini indipendenti in corso da parte di esperti forensi internazionali e locali non hanno trovato prove che le vittime fossero annegate. Gli esperti, che hanno chiesto di non essere identificati per motivi di sicurezza, hanno detto alla CNN che i corpi erano stati tutti esposti a qualche forma di agente chimico dopo la morte, portando a un processo che li aveva effettivamente preservati prima di entrare in acqua.

 Un corpo recuperato dalla riva del fiume Setit da Wad El Hilou, in Sudan, è trasportato su teli di plastica.

Un corpo recuperato dalla riva del fiume Setit da Wad El Hilou, in Sudan, è trasportato su teli di plastica.

Il fatto che tutti i corpi fossero in uno stato simile indicava che erano stati immagazzinati in un ambiente simile, forse un deposito o una fossa comune, prima di essere scaricati nel fiume, hanno detto gli esperti.
Questo stato di conservazione rende più facile identificare i segni sui corpi e cosa potrebbe averli causati, hanno detto gli esperti.

Alcuni di quelli trovati avevano le braccia legate dietro la schiena, secondo una tecnica di tortura chiamata “tabay”. Molti avevano le mani legate con un filo elettrico giallo di piccolo calibro e rotture e lussazioni ossee indicano inoltre che è stata esercitata una pressione aggiuntiva sui loro corpi prima della morte.

Gli esperti affermano di essere in una corsa contro il tempo per preservare le prove, nel caso in cui siano necessarie per potenziali procedimenti giudiziari per crimini di guerra in futuro. Hanno anche confermato i segni di tortura evidenti al gruppo in Sudan che ha raccolto i cadaveri.

Mentre gli investigatori in Sudan continuano a esaminare i corpi, i tigrini e coloro che li aiutano a Humera affrontano una lotta quotidiana per rimanere liberi da arresti e abusi.

E i tigrini come Gerri, dall’altra parte del confine, piangono e scavano fosse poco profonde per i corpi che vanno alla deriva a valle.

Parlando vicino alla prima tomba sul fiume che ha scavato, contrassegnata da una croce di legno improvvisata, Gerri ha detto che lo addolorava non essere in grado di dare loro una degna sepoltura.

“Lasciare la tua gente al fiume? Tua sorella, tuo fratello, non seppellito adeguatamente? Quando vedi questo, ti fa male, ti fa male il cuore, ma cosa puoi fare? Questo è ciò a cui siamo stati condannati. “

Lascia un commento