Salta al contenuto

Il Genocidio del Tigray: Una Breve Crono Storia [ by OMNA Tigray ]

Di seguito riporto la traduzione in italiano dell’ articolo pubblicato da OMNA Tigray per spiegare che la guerra in Tigray non è iniziata il 3 novembre 2020, ma è ben più articolata e ci sono fatti pregressi che bisogna conoscere per poter capire come tutto è iniziato.

FONTE: https://omnatigray.org/the-tigray-genocide-a-brief-timeline/

OMNA Tigray
OMNA Tigray – omnatigray.org

L’Etiopia, nazione spesso ricordata per la carestia vissuta negli anni ’80 e per una guerra di confine con la vicina Eritrea tra il 1998 e il 2000, è tornata ai titoli dei giornali per tutte le ragioni sbagliate dopo un periodo di relativa pace negli ultimi 20 anni .

Ormai, le persone in Occidente potrebbero aver sentito parlare del #TigrayGenocide o aver visto i servizi della CNN sulle atrocità commesse nello stato etiope più settentrionale del Tigray. Ecco una breve cronologia di come siamo arrivati ​​qui.

Il nuovo ordine politico

Per avere una piena comprensione del conflitto nel Tigray, si dovrebbe guardare indietro al 1991, quando una coalizione di gruppi di opposizione rovesciò l’allora giunta militare marxista al potere nota come ” il Derg “.

Quelle forze di opposizione si sono formate lungo linee etniche in un paese che ospita oltre 83 diversi gruppi etnici. I più importanti di questi gruppi erano il Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) e il Fronte di liberazione del popolo eritreo (EPLF) che si sono assunti il ​​compito di liberare rispettivamente i popoli del Tigrino e dell’Eritrea.

Mentre la parola “liberazione” aveva significati diversi per i diversi gruppi di opposizione a base etnica, il consenso schiacciante tra i membri dell’EPLF e in effetti il ​​popolo eritreo era che significasse totale indipendenza dall’Etiopia. E questo è stato dimostrato in un referendum sull’indipendenza svolto nel 1993 dopo la caduta del Derg in cui oltre il 99% degli elettori ha optato per l’indipendenza dell’Eritrea.

Per quanto riguarda il TPLF e gli altri gruppi, il loro consenso era quello di trasformare l’Etiopia in una democrazia parlamentare federale in cui ogni principale gruppo etnico del paese godeva di una relativa autonomia dal centro e aveva il proprio stato regionale. Una coalizione di quattro grandi partiti, tra cui il TPLF, ha istituito il Fronte democratico rivoluzionario del popolo etiope (EPRDF). In sostanza, ogni grande gruppo etnico è stato organizzato sotto un partito politico e ha stabilito il proprio stato per funzionare nel quadro di una democrazia parlamentare.

Sebbene l’indipendenza dell’Eritrea sia stata ampiamente sostenuta dal popolo eritreo e accettata dal TPLF, non è stata esente da punti di contesa. Ciò in seguito ha portato al conflitto del 1998 che sarebbe esploso in una guerra in piena regola tra Etiopia ed Eritrea.

La guerra etio-eritrea del 1998

I punti di contesa che hanno gettato le basi per il conflitto erano l’introduzione da parte dell’Eritrea di una nuova valuta per sostituire il Birr etiope, che i due paesi non riuscivano a concordare su come gestire, e le questioni di demarcazione dei confini di vecchia data che erano ancora irrisolte al momento dell’indipendenza dell’Eritrea .

Questi problemi hanno amplificato le faide personali diffamatorie tra i leader del TPLF e dell’EPLF. Il leader di quest’ultimo gruppo che è anche il primo e unico presidente dell’Eritrea è un uomo di nome Isaias Afwerki . Ricorda il suo nome perché apparirà di nuovo in questa storia.

Quelle faide personali portano alla guerra nel 1998, apparentemente su una piccola città al confine tra Tigray ed Eritrea chiamata Badme. Quella guerra brutale si concluse nel 2000 con la sconfitta dell’Eritrea e l’Etiopia che mantenne il controllo della città nonostante una sentenza del 2002 da parte di una commissione per i confini dell’Aia che assegnava la città all’Eritrea. Ciò ha provocato uno stato di non-pace e non-guerra tra i due paesi che durò per due decenni.

TPLF a pochi passi

Avanti veloce fino al 2018 e il TPLF non è più il partito di governo di spicco in Etiopia a causa di un’ondata di proteste popolari negli stati di Oromia e Amhara , che costituiscono i due più grandi gruppi etnici nella federazione etiope, e la pressione dell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sul TPLF per riformare la politica etiope.

Il popolo del Tigray è una minoranza in Etiopia, che rappresenta solo il 6% circa di una popolazione di 110 milioni di persone. Tuttavia, il TPLF era il più organizzato e dedicato dei gruppi di opposizione durante la lotta per rovesciare il Derg, e come tale godeva di un’influenza squilibrata nella politica etiope.

Il TPLF è stato quindi accusato di pratiche antidemocratiche, come brogli elettorali, incarcerazione degli oppositori e una pesante repressione delle proteste nel paese insieme all’accusa di aver favorito il Tigray per progetti di sviluppo, sebbene non siano state presentate prove per l’ultima delle accuse.

Mentre il TPLF era solo un partito in una coalizione di governo che includeva altri tre partiti politici che erano ex gruppi di opposizione, una percezione comune riteneva che gli altri partiti della coalizione fossero semplici partiti satellite, e come tale il TPLF si prese la maggior parte della colpa per tutto quello che è andato storto nel paese.

Il popolo tigrino ha ingiustamente condiviso questa colpa perché la credenza comune nel paese era che i tigrini stessero ingiustamente beneficiando dello status del TPLF come forza politica dominante. I tigayan erano spesso percepiti come beneficiari economici del regime quando la realtà sul campo mostrava il contrario; I tigrini non erano più ricchi o migliori dei loro connazionali in altre parti dell’Etiopia.

Abiy arriva al potere

Nel 2018, i leader dell’EPRDF hanno accettato le riforme politiche proposte e un nuovo primo ministro di nome Abiy Ahmed è stato nominato primo leader oromo dell’Etiopia.

La scelta di Abiy è ricaduta sulla preferenza degli Stati Uniti e su una decisione presa dall’Organizzazione Democratica del Popolo Oromo (OPDO) di nominarlo il loro nuovo leader e, per estensione, il nuovo Primo Ministro etiope. L’OPDO da solo controllava il maggior numero di seggi in parlamento perché Oromia è lo stato più grande della federazione.

Dopo la sua nomina alla premiership, Abiy ha intrapreso una serie di riforme che sono state ampiamente accolte dalla comunità locale e internazionale. Questi includevano il rilascio di prigionieri politici, l’invito a gruppi di opposizione a negoziare con il governo e, in particolare, la firma di un cosiddetto “accordo di pace” con il dittatore eritreo Isaias Afwerki, in cui Abiy abdicò la città contesa di Badme in Eritrea così come altre contestate aree, tra cui un terzo della regione Irob del Tigray. Abiy è stato insignito del premio Nobel per la pace nel 2019 per il suo accordo con Isaias Afwerki che ha posto fine alla situazione di stallo militare di 18 anni al confine.

Questo è quando è iniziato l’ultimo capitolo di questa storia.

Il patto Abiy-Isaias e il nuovo partito di Abiy

Dopo aver fatto pace con Abiy e vedendo quanto fosse diventato emarginato il TPLF in Etiopia, Isaias incoraggiò Abiy ad assumere un atteggiamento sempre più ostile nei confronti del TPLF che ormai si limitava a governare solo il Tigray. Erano stati sistematicamente ostracizzati dalla vita politica e stava diventando chiaro che la lealtà di Abiy non era con il TPLF.

Il TPLF si è trovato stretto tra un governo etiope ostile e un vecchio nemico che non vedeva l’ora di vendicare la sua umiliante perdita nella guerra etio-eritrea del 1998-2000.

Dopo essere diventato amico del dittatore eritreo, Abiy ha iniziato a trasformare l’Etiopia in uno stato unitario anziché in una federazione etnica multipartitica. Lui e il suo nuovo amico pensavano che sarebbe stato più facile controllare gli etiopi se le differenze etniche fossero state soppresse. A tal fine, sciolse tutti i partiti politici etnici nella sua coalizione e li unì in un unico partito, che chiamò Partito della prosperità (PP).

Come visto in Jugoslavia, la soppressione non è il modo in cui affronti la diversità, ma Abiy non è un grande appassionato di storia.

Il TPLF ha rifiutato di unirsi a questo nuovo partito, facendo arrabbiare Abiy.

Le circostanze hanno raggiunto un punto di ebollizione nel settembre del 2020 quando il TPLF è andato avanti con un’elezione programmata che aveva Abiy voleva rinviare fino a quando non avesse eliminato tutta la sua opposizione, ma il TPLF non ha voluto aspettare poiché ha giustamente valutato il mandato del premier come terminato. Qualsiasi tentativo di posticipare le elezioni era un chiaro tentativo di eliminare i gruppi di opposizione, che a questo punto era principalmente dovuto al TPLF.

La guerra genocida in Tigray

Abiy e Isaias hanno iniziato a mostrare attivamente la loro ostilità nei confronti del TPLF e del popolo del Tigray ammassando le loro truppe al confine. Il 4 novembre 2020, mentre l’amministrazione Trump era impegnata con le elezioni statunitensi, le truppe eritree ed etiopi hanno attaccato il Tigray, spingendo il TPLF a disarmare difensivamente una base militare etiope all’interno del Tigray, che Abiy ha usato come scusa per giustificare la sua guerra al Tigray.

Una volta iniziata la guerra, i combattimenti e le atrocità commessi dalle forze etiopi, eritree e Amhara sono avvenuti sotto un blackout mediatico, in modo che Abiy potesse controllare la narrazione e annunciare prima l’attacco del TPLF alla base militare etiope, permettendogli così di rivendicare l’auto- difesa. In effetti, ha descritto i combattimenti nel Tigray come “un’operazione delle forze dell’ordine” contro una giunta criminale che ha attaccato una base militare.

Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. Quando il TPLF aveva rilevato la base militare dichiarata, le truppe dall’Eritrea (a nord del Tigray) e le forze speciali dalla regione etiope di Amhara (a sud del Tigray) erano già all’interno del Tigray e si preparavano a invadere tutto il Tigray e ad attaccare il governo del Tigray nel Tigray. capitale di Mekelle.

Quindi, poiché le forze eritree e di Amhara avevano già iniziato il loro viaggio per invadere il Tigray da diverse direzioni, erano in realtà i Tigrini che si stavano difendendo.

Nei mesi successivi, le truppe etiopi ed eritree insieme alle milizie dello stato di Amhara che confina con il Tigray hanno commesso una serie di crimini orrendi contro la popolazione civile. Questi crimini includevano massacri, l’uso dello stupro come arma di guerra, l’uso della fame come arma di guerra, il saccheggio sistematico e l’omicidio sfrenato di civili da parte delle forze di invasione.

Le atrocità sono avvenute sotto un blackout mediatico, quindi la maggior parte di esse non sarebbe stata conosciuta, ma quelle che sono state rese note erano orrende; per esempio, ad Axum, una città santa del Tigray, i fedeli e i cittadini della città furono uccisi per le strade dagli eritrei provocando un numero di morti compreso tra 345 e 800. Il numero esatto era difficile da verificare poiché il Tigray era rimasto un zona di combattimento per tutti quei mesi.

Nel frattempo, il TPLF era stato estromesso dalla sua capitale regionale ed era stato costretto a ritirarsi sulle montagne e attingere alla sua conoscenza della guerriglia generazionale. Una nuova forza militare chiamata Tigray Defense Forces (TDF) è stata formata dal TPLF e da altri partiti del Tigray che erano uniti dal genocidio commesso contro la loro gente.

La lotta per la liberazione

Nel giugno del 2021, quell’insurrezione ha dato i suoi frutti quando l’esercito etiope è stato sconfitto in una serie di battaglie militari e costretto a ritirarsi dalla capitale regionale e dalla maggior parte del Tigray, mentre le milizie di Amhara e le forze di Isaias Afwerki sono rimaste al controllo di alcune parti del Tigray. Questo è il motivo per cui il TDF ha continuato la sua lotta: sta combattendo per rimuovere tutte le forze d’invasione da tutto il Tigray. Nel frattempo, l’amministrazione di Abiy ha bloccato l’ingresso degli aiuti nel Tigray, dove oltre 5,2 milioni di abitanti del Tigray sono a rischio di morire di fame.

La guerra ha mandato in bancarotta il governo di Abiy e distrutto l’esercito etiope, costringendo Abiy a ricorrere al reclutamento di milizie contadine.

L’Etiopia oggi è allo sbando a causa della scommessa di Abiy su Isaias Afwerki.

La lotta di liberazione del popolo del Tigray continua.

Daniel Solomon – Collaboratore esterno Omna Tigray  , agosto 2021

Lascia un commento