Salta al contenuto

Il Futuro dell’Umanità Sarà Meno Bianco e Sempre Più Africano – The Africa Report

Populisti afrofobici d’Europa e non solo, state attenti: il futuro dell’umanità sarà sempre meno bianco e sempre più africano. Le società possono fare di tutto per arginare questa tendenza inarrestabile, ma i loro sforzi saranno vani.

 La gente passa davanti a un predicatore di strada in piedi in un mercato, contrassegnato da decorazioni natalizie ad Abuja, in Nigeria, il 17 dicembre 2019. REUTERS/Afolabi Sotunde
La gente passa davanti a un predicatore di strada in piedi in un mercato, contrassegnato da decorazioni natalizie ad Abuja, in Nigeria, il 17 dicembre 2019. REUTERS/Afolabi Sotunde

Le proiezioni demografiche, anche le più conservatrici tra queste, sono giunte tutte alla stessa conclusione categorica: nel 2100, una persona su tre del pianeta nascerà nell’Africa sub-sahariana , mentre la popolazione della Nigeria supererà quella della Cina, diventando la seconda -il paese più grande dopo l’India.

Entro il 2050 – cioè meno di 30 anni da oggi – la Repubblica Democratica del Congo ospiterà quasi 200 milioni di persone (di cui 30 milioni nella sola area metropolitana di Kinshasa), la popolazione di Abidjan in Costa d’Avorio supererà i 10 soglia di milioni e quattro paesi del Sahel vedranno triplicarsi i loro abitanti. Rispetto ad altri continenti, una tale esplosione demografica non ha precedenti nella storia umana, affermano i demografi. Senza dubbio, a patto di contestualizzarlo.

Torniamo ai numeri.

Sebbene i tassi di fertilità siano diminuiti costantemente dalla fine degli anni ’90, rimangono di gran lunga i più alti nell’Africa subsahariana, dove le donne danno alla luce in media 4,7 bambini, rispetto ai 2,4 bambini a livello globale. Inoltre, i tassi di natalità superano i 5 figli per donna nella maggior parte dei paesi dell’Africa occidentale e centrale.

Capo Verde, Gibuti e Mauritius hanno frenato con successo la crescita della popolazione, ma per cominciare si tratta di piccole nazioni. Nel frattempo, Etiopia, Ruanda e Sudafrica stanno facendo tutto il possibile per tenere sotto controllo le loro popolazioni. E l’elenco dei paesi che, dal punto di vista malthusiano, possono essere considerati meritevoli, finisce qui. Non deve quindi sorprendere che questa parte del mondo, che all’attuale tasso di crescita rappresenterà il 35% della popolazione mondiale nel 2100, sia anche la più giovane: l’età media nel continente è di 19 anni, contro i 42 del Europa*.

“Inverno demografico”

Se il nostro mondo sta diventando sempre più africano è prima di tutto perché quattro continenti su sette sono entrati in quello che una volta papa Francesco ha chiamato, con preoccupazione, un “inverno demografico”. Quasi ovunque al di fuori dell’Africa sub-sahariana, compreso il Nord Africa, i tassi di fertilità hanno avuto la tendenza a scendere al di sotto del tasso di sostituzione, ovvero quello al quale una popolazione si sostituisce esattamente da una generazione all’altra, di 2,1 nascite per donna.

L’eminente rivista medica The Lancet avverte che i paesi ricchi stanno già vivendo questa inarrestabile spirale discendente, che porterà al declino della popolazione mondiale dal 2060 in poi. In Europa e Nord America, i tassi di fertilità sono compresi tra 1,5 e 2 nascite per donna. In Asia, il tasso di fertilità della Corea del Sud è sceso al di sotto di 1, mentre le vendite di pannolini per adulti in Giappone superano quelle dei pannolini per bambini.

Anche la Cina è indicativa di queste tendenze globali. A lungo un’ossessione per i commentatori occidentali e motivo di orgoglio per il Partito comunista cinese, la Cina perderà la sua posizione di nazione più popolosa del mondo dopo il 2030, con grande dispiacere di Pechino.

La popolazione dell’India e, intorno al 2090, della Nigeria supererà il gigante che invecchia, che è entrato in un ciclo di declino demografico: con 1,5 miliardi di abitanti oggi, la popolazione del Paese guidato da Xi Jinping potrebbe, secondo vari studi, tra cui quello pubblicati su The Lancet, scendono a 730 milioni entro la fine di questo secolo.

Di fronte a questi numeri, il Politburo del Partito comunista cinese ha deciso un anno fa di consentire alle coppie sposate di avere fino a tre figli. Tuttavia, i cittadini cinesi sembrano poco entusiasti del cambiamento, quindi è piuttosto improbabile che si inverta la tendenza del paese verso una diminuzione della popolazione.
Dividendo demografico

Potremmo passare tutta la giornata a speculare sui vari motivi per cui il desiderio di avere figli è crollato in Cina e nel resto del mondo, con la sola eccezione dell’Africa sub-sahariana.

L’ansia per il futuro, le preoccupazioni per la disoccupazione e la perdita di status sociale, la paura ambientale, il facile accesso alla contraccezione, i tassi più bassi di fede religiosa e altre ragioni hanno avuto la meglio sulle politiche pro-natali nei paesi ricchi e in via di sviluppo.

In un periodo di 15 anni, il governo sudcoreano ha investito $ 178 miliardi in un’ampia gamma di benefici sociali, come congedo retribuito, assistenza sanitaria gratuita, assistenza all’infanzia, scuole primarie, borse di studio e altri vantaggi, inclusi iPhone gratuiti, nel tentativo di aumentare i tassi di natalità nel paese. Il guaio è che niente di tutto questo ha fatto la differenza. Il tasso di fertilità della Corea del Sud oggi è pari a 0,9, il più basso del mondo.

Oltre a continuare ad aumentare l’età pensionabile (la Germania sta valutando di aumentarla fino a 69 anni), l’unica possibile via d’uscita da questo crollo demografico per l’Europa, dove i pensionati supereranno di due volte il numero dei lavoratori e le morti supereranno le nascite, è contare su un flusso costante di immigrazione, con la maggior parte dei nuovi arrivati ​​che arrivano dall’unico continente che ha ancora una popolazione in crescita: l’Africa.

Per mantenere la sua popolazione ai livelli attuali, l’Europa ha bisogno di integrare tra i 2 ei 3 milioni di immigrati ogni anno. Se non fosse per gli alti tassi di natalità tra i suoi cittadini di origine africana e provenienti da dipartimenti e territori d’oltremare, la Francia sarebbe già alla pari con i suoi vicini meridionali (Italia, Portogallo e Spagna) e orientali (Germania), dove la popolazione è stagnante e presto diminuirà.

La realtà è che, nella pura logica capitalista, i governi europei dovrebbero incoraggiare l’immigrazione, se non corteggiare i migranti con bonus in denaro, piuttosto che creare una miriade di ostacoli all’immigrazione.

Non potrebbe essere più vero ora che il livello medio di qualificazione dei potenziali migranti nell’Africa subsahariana è aumentato negli ultimi 15 anni: molti di loro hanno un’istruzione e provengono da paesi come Costa d’Avorio, Ghana e Nigeria, nessuno di cui appartengono al gruppo degli Stati con il reddito medio pro capite più basso. Quest’ultimo dato solleva un nuovo problema, in quanto mette in dubbio l’opinione diffusa secondo cui lo sviluppo porta automaticamente a una diminuzione della propensione all’emigrazione.

Questo significa che il cosiddetto dividendo demografico, che in linea di principio solo l’Africa può vantare entro la fine di questo secolo, è un’illusione? No, non è così. Ma per beneficiarne è necessario soddisfare una serie di prerequisiti.

Il paradosso che è nei paesi dell’Africa subsahariana, dove l’aspettativa di vita è la più bassa del mondo (61 anni, contro 72) e gli indicatori di sviluppo umano sono i più bassi, che il maggior numero di bambini nati non è legato alla fede e fiducia nel futuro che spesso rappresenta una decisione di procreare. Nelle famiglie più povere, il bisogno di sicurezza in età avanzata – con i giovani che dovrebbero prendersi cura degli anziani – e il contributo economico del lavoro minorile rimangono fattori chiave che determinano alti tassi di natalità.

Standard di vita, livelli di istruzione e tassi di urbanizzazione più elevati sono correlati a tassi di fertilità più bassi. Se l’Africa vuole mantenere la sua cittadinanza dinamica, audace e creativa, ovvero coloro che hanno maggiori probabilità di avventurarsi lungo il rischioso percorso dell’emigrazione, e raccogliere i frutti del suo dividendo demografico al di fuori del regno del discorso politico, allora il continente deve enfatizzare l’istruzione, il lavoro programmi di formazione e politiche lungimiranti per la creazione di posti di lavoro, nonché una migliore pianificazione familiare.

Questo è il prezzo da pagare per garantire lo sviluppo sostenibile dell’Africa e la giusta posizione nel mondo di domani.

* L’Africa ha il più ampio divario di età al mondo tra la sua popolazione generale ei suoi leader, la cui età media è di 62 anni. Ad esempio, il presidente camerunese Paul Biya ha 88 anni, mentre l’età media nel suo paese è di soli 19 anni. Il nigeriano Muhammadu Buhari ha 78 anni, rispetto all’età media della sua nazione di 18 anni, mentre Yoweri Museveni dell’Uganda ha 76 anni, ben al di sopra dell’età media di 17 anni nel paese.

FONTE: https://www.theafricareport.com/106342/the-future-of-humanity-will-be-less-white-and-increasingly-african/

Lascia un commento