Salta al contenuto

“Non Abbiamo Mai Avuto Intenzione Di Liberare Mekelle” Abiy Ahmed Ali – Nobel per la Pace

In un discorso alla stampa, rilasciato dall’ufficio del primo ministro il 30 giugno, il primo ministro etiope Abiy Ahmed Ali ha spiegato perché le forze di difesa nazionali etiopi si sono ritirate dalla capitale del Tigray Mekelle all’inizio di questa settimana. In tal modo il Primo Ministro ha fatto una serie di affermazioni sorprendenti e nuove sulle cause e sulla conduzione della guerra nel Tigray che abbiamo brevemente riassunto come segue.

ጠቅላይ ሚኒስትር ዐቢይ አሕመድ የትግራይ ክልልን ወቅታዊ ጉዳይ በተመለከተ ለጋዜጠኞች ያደረጉት ገለጻ።

Il primo ministro Abiy Ahmed informa i giornalisti sull’attualità nello Stato del Tigray.

Causa della guerra

In un brusco capovolgimento delle precedenti affermazioni, il primo ministro Abiy ha affermato che la guerra sul Tigray si stava accumulando da oltre due anni a causa del desiderio del governo federale di rimuovere le risorse militari schierate nel Tigray. Ha affermato che questo è stato ora realizzato con successo in preparazione di potenziali altre minacce.

Il Primo Ministro ha rassicurato gli alleati nella regione di Amhara, che l’incursione dei militari nel Tigray ha invertito l’equilibrio di potere che esisteva due anni fa. Ha sottolineato in particolare che la struttura economica, militare e governativa del Tigray – che era stata superiore in precedenza – era stata indebolita a livelli inferiori o al massimo uguali ad altre regioni. A quel tempo, ha detto Abiy Ahmed, Mekelle non era più il centro di 7-8 mesi fa. Era stato decimato al punto da non essere militarmente più significativo di altre città come Abi Addi, Sheraro o il suo nativo Bashasha.

Ha anche notato che l’occupazione del Tigray o la liberazione di Mekelle non sono mai state l’obiettivo della guerra e ha consigliato ai media di non riportare o amplificare la “guerra psicologica” del nemico che suggerirebbe il contrario. Ha detto che il suo esercito continuerà ad occupare aree strategiche e che ha la capacità di respingere qualsiasi avanzata.

Perché le forze di difesa nazionali etiopiche sono fuggite da Mekelle?

Nel descrivere in dettaglio la logica del motivo per cui le sue forze sono fuggite da Mekelle, il Primo Ministro ha citato questioni più urgenti tra cui la Grande diga rinascimentale etiope e le pressioni economiche come fattori principali. Ha suggerito che ci fossero sforzi esterni intenti a far deragliare la diga e ha sollevato richieste per l’Etiopia di rimpatriare 50.000 cittadini in Medio Oriente, come esempio. Dal punto di vista economico, ha affermato che il governo etiope ha speso più di 100 miliardi di birr etiopi sul Tigray, escluse le spese militari, per fornire servizi di base. Ha deplorato il fatto che il governo etiope avesse ricevuto pochi ringraziamenti per questa generosità da donatori internazionali che chiedevano più accesso e consegna di aiuti.

Guerra popolare

Il Primo Ministro nel suo briefing ha affermato che dopo aver sconfitto i combattenti del Tigray in una guerra convenzionale in 2 settimane e aver preso il sopravvento nella guerriglia con l’assistenza tecnologica, il suo esercito è stato minato dalla natura popolare della guerra. Ha affermato che i suoi soldati sono stati attaccati ripetutamente da civili e comunità ostili. Questo, disse, era diventato una cultura. Ha notato che anche le vaste forze etiopi a Mekelle (oltre 20.000 soldati) hanno percepito l’ostilità e hanno affermato di aver visto sacerdoti con pistole e microfoni che dicevano alla gente di andare in guerra.

Abiy ha anche affermato che le tombe scavate per seppellire i morti erano in realtà depositi di armi nascosti. Secondo il primo ministro, anche i “Woyane” (le forze del Tigray) stavano replicando le pratiche che avevano precedentemente usato contro il Dergue, facendo irruzione nei convogli militari per riarmarsi e rifornirsi. Ha aggiunto che le persone stavano registrando più beneficiari extra per famiglia per gli aiuti in modo da poter fornire supporto alle forze del Tigray che lui chiama “Junta”. D’altra parte, il pubblico del Tigray non era disposto a cooperare o a dare alcun sostegno all’esercito etiope, come si è visto nel giubilo ad Adigrat e Mekelle da ciò che il Primo Ministro sostiene fossero le forze della giunta che si erano nascoste e avevano offerto il loro tempo. In questo contesto, ha detto, chiedere all’esercito di rimanere più a lungo in un luogo dove non aveva appoggio era improduttivo e potenzialmente pericoloso.

Con questo in mente, ha detto Aby, il suo governo ha ritenuto saggio imparare dalla storia, inclusa la guerra per l’indipendenza dell’Eritrea, e ridurre le sue perdite. Pertanto, ha concluso, la decisione lascia i tigrini a se stessi per un “tempo di riflessione” ritirando i militari in un luogo meno ostile.

FONTE: https://www.tghat.com/2021/06/30/we-never-intended-to-liberate-mekelle-says-ethiopian-prime-minister/

Lascia un commento