Salta al contenuto

[DOC] Trapelato dall’ Ufficio del Premier Afwerki & l’ Esercito eritreo in Tigray

Riepilogo del promemoria segreto di Yemane Gebreab ai comandanti militari eritrei nel Tigray.

In un momento in cui le truppe eritree dovrebbero lasciare il Tigray, un report segreto di 27 pagine dall’ufficio del presidente eritreo Isaias Afwerki rivela una campagna molto più sinistra e brutale per distruggere il capitale umano e le risorse rimanenti della regione.

L' esercito eritreo fa una guerra contro il tempo e contro le giovani leve del TPLF
L’ esercito eritreo fa una guerra contro il tempo e contro le giovani leve del TPLF

Questo documento, in parte come monito indirizzato agli alti comandanti dell’esercito eritreo ora occupante il Tigray, chiede con forza un lavoro continuo e senza sosta per realizzare la campagna che mira alla sopravvivenza dell’ Eritrea.

Tutto questo per scongiurare una possibile minaccia esistenziale da una guerra all’interno del Tigray che, osserva, fin’ora non è riuscito a ottenere vittorie significative.

Il promemoria sottolinea che ci sono 3 fattori critici per la sopravvivenza del TPLF.

VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=WH3lhYIZu-Q

  1. Masse di giovani o risorse umane / capacità umane di cui hanno disponibilità.
  2. Le risorse finanziarie accumulate in 27 anni.
  3. La rete che hanno fondato per oltre un quarto di secolo che ha consentito loro una vittoria diplomatica sicura.

Il documento rileva che il modo in cui è stata gestita la guerra non ha comportato la distruzione di quelle capacità sopra menzionate e quindi gli eritrei si trovano intrappolati in un grave pericolo e sul punto di pagare un prezzo caro / pesante. “E ora”, dice il promemoria (nella sua introduzione), “non abbiamo altra scelta che avere successo con il tempo che ci resta”.

Sulla base di questa premessa, il promemoria delinea le seguenti azioni.

1. Le azioni / misure intraprese sulle masse di giovani erano così leggere che abbiamo solo contribuito a generare dei giovani arrabbiati che si sono aggregati al TPLF (per la formazione). Quello che avremmo dovuto fare è stato prendere misure punitive senza pietà che li avrebbero evirati e messi in preda alla paura e al terrore e alla fine li avrebbero portati nei campi e nelle trincee all’interno dell’Eritrea. Il nostro fallimento nel fare proprio questo ci sta facendo pagare un prezzo pesante. Una leadership che nutre simpatie per Tigray e Tigrigni mentre la nostra stessa esistenza / sopravvivenza è in pericolo è semplicemente ingenua e temeraria.

2. Ancora una volta, per essere salvati da questa minaccia / pericolo, non abbiamo altra scelta che lavorare 24 ore su 24 e con un alto grado di flessibilità. Il tempo non è dalla nostra parte. Dobbiamo capire che siamo sotto pressione dal (resto del) mondo.

3. Qualsiasi comandante eritreo che pensi che la guerra che stiamo conducendo nel Tigray sia intesa a sostenere il dottor Abiy Ahmed è solo credulone e sciocco. Questo perché Abiy, per lo meno, poteva solo perdere il Tigray. Ma per l’Eritrea è una questione di sopravvivenza. Questo è qualcosa che ogni soldato eritreo deve capire.

4. Ancora una volta, le misure da adottare sulle principali capacità delle risorse umane nel Tigray dovrebbero compensare il tempo perso nel mezzo. Ad esempio, nelle battaglie di novembre, potremmo ricordare che il comando congiunto etiope ed eritreo con capacità di fuoco di artiglieria superiori ha distrutto efficacemente e in brevissimo tempo 150mila milizie dalla parte del TPLF e anche nei territori da noi controllati. Allora eravamo in buona forma.

5. Per quanto riguarda l’economia, non è stata intrapresa un’azione adeguata sulle istituzioni che prestano servizi. Ad esempio, le strutture sanitarie, le scuole e gli edifici sarebbero stati distrutti semplicemente perché le truppe eritree avevano preso materassi e borse da queste istituzioni. Ma per realizzarlo, le strutture avrebbero dovuto essere demolite totalmente.

6. La guerra che abbiamo intrapreso non è stata mortale. Ciò che è dispiaciuto è che nessuno dei 50-70 generali e colonnelli esperti (TPLF n.d.r.) è stato ucciso o fatto prigioniero. È ora confermato che circa sette generali che sono stati segnalati uccisi sono ancora vivi.

7. Tristemente e vergognosamente, abbiamo assistito a forze guidate da generali eritrei ed etiopi con il sostegno di armi moderne, unità meccanizzate, elicotteri e potenza aerea mandate allo sbando da guerriglieri guidati da generali che viaggiano a piedi. Non è solo che i generali del TPLF viaggiavano a piedi; non è stato nemmeno possibile uccidere o catturare quelli veramente anziani che soffrono di vari disturbi come la pressione sanguigna, il diabete e camminare con i bastoni. Almeno, devi guidare e combattere per il tuo onore! Questo è estremamente umiliante.

In sintesi, il promemoria sottolinea che la guerra scatenata dall’Eritrea è andata terribilmente male. Dirige anche i comandanti eritrei di agire con tanta ferocia a differenza di quanto hanno fatto finora. Questo, insegna il memo, dovrebbe coprire l’annientamento totale dei giovani del Tigray e la loro volontà di sopravvivere, le sue risorse umane e mezzi di sussistenza, nonché le sue istituzioni. Sottolinea che questa è davvero una corsa contro il tempo; mentre il mondo sta a guardare.


FONTE: https://yehapost.com/breaking-leaked-document-from-the-presidents-office-of-eritrea-to-eritrean-military-commanders-in-tigray-2/

 

 

 

Lascia un commento