Salta al contenuto

Tigray : Stupro Verso Centinaia di Donne come Arma di Guerra

FONTE e TRADUZIONE da The Telegraph: https://www.telegraph.co.uk/global-health/women-and-girls/make-hiv-positive-hundreds-women-rush-tigray-hospitals-soldiers/

  • I nomi sono stati inventati per mantenere la sicurezza dei testimoni.
  • I contenuti di questo articolo sono forti e crudi.

Centinaia di donne stanno correndo negli ospedali del Tigray nel nord dell’Etiopia per la contraccezione di emergenza e farmaci per la prevenzione dell’HIV dopo essere state sistematicamente violentate, spesso stupri di gruppo, da soldati eritrei ed etiopi che combattono in una brutale guerra civile.

Le donne riferiscono di essere state rapite e attaccate sistematicamente mentre il conflitto nella regione si intensifica
Le donne riferiscono di essere state rapite e attaccate sistematicamente mentre il conflitto nella regione si intensifica

Dozzine stanno cercando aborti, cure mediche e supporto psicologico in ospedali sopraffatti, molti dei quali sono stati distrutti da un conflitto di cinque mesi tra il governo federale dell’Etiopia e il Tigray People’s Liberation Front (TPLF).

Si pensa che altre migliaia di persone stiano soffrendo in silenzio perché temono rappresaglie da parte delle forze di sicurezza e il rifiuto delle loro famiglie, sopravvissuti, medici e operatori umanitari, ha detto al Telegraph .

In una delle prime indagini approfondite sulle accuse di stupro come arma di guerra nel conflitto – che costituirebbe un crimine di guerra – il Telegraph ha parlato a dozzine nella regione per scoprire la reale portata di ciò che sta accadendo.

Un video, che è stato ampiamente diffuso sui social media ed è stato verificato dal Telegraph , mostra un chirurgo dell’ospedale di Adigrat che rimuove unghie lunghe e pezzi di plastica dalla vagina di una donna dopo essere stata violentata e torturata.

Melat *, 20 anni, era a casa a Wukro con il fratello maggiore Danayi * quando i soldati federali etiopi sono entrati, ha detto.

“Quando cinque soldati etiopi sono venuti a casa nostra per violentarmi, Danayi ha cercato di difendermi da loro. “Non posso permetterti di violentare mia sorella”, disse loro. I soldati hanno sparato a mio fratello alla testa e si sono alternati violentandomi “, ha ricordato Melat, ancora sotto shock. “Mi hanno violentata accanto al cadavere di mio fratello.”

Gli operatori umanitari avvertono che lo stupro viene usato come arma di guerra e come tattica spaventosa in Tigray CREDIT : Reuters
Gli operatori umanitari avvertono che lo stupro viene usato come arma di guerra e come tattica spaventosa in Tigray CREDIT : Reuters

Come molte donne del Tigrino, ora è incinta per l’attacco. Molti altri hanno contratto l’HIV o altre malattie a trasmissione sessuale.

Le forze etiopi ed eritree hanno combattuto per mesi le truppe fedeli all’ex governo regionale del Tigray in una guerra che ha lasciato migliaia di morti e milioni sull’orlo della fame. Il conseguente disastro umanitario ha lasciato 4,5 milioni di persone bisognose di assistenza di emergenza.

Una coalizione dell’opposizione politica del Tigray ha recentemente affermato che più di 50.000 persone potrebbero essere morte dall’inizio dei combattimenti il ​​4 novembre. Sopravvissuti, medici, operatori umanitari ed esperti parlando al Telegraph hanno tutti sottolineato che lo stupro è stato sistematicamente usato come arma di guerra dall ENDF e le forze eritree nonostante siano state molestate e minacciate dai soldati nel tentativo di impedire loro di parlare.

“E ‘assolutamente pulizia etnica, lo stupro viene usato come arma di guerra, viene usato come tattica spaventosa”, ha detto un operatore umanitario appena tornato dal Tigray, che ha chiesto di rimanere anonimo.

Selam, una venditrice di caffè di 26 anni a Edaga Hamus, a 100 km dalla capitale del Tigray, Mekelle, ha detto di essere stata rapita dai soldati eritrei con altre 17 donne a gennaio.

“Ci hanno portato nella foresta. Quando siamo arrivati ​​lì, c’erano circa 100 soldati che ci stavano aspettando. Hanno legato mani e piedi di ognuno di noi. E poi ci hanno violentata senza pietà ”, ha detto al Telegraph mentre lottava tra le lacrime.

“Siamo rimasti così per tre giorni. Dopo tre giorni i soldati hanno ucciso cinque ragazze che erano state legate con noi. Hanno versato alcol sulle nostre ferite. Hanno ballato in piedi sopra di noi.”

Quando è stata portata nella foresta, era già stata violentata più volte da uomini che riconosceva come soldati eritrei. Dopo il primo attacco, i suoi aggressori la stavano aspettando mentre tornava a casa dall’ospedale con contraccettivi e farmaci per l’HIV post-esposizione.

“Perché diavolo lo volevi? Vogliamo che tu sia malata. Questo è ciò per cui siamo qui. Siamo qui per renderti sieropositiva”, ha ricordato Selam come aveva detto uno degli uomini.

Un medico che lavora nel vasto campo profughi di Hamdayet al confine sudanese ha anche detto che diverse donne hanno riferito di essere state violentate da soldati amhariani che hanno detto loro che avevano in programma di pulire etnicamente il Tigray.

“Le donne che sono state violentate dicono che le cose che dicono loro quando le violentavano è che hanno bisogno di cambiare la loro identità – per amarle o almeno lasciare il loro status di tigrini … per purificarle … per pulire la linea sanguigna “, ha detto alla CNN il dott. Tedros Tefera.

“Praticamente questo è stato un genocidio”, ha aggiunto.

Secondo quanto riferito, la violenza sessuale sta peggiorando nel conflitto tra le forze e le truppe etiopi ed eritree fedeli all'ex governo regionale del Tigray CREDITO : Nariman El-Mofty / AP
Secondo quanto riferito, la violenza sessuale sta peggiorando nel conflitto tra le forze e le truppe etiopi ed eritree fedeli all’ex governo regionale del Tigray CREDITO : Nariman El-Mofty / AP

La natura sistematica della violenza sessuale e il suo uso dichiarato come arma di guerra deliberata potrebbero costituire crimini di guerra ai sensi del diritto internazionale.

Abrha Desta, che dirige il dipartimento degli affari sociali del governo ad interim del Tigray, ha rifiutato di commentare il peggioramento della violenza sessuale nel conflitto tra le forze etiopi ed eritree e le truppe fedeli all’ex governo regionale del Tigray.

Tuttavia, all’inizio di questa settimana il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha riconosciuto gli abusi. “Ci sono state atrocità commesse nella regione del Tigray … i rapporti indicano che le atrocità sono state commesse violentando donne e saccheggiando proprietà”, ha detto Abiy, senza attribuire gli incidenti a gruppi particolari.

“Qualsiasi membro della difesa nazionale che abbia commesso stupri e saccheggi contro le nostre sorelle tigrigne sarà ritenuto responsabile”, ha aggiunto.

In risposta alle accuse specifiche del Telegraph , la portavoce di Abiy Billene Seyoum ha detto che il primo ministro ha “affrontato a sufficienza la questione” in parlamento. “Il governo non condona la violenza sessuale o qualsiasi forma di violenza contro i cittadini”, ha aggiunto.

Il ministro dell’informazione eritreo Yemane Ghebremeskel ha detto al Telegraph che le accuse erano “tristi e rivoltanti”. “I soldati eritrei non sono mai stati accusati di stupro. Tutte le storie inventate – che sono estranee alla nostra cultura e alle nostre leggi – vengono vendute per coprire i crimini del TPLF che ha iniziato la guerra “.

Le dichiarazioni dei governi sono seguite alla condanna di alti funzionari delle Nazioni Unite, tra cui Michelle Bachelet, capo delle Nazioni Unite per i diritti umani, e il direttore dell’OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, che hanno chiesto un’indagine indipendente sulla violenza sessuale legata al conflitto nel Tigray.

Un medico dell’ospedale di Adigrat nel nord del Tigray, che ha chiesto di rimanere anonimo per paura di rappresaglie, ha detto che 111 donne erano venute per abortire nelle ultime due settimane solo dopo aver denunciato di essere state violentate dai soldati. Dall’inizio di dicembre, i principali ospedali del Tigray hanno registrato 512 casi di abusi sessuali da parte dei soldati, la maggior parte dei quali sono stupri di gruppo.

Ma i medici e gli infermieri di due ospedali del Tigray che hanno parlato con il Telegraph in condizione di anonimato hanno affermato che le cifre reali potrebbero essere significativamente più alte poiché la maggior parte dei casi non viene denunciata. “Ogni donna che viene qui dice che c’erano 20 e più donne con lei, che non hanno alcuna possibilità di arrivare agli ospedali”, ha detto Goytom *, un medico in un ospedale di Mekelle.

Molti ospedali sono stati distrutti nei combattimenti, lasciando i sopravvissuti in difficoltà per accedere alle cure mediche e al supporto psicologico. “Solo una struttura fornisce la gamma completa di servizi per la gestione clinica delle vittime di stupro e la contraccezione di emergenza è completamente disponibile in meno della metà delle strutture valutate”, afferma il comunicato dei capi delle Nazioni Unite.

  1. Gli ospedali possono anche diventare luoghi di pericolo per le donne che raccontano le loro esperienze. “I soldati entrano negli ospedali come vogliono. Attraversano i reparti e minacciano pazienti, infermieri e medici. Recentemente ci sono state sette donne violentate di Zalambessa che sono scomparse dai loro letti dopo aver visto i soldati in ospedale “, ha detto Abraham *, un medico dell’ospedale di Adigrat.
  2. Rahel *, infermiera presso un centro di riabilitazione per sopravvissute a violenze sessuali, ha detto che i funzionari del governo di transizione nel Tigray avevano minacciato di chiudere il centro. “Credono che siano questi centri a far conoscere al mondo le storie di donne vittime di abusi sessuali”, ha detto. “Non vogliono che queste storie vengano pubblicate.”
  3. Il dottor Denis Mukwege, il ginecologo congolese vincitore del premio Nobel per la pace, ha detto che lo stupro del Telegraph come arma di guerra deve essere vietato ovunque venga segnalato. “Quando si usa lo stupro, il mondo deve alzarsi in piedi e dire no allo stupro come arma di guerra. Ma il mondo non lo sta facendo con forza, non sta in piedi “.

* Alcuni nomi sono stati cambiati. Segnalazione aggiuntiva di Will Brown

 

Lascia un commento