Salta al contenuto

Oromia – In Etiopia Non è Solo il Tigray in Guerra Etnica

Da un articolo di Al Jazeera del 22/03/2021 si evince che non è solo il Tigray ed il Governo etiope del Primo Ministro Abiy Ahmed ad essere in crisi, a vivere una situazione di disastrosa instabilità, ma i conflitti e i disagi sociali, come un virus, si allargano e si diffondono attraverso altre etnie, come in questo caso gli oromo in conflitto aperto con il popolo amhara.

FONTE: https://www.aljazeera.com/news/2021/3/20/worsening-violence-western-ethiopia-forcing-civilians-to-flee

Etiopia - Premier Abiy Ahmed
Etiopia – Premier Abiy Ahmed

Peggioramento della violenza nell’Etiopia occidentale che costringe i civili a fuggire

I membri delle comunità locali affermano che intendono trasferirsi dopo un’ondata di attacchi da parte di milizie armate contro civili di origine etnica amhara.

Tibebu Girma non può più rischiare. Agricoltore nella zona di Qellem Wollega, nella regione Etiopia di Oromia, il 30enne si guadagna da vivere coltivando mais e vendendolo nei mercati dei villaggi vicini. Ma una recente ondata di attacchi mortali contro civili di origine etnica amhara lo ha convinto che è ora di fare le valigie e partire con sua moglie e il figlio neonato per un posto più sicuro.

“Non risparmiano nemmeno donne e bambini”, ha detto Tibebu ad Al Jazeera al telefono. “Non siamo al sicuro qui.”

Almeno 12 persone, tra cui un bambino di sette anni, sono state uccise a colpi di arma da fuoco in due attacchi particolarmente brutali il 25 febbraio nei villaggi di Boka e Nechlu, nella parte orientale dell’Oromia, hanno riferito più fonti ad Al Jazeera. Tra i civili uccisi c’erano due zii di Tibebu, Teshome Beyene e Tadesse Muluneh, che erano agricoltori della zona.

“Non ci lasceranno nemmeno guarire”, disse Tibebu. “Ci sono stati più omicidi nella stessa zona questa settimana”.

Secondo i media statali etiopi, 42 persone sono state uccise in due attacchi separati il ​​6 e il 9 marzo che hanno preso di mira i civili di Amhara nella zona di Horo Guduru Welega in Oromia.

Etiopia Guerra Etnica Tigray, Oromia, Amhara
Etiopia Guerra Etnica Tigray, Oromia, Amhara

Situata a circa 200 chilometri (124 miglia) a ovest della capitale dell’Etiopia, Addis Abeba, la zona di Horo Guduru Welega si trova in un’area popolata da persone che provengono dai gruppi etnici Oromo e Amhara dell’Etiopia, che, insieme, formano circa i due terzi del paese popolazione di 110 milioni.

Sayd Hassen ha perso sua moglie, Mulu Mekonnen, oltre a tre figli e una nipote, questi ultimi quattro di età compresa tra i 10 ei 15 anni. Sono stati uccisi con almeno altre 20 persone quando il loro villaggio di Dachin Gefersa è stato attaccato il 9 marzo.

“La mia famiglia ha vissuto la peggiore barbarie in un’epoca in cui anche i diritti degli animali sono rispettati”, ha detto Sayd, 56 anni. Essere Amhara è costato loro la vita. “

Sayd ha detto che gli assassini hanno saccheggiato la casa di famiglia e sono fuggiti con vestiti, denaro e bestiame. Attualmente si sta rifugiando in un complesso scolastico con centinaia di altri che sono stati sfollati a causa dell’attacco.

“Vivere come un mendicante in un posto sicuro sarebbe meglio che restare qui”, ha detto Sayd. “Gli assassini della mia famiglia sono ancora là fuori.”

“Nessuno li ferma”

Le vittime accusano i massacri di combattenti appartenenti al separatista Oromo Liberation Army (OLA).

L’OLA è l’ala armata separatista del Fronte di liberazione dell’Oromo (OLF), fondato negli anni ’70 per lottare per l’autodeterminazione dell’etnia Oromos. Nel 2018, le promesse di riforma politica dell’allora primo ministro Abiy Ahmed hanno visto l’OLF depenalizzato e autorizzato a partecipare alla politica di partito. Ma i negoziati con l’ala armata alla fine si inasprirono e l’OLA si separò dall’organizzazione politica e riprese a combattere.

Le autorità etiopi li incolpano di rapimenti, omicidi di funzionari e altri crimini in tutta l’Oromia. Gli OLA negano di essere dietro le uccisioni di civili e invece incolpano gli ex ranghi e file che hanno disertato dal loro gruppo.

“Loro [i combattenti dell’OLA] sono facilmente identificabili dalle loro acconciature”, ha detto ad Al Jazeera un residente del distretto di Jardega Jarte che ha chiesto l’anonimato temendo rappresaglie.

Le immagini dei combattenti del gruppo caricate sui social media mostrano tipicamente giovani in camuffamento con i capelli indossati con i dreadlock. “Uccidono, rubano, fanno come vogliono e nessuno li ferma”, ha detto il residente.

Proteste Oromia Video 1
Proteste Oromia Video 1

La gente del posto con cui ha parlato Al Jazeera ha accusato l’Horo Guduru Welega e le amministrazioni zonali limitrofe di essere consapevoli del problema, ma in genere non hanno intrapreso alcuna azione, chiudendo un occhio sulle sofferenze degli abitanti dei villaggi di etnia amhara.

“Li abbiamo implorati molte volte di fare qualcosa per la situazione della sicurezza, ma non fanno nulla”, ha detto Damtew Kassa, un contadino che risiedeva in un villaggio vicino alla città di Shambu.

Il cugino di Damtew, Kindeneh Gizachew 25, era tra i morti nell’attacco del 25 febbraio a Nechlu. Il suo corpo gravemente mutilato è stato trovato, con le braccia legate.

“Credo che le autorità simpatizzino con gli aggressori”, ha affermato Damtew. “La polizia non si fa vedere fino a dopo che gli aggressori se ne sono andati, o talvolta per niente”, ha aggiunto. “Il governo conosce il problema. Nessuno è mai stato arrestato per questi crimini “.

Tewodros Tirfe, presidente dell’organizzazione di difesa dell’Amhara Association of America con sede negli Stati Uniti che documenta gli abusi dei diritti nella regione, ha fatto eco all’opinione che gli amministratori regionali stiano aggravando il problema.

“C’è una chiara indicazione che i funzionari locali sono complici degli attacchi”, ha detto ad Al Jazeera. “L’OLA ha compiuto molti dei massacri, subito prima dell’arrivo delle forze di sicurezza o dopo che queste e l’amministrazione locale hanno lasciato l’area. Implica che ci sia una fuga di informazioni o una sorta di collaborazione. ”

Al Jazeera ha contattato telefonicamente il capo dell’amministrazione zonale di Horo Guduru Welega, Bekele Dechassa. Gli è stato chiesto di lamentele nel suo collegio elettorale secondo cui la sua leadership era complice di recenti omicidi o ha chiuso un occhio su di loro.

“Queste sono accuse infondate”, è stato il modo in cui ha risposto Bekele, ma non era anche disposto a discutere i dettagli sulla risposta della sua amministrazione alle recenti tragedie nella sua giurisdizione.

Video 2 Premier etiopia Abiy Ahmed
Video 2 Premier etiopia Abiy Ahmed

Il governo federale (del Primo Ministro Abiy n.d.r.) accusa i leader dell’ex governo regionale del Tigray guidato dal Fronte popolare di liberazione del Tigray (TPLF), contro il quale ha lanciato un’operazione militare alla fine dello scorso anno, di aver orchestrato attacchi contro i civili in tutto il paese. Deve ancora fornire prove per le sue affermazioni.

“Negli ultimi due anni, ci sono stati 113 gravi incidenti in cui sono andate perse vite umane e proprietà distrutte”, ha detto Abiy in un discorso di novembre al Parlamento. “Utilizzando persone all’interno e sforzi coordinati, [il TPLF] ha assicurato che ci sarebbe stato terrore in tutto il paese”.

Nel dicembre dello scorso anno, le forze federali hanno arrestato cinque funzionari del governo regionale di Benishangul-Gumuz nell’Etiopia occidentale, accusati di aver facilitato gli attacchi contro i civili nella regione.

A gennaio, la Commissione per i diritti umani sostenuta dallo stato dell’Etiopia ha pubblicato un rapporto che accusava le autorità locali di inazione di fronte all’orribile violenza della folla che aveva preso di mira l’etnia Amhara, a seguito dell’omicidio del 29 giugno del popolare musicista etiope e icona di Oromo Hachalu Hundessa.

Secondo il rapporto, alle vittime che hanno chiesto assistenza è stato detto che “i superiori non hanno dato ordine di intervenire”. Un residente nella città di Dera avrebbe detto che il contingente di polizia di 150 uomini con sede nella città era rimasto inattivo nella notte del 29 giugno, mentre gli aggressori uccidevano persone e incendiavano le case.

L’aumento della violenza etnica negli ultimi anni ha devastato le comunità etniche amhara in alcune parti dell’Etiopia occidentale. A novembre, più di 50 amhara etnici sono stati massacrati in un complesso scolastico nell’Oromia occidentale. Il 23 dicembre, gli aggressori hanno ucciso più di 200 civili di etnia Amhara, Shinasha e Oromo nella vicina regione di Benishangul-Gumuz.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, la violenza ha già causato la fuga di almeno 100.000 persone da quella regione dal luglio 2020.

La politica etnicizzata porta tipicamente alla demonizzazione delle minoranze mentre i funzionari locali si spingono l’un l’altro per rafforzare la loro popolarità ostracizzando le minoranze. Il sistema quindi vittimizza i deboli e diversi e incoraggia le narrazioni che alimentano la violenza “, ha detto Addisu Lashitew, ricercatore presso la Brookings Institution.

“Considerando questi, l’uccisione mirata di dozzine di minoranze Amhara nella zona di Horo Guduru non dovrebbe sorprendere”, ha aggiunto, chiedendo garanzie legali per proteggere le minoranze oltre a dare loro rappresentanza politica.

“Un sistema politico che non rispetta questo principio di base non è molto meglio della legge della giungla”.

Guerra etnica e conflitti Oromo Amhara Etiopia Video
Guerra etnica e conflitti Oromo Amhara Etiopia Video

Alla fine del 2019, c’erano più di 1,4 milioni di sfollati interni in tutta l’Etiopia, secondo il Centro di monitoraggio dello spostamento interno con sede a Ginevra. Il conflitto del Tigray ha costretto centinaia di migliaia di altri ad abbandonare le proprie case, mentre l’attuale tendenza nell’Etiopia occidentale colpita dalla violenza sembra destinata ad esacerbare i già gravi problemi di sfollati interni del paese.

“Fino a pochi anni fa, era tranquillo qui, ma ora è tutto rovinato”, ha detto un mesto Damtew.

“Mio cugino ha vissuto qui per circa un decennio prima di essere ucciso. Non abbiamo mai avuto problemi con l’Oromo o con chiunque altro “.

Damtew sta trasferendo la sua famiglia nella vicina regione di Amhara di Gojam, citando il crescente pericolo. Dice che molti altri seguiranno l’esempio.

“Nel mio villaggio, il matrimonio tra Amhara e Oromo. Parlo entrambe le lingue, il che è comune ”, ha detto ad Al Jazeera da Bahir Dar Faisal Ibrahim, fuggito da Bereecha a Horo Guduru l’anno scorso.

“Ma per lo shene, non sarà sufficiente”, ha detto il 30enne, usando un termine comunemente usato da alcuni etiopi per riferirsi all’OLA.

“Anche se parli la loro lingua, prenderanno il tuo telefono e controlleranno se ascolti musica in amarico o oromo. È tutto quello che serve per ucciderti. “

 

Lascia un commento