Salta al contenuto

TIGRAY : Il Premier Abiy Conferma Che le Truppe Eritree Sono Entrate

ADDIS ABABA (Reuters) – Il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha confermato per la prima volta martedì che le truppe della vicina Eritrea sono entrate nella regione settentrionale del Tigray durante il conflitto di cinque mesi, il primo riconoscimento dopo mesi di smentite.

Truppe in uniforme eritrea sono viste su un camion vicino alla città di Adigrat, Etiopia, 14 marzo 2021. REUTERS / Baz Ratner
Truppe in uniforme eritrea sono viste su un camion vicino alla città di Adigrat, Etiopia, 14 marzo 2021. REUTERS / Baz Ratner

In un discorso parlamentare, ha anche riconosciuto per la prima volta che atrocità come lo stupro erano state commesse durante i combattimenti e che gli autori promessi sarebbero stati puniti.

I combattimenti sono scoppiati nel Tigray dopo che le forze fedeli all’allora partito al governo, il Fronte di liberazione popolare del Tigray (TPLF), hanno attaccato le basi dell’esercito in tutta la regione durante la notte e nelle prime ore del 4 novembre.

Gli attacchi hanno inizialmente travolto l’esercito federale, che in seguito ha lanciato una controffensiva a fianco dei soldati e delle forze eritree della vicina regione di Amhara.

Il TPLF, che ha dominato il governo dell’Etiopia per quasi tre decenni fino a quando Abiy è salito al potere nel 2018, è stato a lungo un acerrimo nemico dell’Eritrea.

Abiy ha detto che le truppe eritree avevano attraversato il confine perché temevano di essere attaccate dalle forze del TPLF, ma gli eritrei avevano promesso di andarsene quando l’esercito etiope avrebbe potuto controllare il confine. Il TPLF ha ripetutamente lanciato razzi contro l’Eritrea dopo l’inizio del conflitto.

I governi di Eritrea ed Etiopia hanno ripetutamente negato il coinvolgimento dell’Eritrea nella guerra, nonostante i rapporti di gruppi per i diritti come Human Rights Watch e Annesty International, che hanno documentato le uccisioni di centinaia di civili da parte di soldati eritrei nella città santa di Axum.

I giornalisti di Reuters durante un viaggio nel Tigray la scorsa settimana hanno visto centinaia di uomini che indossavano uniformi eritree in autobus con targhe eritree sulla strada principale tra la capitale regionale Mekelle e Shire, e sulle strade principali di Shire.

Abiy ha citato le affermazioni degli eritrei alle autorità etiopi:

“Hai lasciato le trincee mentre cercavi il nemico nel Tigray centrale. Quindi, mentre li attaccavi, potrebbero venire da noi. Abbiamo controllato le aree lungo il confine perché abbiamo le nostre preoccupazioni per la sicurezza nazionale. Ma se il tuo esercito può controllare le trincee, partiremo il giorno successivo “.

Ha detto che il governo etiope ha anche sollevato accuse di saccheggi diffusi e violazioni dei diritti da parte dei soldati eritrei nel Tigray.

“Il governo eritreo lo ha fortemente condannato e ha detto che saranno responsabili se qualcuno del loro esercito ha partecipato a questo”, ha detto.

Decine di testimoni in Tigray hanno detto a Reuters che i soldati eritrei uccidevano abitualmente civili, violentavano di gruppo e torturavano donne e saccheggiavano famiglie civili e raccolti. Alcuni hanno fornito immagini di camion eritrei carichi di articoli per la casa.

Il ministro dell’informazione dell’Eritrea non è stato disponibile per un commento.

ATROCITÀ

Abiy ha anche affrontato le segnalazioni di abusi da parte dei soldati etiopi.

“Ci sono state atrocità commesse nella regione del Tigray … i rapporti indicano che le atrocità venivano commesse violentando donne e saccheggiando proprietà”, ha detto, senza nominare le forze accusate.

“Qualsiasi membro della difesa nazionale che abbia commesso stupri e saccheggi contro le nostre sorelle tigrate sarà ritenuto responsabile”.

Ma il servizio di polizia del Tigray non funziona e le autorità civili hanno detto a Reuters che non hanno la capacità di indagare sui militari.

Le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per le atrocità commesse nel Tigray durante il conflitto, mentre il segretario di Stato americano Antony Blinken ha descritto gli atti compiuti nella regione come pulizia etnica, accuse che l’Etiopia ha negato.

Abiy ha anche affrontato una controversia sul confine con il Sudan, che ospita circa 60.000 rifugiati dal Tigray e che è in disputa con l’Etiopia per una gigantesca diga idroelettrica che l’Etiopia sta costruendo sul Nilo Azzurro.

Abiy ha cercato di raffreddare le tensioni sui terreni agricoli contesi al confine, dove decine di persone sono state uccise in scontri di basso livello.

“Il Sudan è un paese fraterno. Non vogliamo combattere con il Sudan “, ha detto Abiy. “Il Sudan non è in grado di combattere contro i vicini, ha molti problemi. L’Etiopia ha anche molti problemi, non siamo pronti per andare a combattere quindi non abbiamo bisogno della guerra. È meglio risolverlo in modo pacifico “.


FONTE: https://www.reuters.com/article/us-ethiopia-conflict/ethiopian-pm-confirms-eritrean-troops-entered-tigray-during-recent-conflict-idUSKBN2BF1NT

 

Lascia un commento