Salta al contenuto

Cattolici del #Tigray Scrivono al #Papa – Lettera sul Cardinale H. E. #Berhaneyesus Souraphiel

La lettera che è stata inviata da fedeli cattolici del Tigray direttamente a Papa Francesco ed alla Città del Vaticano per segnalare il Cardinale E. Berhaneyesus e la sua posizione nei confronti della situazione di crisi nel Tigray e dell’ oppressione del popolo tigrigno da parte del Governo del Premier Abiy e delle forze alleate amhara ed eritree.

Versione PDF: Lettera al Papa sul Cardinale H. E. Berhaneyesus Souraphiel

EnglishItaliano

March 8, 2021

Papal Palace, Vatican City

A letter of concern on the crisis in Tigray and on the involvement of H. E. Cardinal Berhaneyesus Souraphiel(head of the Ethiopian Catholic Church).

Your Holiness Pope Francis,

We are Catholic faithful from Tigray, Ethiopia residing in the United States. We thank Your Holiness for Your untiring prayer and Your call for peace and reconciliation at the beginning of the war in Tigray. Your Holiness’ prayer and voice has been a beacon of hope and encouragement to the millions of people going through unspeakable darkness in Tigray and especially to the Catholic faithful in the region. We consider and value Your Holiness’ prayer and call for peace as coming on behalf of the universal Church. Thank you very much for that!

It has been more than 120 days since the war in Tigray started, and the people of Tigray have been going through tremendous sufferings. Multiple actors, the Ethiopian federal government forces and Eritrean troops supported by many other groups, are committing inexcusable crimes and atrocities on our people. Since November 4, 2020, Tigray is suffering from extrajudicial killings, mass slaughters, mass abduction, rape including nuns, looting public and private properties, destruction of buildings including religious sites, hospitals, factories, universities and historical heritages, burning of crops, killing and looting of livestock and so on.

As a consequence of the war, tens of thousands of civilians have lost their lives, and over sixty thousand fled to the Sudan. The newly established administration in Tigray reports that “over 4.5 million people, 75% of Tigray’s population, are left in need of emergency food assistance, of whom 2.2 million are internally displaced persons(IDPs).”

The Catholic Church, as part of the community of Tigray, is not spared from the horrible war crimes. Its institutions: churches, colleges, hospitals and schools were looted and destroyed. Hundreds of the Church’s faithful, including 4 and 5 members of a single family, have lost their lives.

As to our humble faith and knowledge, the Catholic Church’s teaching about politics is clear and impartial. We firmly believe that “the Church, by reason of her role and competence, is not identified in any way with the political community nor bound to any political system. She is at once a sign and a safeguard of the transcendent character of the human person‚”(GS, 76). In spite of this clear teaching of the Catholic Church, H. E. Cardinal Berhaneyesus, seems to have committed regrettable mistakes, as he acts both individually and representing the Catholic Church in Ethiopia. As a consequence, we as Catholics and as Tigrayans feel betrayed, hurt and even scandalized by what he has done so far and still continues to do. We would like to point out some of the hurtful acts of H. E. Cardinal Berhaneyesus in relation to the war in Tigray.

  1. Before the war, H. E. Cardinal Berhaneyesus accepted to be a “designated President ”of a commission which is not independent by composition and stand of its members. The ”Ethiopian Reconciliation Commission”(ERC), henceforth established by the Ethiopian prime minister on February 12, 2019. In fact, many members of this commission were openly speaking provocative and hateful rhetoric against the people of Tigray. In spite of alarms and calls from many people of good will that the commission was partial and not independent, H. E. Cardinal Berhaneyesus willingly accepted to be its president.
  2. As head of the Ethiopian Catholic Church and as the president of the ERC, we believe that H. E. Cardinal Berhaneyesus should have been the first one to condemn the war and call for peace and reconciliation. Unfortunately, H. E. Cardinal Berhaneyesus has not condemned the war.
  3. On the 13th of November 2020 the ERC released an official statement through the government’s media. The statement said that ”TPLF’s call for negotiation and peace is not acceptable.” We believe it is unethical that a commission named as ’Reconciliation Commission’ and headed by a Catholic Cardinal to issue that statement.
  4. On November 18, 2020, H. E. Cardinal Berhaneyesus and most members of the ERC officially supported the war on Tigray publicly saying “I stand for the Ethiopian Defense Forces.” It should be noted that at the time, the Ethiopian Defense Forces and other actors were committing terrible war crimes on the People of Tigray.
  5. On the eve of the Ethiopian Christmas, January 6, 2021, H. E. Cardinal Berhaneyesus issued a pastoral message concerning the feast of Christmas. At the time, the war on Tigray had already caused indescribable harm and disaster both in terms of life and material loss. To be specific, starvation and sexual violence were being used as weapons of war in a complete communications blackout. In spite of our expectations and hope that H. E. Cardinal Berhaneyesus would clearly condemn the war atrocities by raising his voice for the voiceless, he plainly supported the war. In the middle of his message, written in Amharic, he wrote: ”We request the government to strengthen and continue its efforts of ensuring people’s right to life, rule of law and securing peace.” To a government that waged war on its people in the name of “law enforcement,” this was a clear license and permission to go ahead with the unspeakable crimes being committed. On the conclusion of the same message, H. E. Cardinal Berhaneyesus writes, “I wish successful work for the defense forces and federal police, who are looking after the borders of the country and ensuring peace.” In fact, the defense forces were destroying Tigray in coordination with foreign invading forces.
  6. The Ethiopian Catholic Church’s participation in the recent visit to Tigray by a delegation of the Ethiopian government on February 6, 2021, was an act understood by the people of Tigray to be a collaboration on a Genocidal crimes. We and the people of Tigray in general feel that the mission of the visit by the delegation was meant to cover up the war crimes of the Ethiopian and Eritrean troops’. We Catholics from Tigray living in the United States and all the people of Tigray feel betrayed and we are saddened by H. E. Cardinal Berhaneyesus’ actions. In a time when our people are facing a Genocidal acts by multiple actors and when the Church is meant to be a voice for the voiceless, H. E. Cardinal Berhaneyesus’ actions and omissions are worsening the situation.

Incidentally, we would like to express our appreciation to The Eritrean Catholic Bishops for standing on the side of peace and calling for dialogue. In addition, Thabo Makgoba, the Anglican Archbishop of Cape Town,” has mobilized the church and reached out to the South African government in an attempt to halt the humanitarian crisis unfolding in Ethiopia”. We Thank him for that! It is our desire for H. E. Cardinal Berhaneyesus to stand for peace and for all people of Ethiopia.

Your Holiness, we, the Catholics from Tigray living in the United States and all the people of Tigray are calling on Your Holiness to help us stop the genocidal crimes being committed on our people.

We thank Your Holiness for Your blessings, kind attention and prayer.

Coordinating Committee:
Ogbazghi Melles (ogbazghim@hotmail.com) Seyoum Berhe (sbdanne@gmail.com)
Hagos Weldegiorgis (bhagos88@gmail.com) Letemariam Tesfat (ltesfat@gmail.com)
Kahsay Abraham (kahsay_abraham@yahoo.com) Yeshi Gebremeskel (yeshi6982@msn.com)

CC: Secretariat Vatican State
CC: H. E. Cardinal Berhaneyesus
CC: Ethiopian Catholic Bishops Conference CC: Apostolic Nuncio in Ethiopia

8 Marzo 2021

Palazzo Papale, Città del Vaticano

Una lettera di preoccupazione sulla crisi nel Tigray e sul coinvolgimento del cardinale H. E. Berhaneyesus Souraphiel (capo della Chiesa cattolica etiope).

Santità Papa Francesco,

Siamo fedeli cattolici del Tigray, Etiopia, residenti negli Stati Uniti. Ringraziamo Sua Santità per la Sua instancabile preghiera e il Suo appello alla pace e alla riconciliazione all’inizio della guerra nel Tigray. La preghiera e la voce di Vostra Santità sono state un faro di speranza e di incoraggiamento per i milioni di persone che attraversano oscurità indicibili nel Tigray e in particolare per i fedeli cattolici della regione. Consideriamo e apprezziamo la preghiera e l’appello per la pace di Sua Santità come giunta a nome della Chiesa universale. Grazie mille per questo!

Sono passati più di 120 giorni dall’inizio della guerra nel Tigray e il popolo del Tigray ha attraversato enormi sofferenze. Diversi attori, le forze del governo federale etiope e le truppe eritree supportate da molti altri gruppi, stanno commettendo crimini imperdonabili e atrocità contro il nostro popolo. Dal 4 novembre 2020, il Tigray soffre di esecuzioni extragiudiziali, massacri di massa, rapimenti di massa, stupri tra cui suore, saccheggi di proprietà pubbliche e private, distruzione di edifici inclusi siti religiosi, ospedali, fabbriche, università e patrimoni storici, incendi di raccolti, uccisioni e saccheggi di bestiame e così via.

In conseguenza della guerra, decine di migliaia di civili hanno perso la vita e oltre sessantamila sono fuggiti in Sudan. La nuova amministrazione nel Tigray riferisce che “oltre 4,5 milioni di persone, il 75% della popolazione del Tigray, hanno bisogno di assistenza alimentare di emergenza, di cui 2,2 milioni sono sfollati interni (IDP)”.

La Chiesa cattolica, in quanto parte della comunità del Tigray, non è risparmiata dagli orribili crimini di guerra. Le sue istituzioni: chiese, college, ospedali e scuole furono saccheggiate e distrutte. Centinaia di fedeli della Chiesa, compresi 4 e 5 membri di un’unica famiglia, hanno perso la vita.

Quanto alla nostra umile fede e conoscenza, l’insegnamento della Chiesa cattolica sulla politica è chiaro e imparziale. Crediamo fermamente che “la Chiesa, in ragione del suo ruolo e della sua competenza, non si identifichi in alcun modo con la comunità politica né sia ​​vincolata ad alcun sistema politico. È insieme segno e salvaguardia del carattere trascendente della persona umana ”(GS, 76). Nonostante questo chiaro insegnamento della Chiesa cattolica, il cardinale H. E. Berhaneyesus, sembra aver commesso errori deplorevoli, poiché agisce sia individualmente che in rappresentanza della Chiesa cattolica in Etiopia. Di conseguenza, come cattolici e come tigrini ci sentiamo traditi, feriti e persino scandalizzati per ciò che ha fatto finora e continua a fare. Vorremmo sottolineare alcuni degli atti dolorosi del cardinale H. E. Berhaneyesus in relazione alla guerra nel Tigray.

  1. Prima della guerra, il cardinale H. E. Berhaneyesus accettò di essere un “presidente designato” di una commissione che non è indipendente per composizione e posizione dei suoi membri. La “Commissione per la riconciliazione etiope” (ERC) d’ora in poi, istituita dal primo ministro etiope il 12 febbraio 2019. In effetti, molti membri di questa commissione erano apertamente provocatori e in retorica odiosa contro il popolo del Tigray. Nonostante gli allarmi e gli appelli di molte persone di buona volontà che la commissione fosse parziale e non indipendente, il cardinale H. E. Berhaneyesus ha accettato volentieri di essere il suo presidente.
  2. In qualità di capo della Chiesa cattolica etiope e presidente del ERC, crediamo che il cardinale H. E. Berhaneyesus avrebbe dovuto essere il primo a condannare la guerra e invocare la pace e la riconciliazione. Purtroppo il cardinale H. E. Berhaneyesus non ha condannato la guerra.
  3. Il 13 novembre 2020 il ERC ha rilasciato una dichiarazione ufficiale attraverso i media del governo. La dichiarazione diceva che “l’appello del TPLF alla negoziazione e alla pace non è accettabile”. Riteniamo che non sia etico che una commissione denominata “Commissione per la riconciliazione” e guidata da un cardinale cattolico rilasci questa dichiarazione.
  4. Il 18 novembre 2020, il cardinale H. E. Berhaneyesus e la maggior parte dei membri del ERC hanno ufficialmente sostenuto la guerra contro il Tigray dicendo pubblicamente: “Sono per le forze di difesa etiopi”. Va notato che all’epoca le forze di difesa etiopi e altri attori stavano commettendo terribili crimini di guerra contro il popolo del Tigray.
  5. Alla vigilia del Natale etiope, il 6 gennaio 2021, il cardinale H. E. Berhaneyesus ha diffuso un messaggio pastorale riguardante la festa del Natale. A quel tempo, la guerra al Tigray aveva già causato danni e disastri indescrivibili sia in termini di vite umane che di perdite materiali. Per essere precisi, la fame e la violenza sessuale venivano usate come armi da guerra in un completo blackout delle comunicazioni. Nonostante le nostre aspettative e speranze che il cardinale H. E. Berhaneyesus condannasse chiaramente le atrocità della guerra alzando la voce per i senza voce, ha chiaramente sostenuto la guerra. Nel mezzo del suo messaggio, scritto in amarico, ha scritto: “Chiediamo al governo di rafforzare e continuare i suoi sforzi per garantire il diritto delle persone alla vita, allo stato di diritto e alla pace”. Per un governo che ha mosso guerra al suo popolo in nome delle “forze dell’ordine”, questa era una chiara licenza e permesso per andare avanti con i crimini indicibili che venivano commessi. A conclusione dello stesso messaggio, il cardinale H. E. Berhaneyesus scrive: “Auguro un lavoro di successo alle forze di difesa e alla polizia federale, che si prendono cura dei confini del Paese e assicurano la pace”. In effetti, le forze di difesa stavano distruggendo il Tigray in coordinamento con le forze d’invasione straniere.
  6. La partecipazione della Chiesa cattolica etiope alla recente visita in Tigray da parte di una delegazione del governo etiope il 6 febbraio 2021, è stato un atto inteso dal popolo del Tigray come una collaborazione a crimini genocidi. Noi e il popolo del Tigray in generale riteniamo che la missione della visita della delegazione fosse intesa a coprire i crimini di guerra delle truppe etiopi ed eritree ”. Noi cattolici del Tigray che viviamo negli Stati Uniti e tutto il popolo del Tigray ci sentiamo traditi e siamo rattristati dalle azioni del cardinale H. E. Berhaneyesus. In un’epoca in cui il nostro popolo si trova ad affrontare atti genocidi da parte di più attori e quando la Chiesa è destinata a essere una voce per i senza voce, le azioni e le omissioni di H. E. Cardinal Berhaneyesus stanno peggiorando la situazione.

Per inciso, vorremmo esprimere il nostro apprezzamento ai vescovi cattolici eritrei per essere stati dalla parte della pace e per chiedere il dialogo. Inoltre, Thabo Makgoba, arcivescovo anglicano di Cape Town, “ha mobilitato la chiesa e si è rivolto al governo sudafricano nel tentativo di fermare la crisi umanitaria in corso in Etiopia”. Lo ringraziamo per questo! È nostro desiderio che il cardinale H. E. Berhaneyesus si schieri per la pace e per tutte le persone dell’Etiopia.

Santità, noi, i cattolici del Tigray che vivono negli Stati Uniti e tutto il popolo del Tigray, chiediamo a Vostra Santità di aiutarci a fermare i crimini genocidi commessi sul nostro popolo.

Ringraziamo Vostra Santità per le vostre benedizioni, la cortese attenzione e la preghiera.

Comitato di coordinamento:
Ogbazghi Melles (ogbazghim@hotmail.com) Seyoum Berhe (sbdanne@gmail.com)
Hagos Weldegiorgis (bhagos88@gmail.com) Letemariam Tesfat (ltesfat@gmail.com)
Kahsay Abraham (kahsay_abraham@yahoo.com) Yeshi Gebremeskel (yeshi6982@msn.com)

CC: Segreteria dello Stato Vaticano
CC: H. E. Cardinal Berhaneyesus
CC: Conferenza episcopale cattolica etiope CC: Nunzio apostolico in Etiopia

 

 

 

 

 

Lascia un commento