Salta al contenuto

#Biden Invia l’Alleato del Senato in #Etiopia per Affrontare la Crisi in #Tigray

Il Senatore Chris Coons come inviato per consegnare un messaggio duro al Premier etiope Abiy Ahmed.

Il presidente Joe Biden sta schierando uno dei suoi più stretti alleati a Capitol Hill in Africa orientale per sollecitare la fine del crescente conflitto in Etiopia che ha già ucciso migliaia di persone e costretto centinaia di migliaia a fuggire dalle loro case.

Il senatore Chris Coons interroga l'allora Segretario di Stato Mike Pompeo durante un'audizione della Commissione per le relazioni estere del Senato al Campidoglio di Washington, DC, il 30 luglio 2020. GREG NASH-POOL / GETTY IMAGES
Il senatore Chris Coons interroga l’allora Segretario di Stato Mike Pompeo durante un’audizione della Commissione per le relazioni estere del Senato al Campidoglio di Washington, DC, il 30 luglio 2020. GREG NASH-POOL / GETTY IMAGES

Il senatore del Delaware Chris Coons, una volta uno dei principali contendenti per essere il segretario di stato di Biden, sta partendo per una missione diplomatica temporanea per incontrare il primo ministro etiope Abiy Ahmed per affrontare la crisi nella regione settentrionale dell’Etiopia del Tigray.

Coons dovrebbe partire giovedì per l’Etiopia, dove incontrerà Abiy e funzionari dell’Unione africana per diversi giorni per discutere la situazione in Tigray, secondo un alto funzionario della Casa Bianca che ha parlato a condizione di anonimato.

Il suo viaggio arriva dopo mesi di combattimenti nel Tigray in seguito alla campagna militare dell’Etiopia per estromettere l’ex partito al governo regionale, il Fronte di liberazione popolare del Tigray, in un conflitto segnato da diffuse accuse di pulizia etnica, violenza sessuale e massacri di civili.

Coons ha dichiarato a Foreign Policy in una dichiarazione di condividere le preoccupazioni dell’amministrazione per il “deterioramento della situazione nel Tigray, che minaccia la pace e la stabilità della regione del Corno d’Africa”.

“Non vedo l’ora di impegnarmi con il primo ministro Abiy Ahmed Ali e di trasmettere la preoccupazione del presidente”, ha detto.

Funzionari statunitensi ed esperti regionali avvertono che, se lasciato incontrollato, il conflitto potrebbe trasformarsi in una crisi regionale in piena regola e causare effetti destabilizzanti a catena nei paesi vicini dell’Etiopia. I gruppi per i diritti umani hanno accusato le forze della vicina Eritrea di massacrare sistematicamente centinaia di civili disarmati nel Tigray a novembre, subito dopo lo scoppio del conflitto.

Coons, membro del Comitato per le relazioni estere del Senato e presidente del potente sottocomitato per gli stanziamenti del Senato che sovrintende ai finanziamenti per la diplomazia e ai programmi di aiuti esteri, si è unito a un crescente coro di voci a Washington che condannano l’ondata di violenza nel nord dell’Etiopia.

Il Segretario di Stato Antony Blinken, testimoniando davanti al Congresso il 10 marzo, ha condannato quelli che ha definito “atti di pulizia etnica” nel Tigray e ha chiesto un’indagine indipendente sulla violenza e “piena responsabilità”. Il governo degli Stati Uniti finora si è fermato prima di dichiarare l’intero conflitto come “pulizia etnica”, una determinazione legale che richiede un processo di revisione tra agenzie.

“Ciò che sta accadendo in Etiopia ha avuto e continuerà ad avere conseguenze devastanti per migliaia di persone innocenti e rappresenta una minaccia diretta alla pace e alla sicurezza regionale”, ha detto all’ONU Linda Thomas-Greenfield, ambasciatore di Biden alle Nazioni Unite. Consiglio di sicurezza il 4 marzo. “L’onere di prevenire ulteriori atrocità e sofferenze umane ricade direttamente sulle spalle del governo etiope”.

FONTE: https://foreignpolicy.com/2021/03/18/biden-chris-coons-senator-ethiopia-tigray-crisis/

 

Lascia un commento