Salta al contenuto

Nagayé – Luna E Un Quarto [Canzone per il Tigray]

La canzone è stata scritta dal mio amico Alessio diversi anni fa, quando è stato ispirato dai suoi viaggi in Etiopia, in Tigray.

La canzone è scritta in in lingua friulana, parlata in Friuli, nord est Italia: ho allegato la traduzione in italiano ed in inglese per chi volesse capirne il testo, la poesia.

Nagayé - Luna E Un Quarto [Canzone per il Tigray]
Nagayé – Luna E Un Quarto [Canzone per il Tigray]
Nagayé - FurlanNagayé - ItalianoNagayé - English
El polvar si inçiopede
le strade si ramene
di vite e di int piardude

Medhin al cjacare
Asmara e latave
el frut che mai al vaìve

No sai mai ce fâ no sai mai ce dì
i voi dai fruts a mi tormentin

No sai mai ce fa no sai mai ce dì
o cjiamini sot dal soreli

Mai cjatarai
le storie no si lasse mai scrivi

simpri o disarai
al è grazie a lôr se vuê o rivi a ridi

enjera la matine
enjera par la sere
si shiro eu un pugn di kolo

Beherane al cjacare
Huluffo al mi contave
“Cegherielem, no je mai sbaliade”

Naga-nagaye nag-nagaye
cussì usin zigâ da lis montagnis

Naga-nagaichito naga-nagaichio
cussì fasin par saludâsi

Tiere… tiere sute…
tiere brusade…
tiere di cur e di vite
nissun al sa…
cemût… al parcè…

Si va, no si pense
scugnì la cussì
tal miec dai colôrs a mi innei
fam disore fam
miserie disore miserie

Resistencis di ogni dì
pal pan… par le aghe…
par no vaì
nuie si fasarà
se i vuarps a no tachin a viodi

La polvere s’inciampa
la strada è un brulichio
di vita e di gente perduta

Medhin mi parlava
Asmara allattava
il bambino che mai piangeva

Non so cosa fare non so cosa dire
gli occhi dei bambini mi tormentano
Non so cosa fare non so cosa dire
cammino sotto il sole

Mai troverò
la storia non si lascia mai scrivere

sempre lo dirò
è grazie a loro se oggi riesco a ridere

enjera la mattina
enjera per la sera
di shiro e un pugno di kolo

Beherane parlava
Hulluffo mi diceva
“Cegherielem e non sbagli mai”

Naga-nagaye naga-nagaye
così usano gridare dalle montagne

Naga-nagaichito naga-nagaichio
così fanno per salutarsi

Terra… terra arsa…
terra bruciata
terra di cuore e di vita
nessuno sa…
come… perché…

Si va, non si pensa
deve andare così
in mezzo ai colori mi annego
Fame nella fame
miseria nella miseria

Resistenza di ogni giorno
per il pane… per l’acqua…
per non piangere
Nulla si farà
se i ciechi non iniziano a vedere.

The dust stumbles
the street is swarming
of life and lost people

Medhin was talking to me
Asmara was breastfeeding
the child who never cried

I don’t know what to do, I don’t know what to say
children’s eyes haunt me
I don’t know what to do, I don’t know what to say
I walk under the sun

I will never find
history never lets itself be written

I will always say it
it is thanks to them that today I am able to laugh

enjera in the morning
enjera for the evening
of shiro and a handful of kolo

Beherane spoke
Hulluffo told me
“Cegherielem and you are never wrong”

Naga-nagaye naga-nagaye
so they use to shout from the mountains

Naga-nagaichito naga-nagaichio
so they do to greet each other

Earth … parched earth …
scorched earth
land of heart and life
no one knows…
how why…

You go, you don’t think
it must be like this
in the midst of colors I drown
Hunger in hunger
misery in misery

Resistance of every day
for the bread … for the water …
not to cry
Nothing will be done
if the blind do not begin to see.

Lascia un commento