Salta al contenuto

Il Generale Etiope Racconta La “Guerra Sporca” nel #Tigray

Il generale etiope racconta ai diplomatici della “guerra sporca” nel Tigray

Fonte: AFP
Robbie COREY-BOULET

Mar 16 marzo 2021, 14:28

Una “guerra sporca” che causa sofferenza per le vittime “indifese” si sta svolgendo nella regione settentrionale del Tigray in Etiopia, ha detto un generale in un briefing privato con i diplomatici la scorsa settimana, secondo una registrazione audio dei suoi commenti ottenuta da AFP.

La dichiarazione del generale Yohannes Gebremeskel Tesfamariam, capo di una task force formata in risposta al conflitto del Tigray, rappresenta una valutazione insolitamente severa delle condizioni nella regione, dove il governo del primo ministro Abiy Ahmed afferma che la normalità sta tornando.

“Questa è una guerra sporca perché riguarda tutto. Non vedi fronti. Il costo è immediato per chi è indifeso ”, ha detto Yohannes durante il briefing dell’11 marzo nella capitale regionale Mekele alla presenza di decine di diplomatici.

“Sulle atrocità, lo stupro, il crimine … non posso darvi prove concrete, ma non credo che saremo fortunati nel vedere che cose del genere non sono accadute.”

Non ha indicato quali forze potrebbero essere responsabili di “atrocità”.

L’audio è stato autenticato da due persone che hanno partecipato al briefing. L’esercito non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Abiy, vincitore del Premio Nobel per la pace 2019, ha inviato truppe nel Tigray il 4 novembre dopo aver accusato il partito al governo un tempo dominante della regione, il Fronte di liberazione popolare del Tigray (TPLF), per attacchi ai campi dell’esercito.

Un blackout delle comunicazioni ha reso difficile verificare le condizioni sul campo per settimane, sebbene l’accesso sia migliorato di recente per le organizzazioni umanitarie e i media.

La visita dell’11 marzo a Mekele è stata la prima volta che la maggior parte dei diplomatici ha avuto accesso alla regione dall’inizio dei combattimenti.

Ma mentre molti si aspettavano di poter visitare un ospedale e siti che ospitano gli sfollati del Tigray, all’arrivo è stato detto loro che il loro soggiorno si sarebbe limitato a un briefing in un hotel.

Abiy ha dichiarato la vittoria in Tigray alla fine di novembre dopo che le forze federali hanno preso Mekele, anche se i leader del TPLF sono rimasti in fuga e i combattimenti sono continuati.

Nei suoi commenti ai diplomatici, Yohannes ha suggerito di non vedere come un approccio militare da solo avrebbe posto fine al conflitto.

“Conosco pochissimi ed eccezionali conflitti o violenze – o scontri, lasciatemi dire – che sono terminati solo con le armi. Pochissimi “, ha detto Yohannes, che in precedenza comandava le forze di mantenimento della pace delle Nazioni Unite in Sud Sudan.


Su Twitter il 14 Marzo condividevo questo, senza aver letto nulla di questo report:

Aforisma della guerra - Sun Tzu
Aforisma della guerra – Sun Tzu

Ha detto che altri “meccanismi” dovrebbero essere presi in considerazione, inclusi potenzialmente negoziati e richieste di cessate il fuoco, anche se non ha presentato una proposta specifica.

“Credo che questa sia la via d’uscita. Non credo che sfuggiremo a questo processo “, ha detto.

Il governo di Abiy ha ripetutamente affermato che i leader del TPLF devono essere detenuti e disarmati.

A un certo punto del briefing, l’ambasciatore sud-sudanese James P. Morgan si è chiesto perché i colloqui di pace non sembrano essere stati portati avanti finora.

“Non so come vuoi porre fine a questa situazione, perché credo che non ci sia alcun … tentativo di negoziazione”, ha detto Morgan.

“Fratelli miei, gli etiopi, volete porre fine a questa guerra? Con quali mezzi? “

– Orfani e vedove –

I residenti del Tigray hanno raccontato a gruppi per i diritti umani e giornalisti di massacri, violenze sessuali diffuse e uccisioni indiscriminate di civili da parte delle forze di sicurezza.

Gli operatori umanitari, nel frattempo, affermano che il sistema sanitario della regione è in gran parte crollato e avvertono di una possibile fame su larga scala.

Agezew Hidaru, un membro del governo ad interim del Tigray, ha detto ai diplomatici che su 226 centri sanitari che esistevano nel Tigray prima della guerra, “non più di 20” erano in funzione.


Si allinea molto con i numeri e i dettagli di quanto condiviso dal report di MSF di ieri 15/03/2021

MSF Tigray - Medici Senza Frontiere Report ospedali e crimini di guerra
MSF Tigray – Medici Senza Frontiere Report ospedali e crimini di guerra

Su 40 ospedali prebellici, solo 10 erano funzionanti, ha detto.

Molte delle 271 scuole superiori del Tigray “sono state totalmente danneggiate e saccheggiate”, ha detto, aggiungendo che alcune scuole sono state utilizzate per ospitare circa 700.000 sfollati nella regione.

Le comunicazioni e le restrizioni di accesso hanno reso difficile stimare il bilancio delle vittime e Agezew ha detto ai diplomatici che i funzionari non avevano una buona cifra.

“Ci sono conflitti sporadici qua e là. Non sappiamo quante persone moriranno o sono già morte, quindi un gran numero di vedove, un gran numero di orfani sono attesi nei prossimi mesi ”, ha detto.


FONTE: https://eritreahub.org/explosive-briefing-by-ethiopian-general-on-the-dirty-war-in-tigray

 

Lascia un commento