Salta al contenuto

Tigray – Rapporto sulla Situazione EEPA HORN n. 102 del 12 marzo 2021

Data: 12/03/2021
Autore: Martin Plaut

Il programma europeo esterno con l’Africa è un centro di competenze con sede in Belgio con conoscenze, pubblicazioni e reti approfondite, specializzato in questioni di costruzione della pace, protezione dei rifugiati e resilienza nel Corno d’Africa. L’EEPA ha pubblicato ampiamente su questioni relative al movimento e / o al traffico di esseri umani di rifugiati nel Corno d’Africa e sulla rotta del Mediterraneo centrale. Collabora con un’ampia rete di università, organizzazioni di ricerca, società civile ed esperti provenienti da Etiopia, Eritrea, Kenya, Gibuti, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Uganda e in tutta l’Africa. I rapporti sulla situazione possono essere trovati qui .


Situazione bellica segnalata nel Tigray (all’11 marzo)

– Secondo fonti, oltre 100 giovani civili sono stati giustiziati nella città di Enkikumel, tra Shire ed Endabaguna, dalle forze etiopi ed eritree.

– “Sia le forze dell’Endf che quelle eritree hanno fatto perquisizioni porta a porta e hanno ospitato membri della famiglia, compresi bambini e donne, chiedendo poi alle milizie di rinunciare alle armi”, hanno detto le fonti.

– Una volta che le milizie sono arrivate con le armi, ne hanno uccise più di 10 e hanno sparato agli ostaggi.

– Un civile è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco nella città del Tigray di Wukro. Il trasporto pubblico è stato nuovamente interrotto.

– Secondo un testimone, Shiraro, una città vicino a Bademe sul confine etio-eritreo è stata bombardata dalle forze eritree il 10-11 novembre 2020.

– “Dopo i bombardamenti, le forze eritree hanno controllato la città di Shiraro l’11 novembre 2020. e c’erano tre gruppi all’interno delle forze eritree”, ha aggiunto il testimone.

– Il testimone dice che il primo gruppo era impegnato nel saccheggio e nel caricamento di tutto su grossi camion eritrei. Il secondo gruppo stava fornendo sicurezza alla città di Shirara, “si comportavano come la polizia” e il terzo gruppo stava combattendo con le forze del Tigray.

– Il testimone afferma che alcuni comandanti e soldati della 31 divisione dell’ENDF che erano di stanza a Wela Nhbi, un luogo vicino a Bademe, disertato in Eritrea il 5 novembre 2020. I soldati dell’ENDF presero carri armati, Zu-23 e un po di artiglieria pesante.

– Le forze regionali del Tigray erano nella periferia occidentale della città di Wukro e i combattimenti sono continuati.

– Il rapporto di AP dice che migliaia di persone magre, affamate, in fuga da minacce di violenza,  che si erano nascoste nelle aree rurali della regione del Tigray in Etiopia hanno iniziato ad arrivare nella comunità di Shire. Ne sono arrivati ​​5000 tra mercoledì scorso e domenica.

– Il DG Doctor Without Borders dell’Olanda ha detto che le persone che arrivano sono “in pessime condizioni … molto esauste, disidratate, magre” e che “sta diventando una situazione disparata molto rapidamente”.

– Il rapporto dice che le persone che arrivano portano un’idea della privazione che sta consumando la campagna del Tigray. Gli operatori umanitari dicono che alcuni sono sopravvissuti mangiando foglie o i semi che avevano messo da parte per la semina.

– “La gente muore di fame”, ha detto Madiha Raza con il Comitato Internazionale di Soccorso dopo aver visitato Shire. “Ci sono gravi problemi di accesso al cibo e un intervistato mi ha detto che è sopravvissuta con solo foglie per un mese mentre si nascondeva in una foresta”.

– Il governo rimosso del Tigray ha rilasciato una dichiarazione in cui si implora la comunità internazionale di agire, ma affermando che “la soluzione definitiva contro l’occupazione è nelle mani del popolo del Tigray e delle sue forze di difesa”.

– È importante notare che questa è la prima volta che il governo del Tigray rilascia una dichiarazione ufficiale da quando l’ENDF ha preso il potere di Mekelle. Mostra che stanno ancora affermando di essere il governo ufficialmente eletto dello stato.

– Nella dichiarazione hanno affermato che l’Eritrea sta inviando più truppe nella regione e che “Migliaia di civili sono stati massacrati, centinaia di migliaia sfollati con la forza dalle loro case, installazioni civili e infrastrutture distrutte sistematicamente”.

Quando mercoledì 50 ambasciatori europei e americani hanno visitato Mekelle, i cittadini sono rimasti a casa per protestare, lasciando la città deserta. Gli ambasciatori sono stati informati dall’amministrazione provvisoria sulla situazione. L’amministrazione ha affermato di controllare il 72% del territorio.

Situazione internazionale segnalata (al 10 marzo)

– La Casa Bianca chiede un’indagine completa e indipendente sulle violazioni dei diritti umani nel Tigray. Pres. Biden è “profondamente preoccupato, molto impegnato sulle questioni”, ha detto il segretario stampa.

– US Sec. Blinken ha detto che un inviato speciale sarà nominato per il Corno d’Africa, dicendo: “Abbiamo bisogno di una persona anziana che si concentrerà a tempo pieno sulle sfide che stiamo vedendo … in modo sostenuto”, in particolare Tigray, GERD e Tensioni al confine tra Etiopia e Sudan.

– Alla domanda sulla possibilità di inviare forze di pace, Blinken ha risposto che le forze straniere devono prima partire ed essere sostituite “con una forza che non abusi dei diritti umani del popolo del Tigray”.

L’inviato del governo britannico all’ONU chiede “sanzioni” a chiunque blocchi gli aiuti al Tigray.

– “Il Consiglio di sicurezza deve parlare con una sola voce – contro le violazioni del diritto internazionale umanitario, inclusa l’ostruzione dell’assistenza o dell’accesso umanitario e l’uso della fame di civili come metodo di guerra”, ha affermato NorwayUNSC nella sua dichiarazione.

– La dichiarazione afferma anche che la responsabilità deve essere garantita e la risposta a tali violazioni potrebbe includere l’imposizione di sanzioni mirate, se pertinenti e appropriate.

– Il commissario europeo Janez Lenarčič ha suggerito che la Commissione possa sanzionare le persone che commettono violazioni dei diritti umani o ostacolano la fornitura di aiuti umanitari.

– Il Consiglio dell’UE ha adottato una conclusione (6902/21) in cui si afferma che l’Etiopia è un partner strategico e ha ribadito la preoccupazione dell’UE per la situazione nel Tigray. È particolarmente preoccupato per le diverse testimonianze di crimini di guerra e sollecita tutte le parti a porvi fine immediatamente.

Ambasciata tedesca ad Addis, Amb. Auer chiede il ritiro delle forze eritree, pieno accesso umanitario e ai media, nonché indagini indipendenti sulle violazioni dei diritti umani e sui crimini di guerra dopo aver visitato Mekelle, la capitale regionale del Tigray.

– La direttrice del FMI, Kristalina Georgieva, afferma che la crisi umanitaria nella regione del Tigray è sotto stretta sorveglianza, affermando che “ciò che è buono per il popolo etiope è buono per il resto dell’Africa”.

– Ha detto che erano preoccupati, stavano monitorando l’evoluzione della situazione e ha affermato l’importanza che “il prezzo della crisi non è pagato dalla sofferenza della gente comune”.

– In un pezzo per la Frankfurter Rundschau Omid Nouripour, un membro tedesco del Parlamento, e Moritz Müller, un candidato alle prossime elezioni, hanno esortato il governo tedesco a impegnarsi più attivamente nella risoluzione del conflitto attraverso il dialogo.

– Müller e Nouripour affermano che il conflitto è un conflitto tra diversi “bundeslander” (Stati federali) con diverse visioni per la riforma del paese. Il mancato intervento potrebbe portare alla disintegrazione dell’Etiopia e alla destabilizzazione dell’intera regione.

– L’Etiopia ha respinto la proposta del Sudan (che è stata recentemente approvata dall’Egitto) di coinvolgere l’ONU, gli USA e l’UE nei negoziati sulla diga del GERD. Il portavoce del ministero degli Esteri ha affermato che l’Etiopia ritiene che il problema possa essere risolto attraverso la mediazione dell’Unione africana.


Dichiarazione di non responsabilità: tutte le informazioni in questo rapporto sulla situazione sono presentate come un rapporto di aggiornamento fluido, in base alla migliore conoscenza e comprensione degli autori al momento della pubblicazione. L’EEPA non afferma che le informazioni siano corrette ma la verifica al meglio delle sue capacità nelle circostanze. La pubblicazione viene soppesata sulla base dell’interesse per comprendere i potenziali impatti degli eventi (o percezioni di questi) sulla situazione. Controlla tutte le informazioni rispetto ad aggiornamenti e altri media. L’EEPA non si assume la responsabilità per l’uso delle informazioni o il loro impatto. Tutte le informazioni riportate provengono da terze parti e il contenuto di tutte le informazioni riportate e collegate rimane di esclusiva responsabilità di queste terze parti. Segnalare a info@eepa.be ogni ulteriore informazione e correzione.

FONTE: https://martinplaut.com/2021/03/12/situation-report-eepa-horn-no-102-12-march-2021/

Lascia un commento