Salta al contenuto

Nuovo esodo nell’area del Tigray in Etiopia : Le Persone Muoiono di Fame

ADDIS ABABA, Etiopia (AP) – Magrissime, affamate, in fuga da minacce di violenza, migliaia di persone che si sono nascoste nelle aree rurali della regione del Tigray in Etiopia hanno iniziato ad arrivare in una comunità che riesce a malapena a sostenerle – e si dice che ce ne siano altre sulla via.


[Leggi il mio articolo e scarica il PDF riguardo a
“Tigray : Accessi Umanitari – Data per Data #TimeLine”
]


Per mesi, un grande sconosciuto nel conflitto del Tigray è stato il destino di centinaia di migliaia di persone in vaste aree rurali al di fuori della portata degli aiuti esterni. Con la regione in gran parte tagliata fuori dal mondo da novembre, sono aumentati i timori di violenza e fame.

Nuovo esodo nell'area del Tigray in Etiopia : Le Persone Muoiono di Fame
Nuovo esodo nell’area del Tigray in Etiopia : Le Persone Muoiono di Fame

Adesso stanno cominciando ad arrivare quelle persone, molte a piedi, nella comunità di Shire, dicono gli operatori umanitari che sono lì e che hanno visitato. L’Associated Press ha ottenuto il permesso di utilizzare foto rare in gran parte dall’International Rescue Committee delle terribili condizioni che devono affrontare questi sfollati. Le foto dalla regione sono state difficili da trovare, con l’elettricità interrotta per gran parte del conflitto e gli abitanti dell’etnia tigrina hanno detto all’AP che essere scoperti con foto ha messo in pericolo le loro vite.

Tra mercoledì e domenica scorsi erano arrivate circa 5.000 persone e le squadre umanitarie sono state inviate a trovare quelle che si dice siano in arrivo, ha detto all’AP Oliver Behn, direttore generale di Medici senza frontiere-Olanda.

“Stanno arrivando in pessime condizioni … molto esausti, disidratati, magri”, ha detto Behn dopo una visita. “Sta diventando una situazione disperata molto rapidamente.”

Le persone che arrivano portano un’idea della privazione che sta pervadendo la campagna del Tigray. Gli operatori umanitari dicono che alcuni dicono di essere sopravvissuti mangiando foglie o semi che avevano messo da parte per piantare, segno di una fame ancora peggiore.

Non è chiaro esattamente quali nuove minacce di violenza abbiano causato la fuga di queste migliaia di persone dal Tigray occidentale, dove mercoledì il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che sono stati visti “atti di pulizia etnica”.

Alcune persone della vicina regione dell’Amhara in Etiopia sono accusate di occupare comunità. Parlando con gli operatori umanitari, gli etnici tigrini hanno descritto di nascondersi sulle colline per settimane dopo lo scoppio dei combattimenti tra le forze etiopi e alleate e quelle dei leader regionali del Tigray che una volta dominavano il governo del paese ma sono stati messi da parte sotto il primo ministro Abiy Ahmed.

Shire è una base di operazioni per gli sforzi umanitari che i lavoratori dicono non sono sufficienti per soddisfare le crescenti esigenze. Circa 16.000 sfollati occupano già tre campi affollati allestiti nelle scuole, compresi edifici incompiuti con discese pericolose e pozzi di ascensori vuoti. Alcune persone dormono 40 o 50 in una stanza, possedendo poco ma stuoie e vestiti.

Non c’è spazio in questi campi per le migliaia di nuovi arrivati. Centinaia ora stanno dormendo all’aperto.

Le comunità in tutto il Tigray non sono state in condizioni di sostenere anche i propri residenti. Il conflitto è scoppiato sull’orlo del raccolto e dopo mesi di crisi dettato dall’ invasione delle locuste. Le banche sono state chiuse e i negozi sono stati saccheggiati. Anche ora, poiché il governo etiope afferma di aver raggiunto oltre 4 milioni di persone con aiuti alimentari, ma non è sufficiente.

“La gente sta morendo di fame”, ha detto Madiha Raza con il Comitato Internazionale di Soccorso all’AP dopo aver recentemente visitato Shire. “C’è un grave problema di accesso al cibo. Un intervistato mi ha detto che è sopravvissuta con solo foglie per un mese mentre si nascondeva in una foresta. Ci sono state alcune distribuzioni di cibo nei centri per sfollati interni, ma quantità non sufficienti “.

Gli Stati Uniti stimano che 4 milioni di persone, ovvero due terzi della popolazione del Tigray, abbiano urgente bisogno di aiuti alimentari. Anche se l’accesso alla regione migliora lentamente, le preoccupazioni crescono.

“Quello che sappiamo è estremamente preoccupante, ma quello che non sappiamo potrebbe essere anche peggio”, ha detto Manuel Fontaine, direttore dei programmi di emergenza dell’UNICEF.

Le persone appena arrivate dalle zone rurali sono un costante promemoria di quanto la vita possa essere cupa per coloro che ancora si nascondono dal conflitto.

“I nostri team hanno visto persone arrivare nelle principali città, siti (sfollati interni) in condizioni estremamente pessime”, ha detto ai giornalisti Dominik Stillhart, direttore delle operazioni con il Comitato internazionale della Croce Rossa, alla fine del mese scorso.

Alcune comunità del Tigray rimangono fuori portata. Solo nelle ultime settimane i lavoratori di Medici Senza Frontiere hanno iniziato ad arrivare in luoghi che erano stati inaccessibili.

I centri sanitari sono stati saccheggiati e rimangono pochi operatori sanitari, ha detto Behn, il che significa che le persone hanno avuto poco o nessun aiuto per il parto e altre emergenze o anche per le cure di base.

“È molto chiaro che queste comunità hanno un bisogno significativo”, ha detto. “I meccanismi per fronteggiare la crisi dopo quattro mesi sono davvero al limite.”


FONTE: https://apnews.com/article/world-news-ethiopia-a25a50a774da284122c74a0bc1428052

Lascia un commento