Salta al contenuto

Il Presidente Egiziano Al-Sisi visita il Sudan & GERD Grand Ethiopian Renaissance Dam

IL CAIRO (AP) – Il presidente egiziano ha visitato il Sudan sabato, la sua prima visita nel paese da quando una rivolta popolare ha portato al rovesciamento da parte dei militari dell’autocrate di lunga data Omar al-Bashir nel 2019.

Traduzione FONTE: https://apnews.com/article/ethiopia-egypt-cairo-khartoum-sudan-3fdf4880dddecbe1afe59acabdd3f8bb

Il presidente Abdel Fattah Al-Sisi ha incontrato il generale Abdel Fattah Burhan, capo del Sovrano Consiglio al potere, nel palazzo presidenziale di Khartoum. Lì, hanno ispezionato una guardia d’onore militare. Al-Sisi ha anche incontrato il primo ministro Abdalla Hamdok e il generale Mohammed Hamdan Dagal, vice capo del consiglio sovrano.

“Questa visita rientra nel quadro di una stretta cooperazione tra le due nazioni”, ha detto Burhan in una conferenza stampa con Al-Sisi. “Abbiamo discusso di tutti i file che supportano la cooperazione reciproca.”

Egypt’s president el-Sissi
Egypt’s president Al-Sisi

Il leader egiziano ha discusso con i funzionari sudanesi una serie di questioni, inclusi i legami economici e militari e la disputa delle due nazioni con l’Etiopia su un’enorme diga che sta costruendo sul Nilo Azzurro, ha detto la presidenza egiziana.

Al-Sisi, che è tornato al Cairo più tardi sabato, ha anche discusso della disputa sul confine del Sudan con l’Etiopia e della sicurezza nella regione del Mar Rosso, che negli ultimi anni è diventata un teatro di crescente concorrenza tra le potenze mondiali e regionali, afferma la dichiarazione. Sia il Sudan che l’Egitto sono membri di un forum del Mar Rosso di recente istituzione, insieme ad altre sei nazioni africane e asiatiche.

La breve visita è avvenuta nel mezzo di un riavvicinamento tra i due governi. L’Egitto negli ultimi anni ha cercato di ricostruire i legami con il suo vicino meridionale, uno sforzo che si è intensificato dalla cacciata di al-Bashir nell’aprile 2019. I principali funzionari civili e militari di entrambe le nazioni si sono scambiati visite regolari. I paesi hanno firmato la scorsa settimana un accordo per rafforzare la loro cooperazione militare.

“Abbiamo dovuto affrontare minacce regionali comuni e dobbiamo lavorare insieme per affrontare queste minacce su tutti i fronti”, ha detto il capo di stato maggiore egiziano Mohamed Farid durante una visita a Khartoum la scorsa settimana.

Durante l’era di al-Bashir, le relazioni tra Sudan ed Egitto subirono sporadiche tensioni. Questi includevano la rinascita di una disputa di lunga data su un territorio di confine, il Triangolo di Halayeb , che è detenuto dall’Egitto e rivendicato dal Sudan.

Nonostante i negoziati decennali, i due paesi non sono riusciti ripetutamente a raggiungere un accordo a tre con l’Etiopia sulla sua enorme diga.


Il Cairo e Khartoum hanno recentemente chiesto di internazionalizzare la controversia per includere Stati Uniti, Unione Europea, Nazioni Unite e Unione Africana per facilitare il raggiungimento di un accordo sul riempimento e il funzionamento della diga rinascimentale Grand Ethiopia.

In una telefonata venerdì con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shukry, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha detto che l’organismo mondiale è pronto a “sostenere e partecipare” ai negoziati guidati dall’UA per risolvere la controversia sulla diga.

Il Sudan ha criticato i piani dell’Etiopia di iniziare un secondo riempimento dell’enorme bacino idrico della diga durante la prossima stagione delle piogge. Almeno 20 milioni di sudanesi, più della metà della popolazione del paese, potrebbero essere colpiti se l’Etiopia riempisse e gestisse la diga senza coordinarsi con il Sudan, ha detto il governo di Khartoum. I sudanesi potrebbero soffrire sia di inondazioni che di un minore accesso all’acqua potabile perché le dighe del Sudan sarebbero colpite, dice.

Al-Sisi ha affermato che Egitto e Sudan hanno concordato sull’importanza di rilanciare negoziati “seri ed efficaci” che mirino a raggiungere un accordo “equo, equilibrato e legalmente vincolante” sul riempimento e sul funzionamento della diga prima della prossima stagione delle piogge prevista tra pochi mesi.

L’Egitto e il Sudan rifiutano anche i tentativi dell’Etiopia di “imporre un fatto compiuto e controllare il Nilo Azzurro attraverso misure unilaterali che non tengono conto degli interessi e dei diritti dei due paesi a valle”, ha affermato.

Il Sudan vuole che l’Etiopia coordini e condivida i dati sul funzionamento della diga per evitare inondazioni e proteggere le proprie dighe produttrici di energia sul Nilo Azzurro, il principale affluente del fiume Nilo. Il Nilo Azzurro si incontra con il Nilo Bianco nel Sudan centrale. Da lì, il Nilo si snoda verso nord attraverso l’Egitto e sfocia nel Mar Mediterraneo.

L’Egitto, il paese più popoloso del mondo arabo con oltre 100 milioni di persone, ha definito la diga una minaccia esistenziale e teme che possa ridurre la sua quota di acque del Nilo. Il paese fa affidamento quasi interamente sul Nilo per fornire acqua all’agricoltura e alla sua gente.

Circa l’85% del flusso del Nilo proviene dall’Etiopia. I funzionari etiopi sperano che la diga, ora completata per più di tre quarti, raggiungerà la piena capacità di generazione di energia nel 2023, aiutando a tirare fuori dalla povertà milioni di persone.

 

Lascia un commento