Salta al contenuto

Tigray : i Leader Abiy e Isaias Si Riuniscono in Sudan e Sud Sudan

Gli incontri attualmente in corso nella capitale sud-sudanese, Juba e nella capitale sudanese, Khartoum, potrebbero plasmare il futuro della regione. La domanda è questa: stiamo assistendo all’emergere di due schieramenti rivali?

Oppure possono trovare un modo per curare le ferite senza rinunciare ai loro obiettivi critici?

Abiy e Isaias a Juba

Rashid Abdi, uno dei più accorti commentatori del Corno d’Africa, ha detto questo sull’incontro di Juba.

“Il primo ministro Abiy è volato ad Asmara per incontrare Afewerki il 4 marzo – la prima volta che due si sono incontrati dall’inizio della guerra nel Tigray. Due si sono poi recati insieme a Juba.

Chiave di lettura: priorità assoluta per 2 modalità per rispondere alle crescenti richieste di ritiro delle truppe eritree. Gli Stati Uniti vogliono vedere il ritiro in pochi giorni, non settimane.

Tigray : i Leader Abiy e Isaias Si Riuniscono in Sudan e Sud Sudan
Tigray : i Leader Abiy e Isaias Si Riuniscono in Sudan e Sud Sudan
  • Possibilità di progettare unità, dissipare le voci di spaccature / tensioni.
  • Possibilità di progettare il business come al solito, rilanciare l’integrazione del Corno d’Africa.
  • Obiettivo chiave nel Sud Sudan, a 1 anno dall’ultima volta che erano a Juba
  • Il perno di Juba verso il Sudan, l’Egitto preoccupa entrambi, soprattutto l’Etiopia. I legami Asmara-Cairo ora sono gelidi
  • I colloqui #GERD in fase di stallo, le tensioni al confine con il Sudan rendono cruciale la posizione del Sud sudan dalla parte di Addis.
  • Staccare Juba dal Sudan, l’Egitto, non è semplice.
  • Juba vede pochi incentivi in ​​questo momento a legare le sue fortune a due regimi assediati.

Se i colloqui tra Salva Kiir, Abiy e Isaias dovessero fare progressi, questo metterebbe il presidente Kiir in una posizione di forza.

Kiir potrebbe trovare alleati per evitare le pressioni sul Sud Sudan per porre fine alla sua corruzione endemica e portare una parvenza di democrazia nel suo paese assediato, dalla comunità internazionale.

Il presidente egiziano partecipa ai colloqui a Khartoum

Mentre Eritrea, Etiopia e Sud Sudan si incontrano a Juba, un altro incontro è in corso a Khartoum.

Arab News riferisce che il presidente egiziano, Abdel Fattah-al Sisi, terrà colloqui con i sudanesi sulla regione.

“Il portavoce della presidenza egiziana Bassem Rady ha detto che la visita di al-Sisi in Sudan arriva ‘come un consolidamento degli sforzi dell’Egitto sotto la guida del presidente per sostenere il Sudan e il suo popolo fraterno durante l’attuale importante fase storica che [il paese] sta attraversando.’

La visita sarà testimone di discussioni sui più importanti sviluppi delle questioni regionali e continentali, ha aggiunto, “in particolare la questione della diga del Rinascimento, la sicurezza nel Mar Rosso e gli sviluppi ai confini del Sudan”.

Qual’è il rischio?

Per Eritrea ed Etiopia la questione chiave è la guerra nel Tigray.

Entrambi sono sotto un’intensa pressione americana affinché le truppe eritree si ritirino dall’Etiopia per cercare di porre fine alla guerra.

Come il New York Times ha riferito martedì il segretario di Stato Antonio J. Blinken, ha pressato il leader dell’Etiopia Abiy a fermare le ostilità nella regione settentrionale del Tigray, citando un “crescente numero di segnalazioni credibili di atrocità e violazioni e abusi dei diritti umani.”

In una telefonata con il primo ministro Abiy Ahmed, il signor Blinken ha chiesto all’Etiopia di ritirare le forze esterne dal Tigray e di porre immediatamente fine alle violenze, questo secondo un portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price.

La pressione per un’azione è in aumento presso le Nazioni Unite e misure più severe sono state bloccate perché cinesi e russi erano pronti a esercitare il loro veto nel Consiglio di sicurezza.

Ma i leader sanno che è probabile che siano in arrivo ulteriori azioni.

L’Etiopia sta cercando di prendere le distanze dai suoi alleati eritrei.

Come ha detto The Reporter : “L’Etiopia non ha invitato le truppe eritree a impegnarsi nella regione del Tigray durante l’operazione di polizia del governo, ha affermato il Ministero degli Affari Esteri.

In un presser settimanale, la portavoce del ministero, Dina Mufti, ha detto ai giornalisti che ‘Non esiste alcun accordo militare ufficiale tra i due paesi. Non abbiamo fatto un invito ufficiale affinché le truppe eritree siano coinvolte nella regione del Tigray “, ha detto.”

Questa potrebbe essere la posizione ufficiale del ministero degli Esteri etiope, ma al momento i destini del premier Abiy e del presidente Isaias sono vincolati. Può il Primo Ministro districarsi? Questo è tutt’altro che chiaro.

Per il Sudan e l’Egitto le questioni chiave sono la Grand Renaissance Dam (GERD) sul Nilo e il triangolo di al-Fasaga.

C’è stato un accumulo di truppe su entrambi i lati del confine sudanese-etiope con notizie secondo cui le truppe eritree stanno rafforzando le forze etiopi.

La tensione è alta, con notizie di scontri.

Entrambe le parti hanno molto in gioco. I sudanesi hanno giurato di non abbandonare mai i ricchi terreni agricoli.

I contadini di Amhara sono stati sfollati dai sudanesi dopo che le truppe etiopi sono state ritirate nell’ottobre dello scorso anno per unirsi ai combattimenti nel Tigray.

Ma il primo ministro Abiy dipende dalla milizia Amhara che ha attaccato il Tigray sud-occidentale e detiene vaste aree che in precedenza erano sotto il controllo del Tigray, sebbene sia stato riferito che potrebbero ritirarsi.

Il sostegno di Amhara è vitale se Abiy vuole vincere le elezioni etiopi previste entro la fine dell’anno.

Per l’Egitto il riempimento della diga GERD è fondamentale per l’approvvigionamento idrico.

I ministri degli Esteri sudanesi ed egiziani hanno rilasciato questa settimana un comunicato stampa congiunto in cui hanno sottolineato che il possibile riempimento unilaterale della diga sul Nilo nella seconda fase dell’Etiopia rappresenterebbe una minaccia diretta per la sicurezza idrica di Egitto e Sudan.

Il Cairo e Khartoum sperano di raggiungere una soluzione diplomatica vincolante sull’uso dell’acqua mediata da Stati Uniti, UE, Nazioni Unite e Unione africana.

Rashid Abdi riferisce che l’ Etiopia sarebbe disposta a fare importanti concessioni su GERD al Sudan e all’Egitto.

“In cambio, vuole il supporto per respingere la pressione degli Stati Uniti e dell’Occidente sul Tigray. Il Cairo e Khartoum hanno bisogno di un accordo, la fine dell’unilateralismo etiope, ma diffidano profondamente di Abiy e Afewerki “.

In sintesi : gli incontri critici si stanno ora svolgendo a Juba e Khartoum. Entrambi i campi hanno molto in gioco in questi colloqui.

È davvero possibile che i problemi complessi e interconnessi della diga GERD, del triangolo di al-Fashaga e della guerra del Tigray possano iniziare a essere risolti questo fine settimana?

Sembra improbabile, ma a volte accadono miracoli.

Una nota storica

Vale la pena ricordare che i legami tra l’Eritrea e gli ex ribelli sud sudanesi dello SPLA hanno radici profonde.

Nel 1998 sono stati vicini alla cattura di Khartoum e al rovesciamento del governo sudanese in un’operazione finanziata dalla CIA.

Questo conflitto è mirabilmente riassunto nella pubblicazione della Royal African Society, African Arguments. Due articoli di Ahmed Hassan, che possono essere trovati qui e qui , mostrano come l’Eritrea e l’Etiopia hanno lavorato con i movimenti di opposizione sudanesi per cercare di estromettere il governo sudanese. Come sostiene Ahmed Hassan, è stata un’alleanza tra Eritrea ed Etiopia forgiata con le Sudan Alliance Forces (SAF) a combattere. Erano sostenuti dalle truppe ugandesi e dal denaro americano, sotto forma di sovvenzioni della CIA.

Gli alleati stavano tentando di estromettere il Fronte islamico nazionale (NIF) che era salito al potere a Khartoum nel giugno 1989. L’Eritrea ha rotto le relazioni con il Sudan nel dicembre 1994, ei ribelli sudanesi dell’SPLA/M si sono trasferiti ufficialmente ad Asmara nel 1995 e hanno avuto base nell’edificio che aveva servito come ambasciata sudanese solo pochi mesi prima. La tensione tra Eritrea e Sudan è derivata principalmente dalle accuse commerciali secondo cui sia il Sudan che l’Eritrea sostengono i gruppi di opposizione dell’altro Paese e l’espansionismo islamista a Khartoum.

Come sostiene Ahmed Hassan: “Soprattutto, il Sudan era visto a quel tempo da Eritrea, Etiopia e Stati Uniti come un fattore destabilizzante all’interno della regione che rappresentava una seria minaccia con la sua adozione di un’agenda politica islamica e il successivo sostegno ai militanti islamici dall’Eritrea. , Etiopia e Somalia. Quel periodo ha segnato anche la luna di miele delle relazioni tra gli Stati Uniti e la “nuova generazione” di leader africani rappresentata da Isseyas Afewerki, Meles Zenawi e Yoweri Museveni “. Da qui il sostegno americano.

La guerra si avvicinò al successo, minacciando contemporaneamente l’alimentazione di Khartoum dal Nilo. Ma alla fine l’opposizione sudanese si è frammentata. I conflitti interni e la mancanza di successo sul campo di battaglia hanno portato a profonde divisioni. Come suggerisce Ahmed Hassan: “All’inizio del 1998, SAF ha raggiunto il suo limite come movimento efficace a causa della capacità limitata e dell’agenda ristretta della sua leadership. Cominciarono ad emergere gravi conflitti interni tra le componenti militari e civili del movimento “.

Poi – di punto in bianco (apparentemente) – scoppiò la guerra di confine del maggio 1998 tra Eritrea ed Etiopia. Entrambe le nazioni si sono mosse per riparare le barriere con il governo di Khartoum e il loro sostegno ai movimenti ribelli sudanesi si è sciolto. Per l’Eritrea la guerra con il Sudan era finita: era appena iniziata la guerra di confine con l’Etiopia.


FONTE: https://eritreahub.org/high-stakes-as-regional-leaders-gather-in-south-sudan-and-sudan

Lascia un commento