Salta al contenuto

L’Etiopia Sta Percorrendo l’Oscuro Sentiero Dell’Eritrea

La pace del 2018 tra Eritrea ed Etiopia ha significato una ventata di nuova vita per gli eritrei.

[Pubblicato in collaborazione con Ethiopia Insight. ]

Non era una pace ordinaria in cui due avversari accettarono di risolvere le loro divergenze. Aveva un significato molto più profondo per gli eritrei. Gli eritrei erano stati in guerra negli ultimi sei decenni.

Le generazioni sono nate in guerra, vissute in guerra e hanno respirato la guerra. Quando il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha dichiarato la pace nell’aprile 2018 ed è venuto in Eritrea per portare la pace di persona, lo hanno accolto come l’eroe di un figlio che aspettavano da troppo tempo. Le lacrime scorrevano lungo le guance di tanti. La pace era finalmente arrivata!

Per il popolo eritreo, questo è stato un nuovo inizio; un periodo di pianificazione delle loro vite come una società normale. Ha portato speranza e un forte desiderio di vedere la fine dei loro figli che gli venivano strappati in tenera età.

Per i giovani, la pace ha dato speranza che possano guardare avanti a una vita normale in cui possono aspirare a una carriera; fare una famiglia, vivere una vita stabile, preannunciando una vita senza fuga dal loro paese; la fine della vita in campi profughi inospitali; e morire nei deserti del Sahara e del Sinai e annegare nel Mar Mediterraneo.

La gente in Eritrea ha anticipato questa pace per portare tregua dalle guerre infinite e dalle sofferenze che il presidente Isaias Afwerki aveva loro sottoposto. Speravano in un cambiamento in patria e che il loro paese si integrasse nuovamente nella regione come voce forte per la pace, la sicurezza e la stabilità.

Etiopia nelle mani di Eritrea - Abiy burattino nelle mani di Isaias
Etiopia nelle mani di Eritrea – Abiy burattino nelle mani di Isaias

Nel settembre 2018, nell’ambito della dichiarazione di pace tra i due leader, è stato aperto il confine con l’Etiopia. Gli eritrei si sono sentiti ancora più speranzosi quando hanno iniziato a viaggiare in Etiopia, principalmente nel vicino Tigray. Quello che hanno trovato li ha sbalorditi.

Hanno visto lo sviluppo, hanno visto sorgere strutture e costruzioni, fabbriche funzionanti, università funzionanti, generazione di ricchezza, ecc.

Fu in queste circostanze che gli eritrei iniziarono a sperare che il marchio di riforma di Abiy avrebbe influenzato e incoraggiato Isaias ad avviare e attuare cambiamenti simili e liberare i prigionieri politici che sono stati incarcerati per oltre 18 (ora 20) anni, la loro ubicazione è ancora sconosciuta; i giornalisti e molti noti e sconosciuti che sono scomparsi da allora; i giovani che erano tenuti in una schiavitù moderna simile alla schiavitù; cessare gli abusi sessuali e le violenze praticate nel campo di addestramento militare di Sawa. L’Eritrea sarebbe ancora una volta un paese normale.

La realtà della situazione

Invece di costruire la democrazia, l’Eritrea ha esportato la dittatura; invece di riconciliarsi con gli ex nemici, l’Eritrea ha cercato nuovi modi per sconfiggerli. Il presidente eritreo ha tentato di ritagliarsi un nuovo raggruppamento di Etiopia, Somalia ed Eritrea come asse di autocrazie.

Anche se l’accordo di pace era, formalmente parlando, l’adempimento dell’accordo di Algeri dell’Organizzazione per l’Unità Africana (OUA), Isaias ha snobbato l’Unione Africana ed è volato invece ad Abu Dhabi e poi a Gedda per celebrare l’accordo con gli stati arabi. Invece di ricongiungersi e rafforzare il blocco regionale, l’Autorità intergovernativa per lo sviluppo, continua a minarlo, con l’obiettivo di renderlo irrilevante e lasciarlo estinguere.

Fedele alla sua natura, Isaias, senza preavviso, chiuse tutto, sigillando tutti i valichi di frontiera. Se un eritreo vuole visitare i parenti nel Tigray, ora dovrebbe prima recarsi ad Addis Abeba e da lì a Mekelle o ovunque nel Tigray. Se un tigrino vuole visitare l’Eritrea, il percorso è attraverso Addis.

Le persone che vivono nelle zone di confine hanno dovuto ricorrere ancora una volta al contrabbando, con tutti i rischi che ne derivano, per vedere i parenti dall’altra parte. Tenere le persone separate e impoverite sembra adattarsi al progetto del presidente eritreo.

Sono trascorsi ormai più di due anni e mezzo dalla dichiarazione di pace. In Eritrea, tuttavia, non si è verificata alcuna riforma e non vi è alcun segno che lo farà mai. In effetti, più persone furono messe in prigione, scomparendo nei gulag.

Abiy e Isaias

Perché Abiy si è aggiunto come partner junior in questo complotto distruttivo? Gli eritrei si sono sentiti doppiamente traditi. Le persone hanno dato il loro cuore ad Abiy. Le madri lo hanno benedetto. I padri si sentivano orgogliosi di lui. Credevamo tutti che fosse un uomo di pace; un serio riformatore; una persona integra, con principi incrollabili e un’energia inesauribile per eliminare i conflitti dal volto dell’Etiopia e dei suoi vicini; e con un profondo impegno per l’integrazione regionale.

Invece, Abiy ha inviato il suo esercito contro una delle regioni del suo stesso paese, sostenendo di essere stato provocato dal Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF). Ciò che è più scortese con gli eritrei è il suo “invito” del presidente Isaias a prendere parte all’invasione del Tigray; un invito che sta facendo morire a migliaia i nostri giovani mentre provoca immense sofferenze alla gente del Tigray. Gli eritrei sono profondamente feriti.

La guerra attualmente condotta per il Tigray ha i suoi paralleli con quelle combattute dall’imperatore Haile Selassie e dal Derg, in particolare quest’ultimo che fu ferocemente combattuto contro l’Eritrea. Questa guerra che durò 30 anni fu praticamente nascosta agli etiopi comuni e al mondo in generale finché gli eritrei non furono abbastanza ingegnosi e forti da portare i media internazionali a testimoniarla.

I successivi governi etiopi la definirono una guerra contro un piccolo numero di fuorilegge (“terroristi” non era ancora uno slogan) che erano stati istigati, armati e sostenuti dagli arabi. Ciò è stato ripetuto nel modo più demonizzante dall’élite etiope. Hanno ribadito, propagato, creduto e convissuto con esso, ignari di cosa questo significasse per il loro paese – perché, a quel tempo, l’Eritrea era ufficialmente parte dell’Etiopia.

L’élite non si è mai guardata indietro e ha chiesto perché una guerra così feroce, una guerra in cui i contadini etiopi stavano morendo a decine e poi a centinaia di migliaia, doveva continuare.

Ancora una volta, i leader etiopi stanno dichiarando guerra ai loro stessi – il popolo del Tigray. Ancora una volta, la grande maggioranza dell’élite etiope sembra trovare conveniente credere alla propaganda del governo .

Poiché gli eritrei sono stati etichettati come agenti arabi intenzionati a distruggere l’Etiopia, i tigrini sono calunniati in modo simile ma più sistematico. Con il pretesto di denunciare i crimini commessi dal TPLF, nientemeno che dal primo ministro, l’ odio contro i Tigray viene coltivato dall’élite politica, costantemente alimentato e normalizzato.

Tale radicamento igienizzato e istituzionalizzato dell’odio contro qualsiasi gruppo può avere solo una fine disastrosa. E in Etiopia oggi, è arrivato un punto in cui gli etiopi sui social media esprimono i loro sentimenti che i Tigrini fossero la fonte di tutto ciò che affligge il loro paese, e sbarazzarsi di loro, anche rimuovendoli fisicamente dalla faccia della terra, è giusto cose da fare.

La storia si ripete

Ciò ha l’implicazione di preparare le persone a un’imminente pulizia etnica , che molti etiopi medi sembrano applaudire implicitamente almeno sulle piattaforme dei social media. Di conseguenza, mentre parliamo vengono commessi crimini di guerra e crimini contro l’umanità, lasciando ferite profonde che rendono difficile, se non impossibile, la riconciliazione.

Human Rights Watch ha riferito durante il periodo della lotta armata eritrea per l’indipendenza che il Derg usava la fame come arma di guerra. Ha limitato le scorte di cibo in modo che raggiungessero coloro che ne avevano un disperato bisogno, esponendo l’intera popolazione alla fame. Metteva la popolazione in costante paura assicurandosi che l’acqua e il carburante fossero scarsi e sotto il fermo controllo del governo.

Le organizzazioni internazionali hanno anche riferito che tra il dicembre 1974 e il gennaio 1975, la giunta Derg stava strangolando i giovani eritrei con fili di pianoforte e spargendo i loro corpi per le strade di Asmara. Hanno anche riferito che il Derg stava praticando omicidi sistematici, brutali e a sangue freddo con torture diffuse, saccheggi, stupri e uccisioni indiscriminate di civili. L’Eritrea ha vissuto sotto un regno di terrore. Il Tigray ora vive sotto un simile regno di terrore.

In effetti, le forze dell’allora presidente Mengistu Haile Mariam hanno demolito le abitazioni dei pacifici contadini eritrei, bruciato i loro raccolti, anche usando il napalm, e massacrato il loro bestiame. Era una guerra per fame condotta deliberatamente.

Il governo etiope ha poi imposto un blocco totale all’Eritrea mentre la distruggeva e sottoponeva la sua popolazione alla fame; l’attuale guerra per il Tigray mi ricorda i 30 anni di guerra in Eritrea che erano praticamente nascosti al popolo etiope. Come il Tigray adesso, allora anche noi eravamo ufficialmente e formalmente una parte dell’Etiopia.

Il Tigray è stato trasformato in una zona di guerra attiva, letteralmente invasa dal proprio governo con il supporto attivo delle forze straniere; tutte le comunicazioni interrotte per settimane; fame e malattie lasciate a fare i loro orribili corsi.

Nel Tigray oggi, il flusso di aiuti alimentari è fortemente limitato dal governo di Abiy, mentre i rapporti delle Nazioni Unite e di altri sulla fame acuta, comprese le notizie sulla fame, aumentano di giorno in giorno. Gli avvertimenti di una carestia diffusa nel Tigray risuonano dappertutto.

Mi ricorda la famigerata affermazione di Mengistu che ha esposto la sua insensibilità alla perdita di vite umane, sul drenaggio metaforico del mare per uccidere il pesce. Il mare è il popolo eritreo che ha dato sostentamento alla causa della libertà, e il pesce i combattenti eritrei per la libertà.

Nel caso dell’attuale Tigray, per indebolire il TPLF, il governo di Abiy dice che deve sottomettere i civili, anche sottoponendoli a carestia e morte. La storia si sta ripetendo dopo 40 anni.

Non sono solo i resoconti di carestie deliberate portate dal suo stesso governo federale che stanno uscendo dal Tigray. Cominciano ad emergere racconti di orribili atrocità commesse su ordinari abitanti del Tigrino: bambini, madri, vecchi e giovani vengono uccisi a vista, lo stupro dilaga e vi è una vasta distruzione di proprietà, comprese le strutture sanitarie e le scuole. Si dice che le truppe di Abiy e Isaias non risparmino niente e nessuno.

Diverse fonti indicano costantemente che le truppe eritree agiscono in modo malizioso, non solo distruggendo vite e proprietà, ma anche saccheggiando, impacchettando taglie di guerra e portandole in Eritrea.

Questo ci riempie di agonia e impotenza poiché si tratta di giovani portati da tutto il paese, da tutte le città e villaggi dell’Eritrea, strappati ai loro genitori e comunità in tenera età e addestrati per uccidere e distruggere. Ora stanno commettendo crimini orrendi. Fin dalla nascita sono stati indottrinati dall’odio verso il TPLF. Sono anche vittime, non solo autori.

La spietatezza di Abiy nel Tigray

L’azione di Abiy sul Tigray mi ricorda anche il soldato americano che durante la guerra del Vietnam disse “per salvare il villaggio dobbiamo distruggerlo”. Questo è accaduto in Eritrea sotto il Derg e ora sta accadendo nel Tigray sotto Abiy. Distruggi Tigray per salvarlo. Salvarlo dal TPLF?

Abiy ha lavorato per qualche tempo nelle unità di intelligence dell’esercito etiope. Durante il culmine di questa guerra, ha detto che era in grado di vedere i suoi nemici in uno dei suoi numerosi schermi televisivi dal suo palazzo / ufficio. È come i bambini che giocano ai videogiochi che conducono operazioni di guerra; è impersonale; è irreale; va bene continuare a riprodurlo; e sorprendentemente Abiy pensa che sia lo stesso – solo un gioco.

Abiy, tuttavia, gioca il suo gioco inviando l’esercito, schierando carri armati, aerei da guerra volanti per sganciare bombe e, come i giocatori di videogiochi, Abiy crede che non sia stato ucciso un solo civile. Credeva così tanto in questo gioco di guerra che lo ha annunciato con orgoglio in parlamento – nessuna vergogna, nessun sentimento.

Un “nemico” deve perire, per quello che può costare all’Etiopia. Nella guerra nella vita reale si perdono vite umane, la salute delle persone è compromessa, le proprietà vengono distrutte e i civili, per lo più donne e bambini, pagano un caro prezzo.

Abiy ha invitato l’Eritrea ad aiutarlo a sconfiggere il TPLF e distruggere il Tigray nel processo. Mengistu invitò i sovietici, con Cuba e lo Yemen del Sud a fare la loro parte, non solo per fornirgli armi, cosa che fecero in abbondanza, ma anche per pianificare le sue offensive, guidare battaglie e supervisionare le operazioni.

Sebbene simile nella forma, infatti, questa guerra ha assunto la realizzazione del piano di Isaias per distruggere il TPLF, e questo è stato in lavorazione prima della notte del 3 novembre, quando il governo del TPLF e ufficiali militari solidali disarmarono il Comando Nord in un Mossa “preventiva”.

Sono stati gli eritrei a fare la maggior parte dei combattimenti, con circa 60.000 soldati, organizzati in più di dieci divisioni e brigate, come riportato dall’ex capo di stato maggiore e ministro della difesa dell’Eritrea.

L’Eritrea è stata totalmente abbandonata dall’OUA / UA, dall’ONU e dalla comunità internazionale quando lottava per il suo diritto di determinare il proprio destino. Di conseguenza, abbiamo pagato un prezzo molto alto.

Oggi è peggio per il Tigray. Il presidente della commissione dell’Unione africana, Moussa Faki Mahamat, è una persona incaricata di lavorare per la pace e la stabilità, per mettere a tacere le armi in tutto il continente. Non solo sostiene, ma applaude la guerra. Secondo lui però, la guerra del governo etiope contro il Tigray è stata un atto di ripristino dell ‘”ordine costituzionale” dell’Etiopia.

Non è che i leader del Tigray abbiano aiutato la situazione. Sono entrati in un tiro alla fune con Abiy che non ha servito il miglior interesse della gente del Tigray. Inoltre non sono riusciti a vedere i calcoli e la cospirazione che stava raccogliendo forza contro di loro da Isaias e Abiy.

Linea di fondo

I sorrisi, le osservazioni concilianti e il carisma di Abiy ci hanno ingannato, ma i sorrisi, i martellanti e l’approvazione di Abiy di Isaias come il grande leader no. Ora sappiamo quello che abbiamo sempre sospettato – era solo per servire il suo scopo, non quello del suo paese – solo i suoi obiettivi personali. Odiava così tanto il TPLF che ha sospeso lo sviluppo del proprio paese in un secondo momento, fino a quando il TPLF se ne andrà.

Ora non c’è più. Rivolgerebbe la sua attenzione al benessere del suo paese o continuerebbe a perseguire il TPLF nelle montagne, nelle pianure e nelle città del Tigray a tutti i costi? Perché ha fatto della sconfitta del TPLF la sua ragion d’essere.

E se il TPLF fosse la rappresentazione ideologica più vicina e onesta delle aspirazioni del popolo? Cosa poi? Inoltre, cosa succederebbe se il TPLF non fosse più un’organizzazione politica che può commettere errori ed essere criticata, ma un simbolo intoccabile di autodeterminazione e persino di indipendenza? E se diventasse la causa per la quale generazioni di giovani tigrini potrebbero vendicarsi? E allora per Isaias, ma anche per Abiy? Il Tigray dovrebbe soffrire e persino scomparire?

Abiy ha passato parecchio tempo a conferire con Isaias; questo mi ricorda il tempo in cui Isaias e Meles Zenawi erano così vicini che hanno preso il nome di “nuova razza di leader africani”. Si incontravano informalmente ad Asmara, Addis Abeba, e molto spesso a Mekelle. La loro informalità è stata considerata un modo per accelerare la cooperazione basata sulla fiducia. Non doveva essere.

Lo stesso sembra accadere tra Abiy e Isaias; Abiy corre ad Asmara per discutere, persino ottenere istruzioni da Isaias, quasi certamente per imparare a rimanere al potere ad ogni costo, compresa la distruzione del proprio paese, creando scompiglio nella regione.

Le guerre tirano fuori il peggio dalle persone. Le guerre intraprese in Eritrea ebbero lo sfortunato risultato di creare un mostro di leader. Un mostro senza coscienza, senza sentimenti umani; un mostro che porta i figli degli altri, un’intera generazione di un paese, in guerra senza rimorsi.

Spero che non sarà lo stesso in Etiopia e spero vivamente che gli etiopi alla fine si sveglino e imparino dalle esperienze passate, le loro e quelle dei loro vicini.


FONTE: https://www.theafricareport.com/70115/ethiopia-is-going-down-eritreas-dark-path/

 

Lascia un commento