Salta al contenuto

Guerra in Tigray & L’ Eritrea Combatte Se Stessa

Traduzione in italiano del’ articolo pubblicato da Martin Plaut

FONTE: https://eritreahub.org/eritrea-fights-with-itself-over-the-war-in-tigray

di Mebrahtu Ateweberhan

In un precedente articolo su Ethiopia Insight ( 7 dicembre 2020 ), ho sottolineato come gli eritrei erano divisi riguardo alla guerra in Tigray. A quasi quattro mesi dall’inizio del conflitto, il caso rimane lo stesso. Gli scambi sui social media si sono intensificati e sono persino diventati difficili. Alcuni sostenitori del governo continuano a negare il coinvolgimento del loro paese. Molti altri hanno accettato questo fatto ma sono determinati a giustificarlo come un male necessario contro il TPLF, acerrimo nemico dell’Eritrea, nelle loro menti.

Interview with President Isaias Afwerki - Eritrea
Interview with President Isaias Afwerki – Eritrea

Il divario è ancora più profondo all’interno del campo dell’opposizione. Ci sono quelli che vedono il TPLF come il principale avversario. Questo gruppo accetta che Isaias Afwerki, sebbene colpevole, sia una preoccupazione secondaria rispetto al TPLF. C’è anche chi vede Isaias come la principale causa di instabilità in Eritrea e nella regione, e la sua rimozione dovrebbe venire prima di ogni altra cosa. Alcuni all’interno di questo campo vedono il TPLF come un alleato nella lotta contro Isaias e considerano la fine o l’indebolimento del primo come una grave battuta d’arresto.

Accuse di atrocità

Le notizie sul coinvolgimento delle truppe eritree in uccisioni di massa di civili e altri gravi crimini sono venute a galla a partire dai primi di dicembre . I rapporti iniziali sulle uccisioni di Axum indicavano che avvenivano nella famosa chiesa di Mariam Tsion (Sion) quando una folla di civili tentò di impedire ai soldati eritrei di rubare il leggendario Arca dell’Alleanza. Tuttavia, quella storia è stata accantonata molto rapidamente. Anche le discrepanze nelle cifre rendevano la storia discutibile. Si sostiene che le truppe eritree siano state coinvolte almeno in tre uccisioni di massa .

La reazione degli eritrei a quella del rapporto di Amnesty International è divisa. Ci sono quelli che accettano la storia e ne sono estremamente scioccati. Ci sono anche quelli che lo negano apertamente e credono che sia “inventato da simpatizzanti del TPLF e privo di prove indipendenti”. Sono stati fatti parallelismi con Mai Kadra, dove i resoconti dei rifugiati del Tigray in Sudan e il rapporto di indagine della Commissione etiope per i diritti umani (EHRC) non corrispondono. Come a Mai Kadra, dove la persona responsabile del rapporto di Amnesty International era un Amhara ed ex membro dell’EHRC, l’indagine sul massacro di Axum è stata condotta da un membro dello staff tigrino di AI. I dubbiosi delle atrocità sembrano sfruttare quella miopia dalla parte dell’IA. Queste e alcune delle esagerazioni di Digital Woyane (team di social media mobilitati dal TPLF) non hanno aiutato la causa.È fondamentale che ogni grave crimine commesso da qualsiasi parte in conflitto venga indagato in modo indipendente.

Indipendentemente dal tipo e dal livello di violenza commessa dall’esercito eritreo in questa guerra, non c’è dubbio che questo conflitto sarebbe ricordato per un tempo terribilmente lungo. Aggiungerà un altro livello alle narrazioni in corso sulla storia contestata , le questioni di nazionalità e identità, portando a un’ulteriore sfiducia e sospetto tra le due comunità fraterne.

Il costo della guerra

Mentre il mondo era in uno stato di oscurità, gli eritrei avevano già parlato del coinvolgimento del loro paese nel conflitto del Tigray. Per loro, la domanda principale era a quale scopo ea quale costo. Molti di loro hanno i loro cari nell’esercito eritreo o ricevono informazioni di prima mano sui movimenti delle truppe dai villaggi e dalle città nelle zone di confine. Erano anche consapevoli che il loro brutale leader autocratico non avrebbe perso tempo a cogliere l’opportunità di attaccare il TPLF. Aveva detto al mondo senza mezzi termini che non si sarebbe seduto a guardare con le mani giunte sugli affari etiopi .

Non ci sono più interrogativi nemmeno sulle affermazioni fatte dalla leadership del Tigray all’inizio della guerra riguardo al pesante impegno eritreo. Sebbene il supporto dei droni degli Emirati Arabi Uniti sia ritenuto fondamentale, fonti dal Tigray e dall’Eritrea indicano che le battaglie principali e decisive nelle rotte Shire-Axum-Adwa e Adigrat-Idaga Hamus (verso Mekelle) furono combattute dall’esercito eritreo . A tutt’oggi, la maggior parte del Tigray nordoccidentale continua sotto il controllo dell’esercito eritreo. Rimangono anche impantanati in pesanti battaglie nelle zone aspre e montuose di Temben. Il tempo dirà quanto sarà costosa per l’Eritrea la guerra di logoramento in queste fortezze naturali.

Alcune delle rare coperture di notizie della televisione e della radio di stato eritree forniscono alcuni indizi sulle perdite umane eritree. Dall’inizio del conflitto è stata ufficialmente annunciata la morte di oltre dieci alti ufficiali militari. Si dice che la principale causa di morte sia il Covid-19 o alcune malattie sottostanti. Tuttavia, queste cifre non sono incluse nelle statistiche ufficiali Covid-19, che si attestano a 7 morti. È lasciato all’immaginazione quanti soldati ordinari hanno perso la vita, considerando l’elevato numero di vittime di ufficiali di alto rango.

I profughi eritrei nel Tigray sono l’altra vittima del conflitto. I rapporti delle Nazioni Unite hanno indicato che 20.000 dei circa 96.000 rifugiati eritrei nel Tigray non sono stati presi in considerazione. Migliaia di persone sono state trasportate con la forza in Eritrea e potrebbero rischiare la prigione e la tortura. È stato riferito che centinaia di persone sono state uccise dalle truppe eritree o dalle milizie locali. Probabilmente, il numero di eritrei che vivevano in diverse città del Tigray era maggiore di quelli nei campi profughi. Molti di questi si sono dispersi in modo irregolare e non vengono denunciati.

Il silenzio è spesso descritto come un efficace strumento di comunicazione; è anche un potente strumento di diplomazia della leadership eritrea. Nato dalla violenta lotta per l’indipendenza e dal dover combattere contro una potenza regionale con forti alleati, l’EPLF ha imparato l’abilità della segretezza. In linea con quella tradizione, dall’Eritrea non arrivano quasi nessuna informazione sulla guerra del Tigray. A parte gli occasionali contrattacchi e le smentite contro le accuse dei governi occidentali e delle ONG internazionali, c’è poca copertura del conflitto del Tigray sui media statali. Tuttavia, la menzione di “misure correttive contro il TPLF” e che il conflitto era “tutt’altro che finito” nella recente intervista contorta di Isaias suggerisce l’ammissione al coinvolgimento. Il suo messaggio principale era un hurrà e un invito alla nazione a intensificare la sua determinazione contro le potenze straniere che accusa di destabilizzare l’intera regione. Questo deve essere un duro colpo per alcuni dei suoi fidati sostenitori. Sarebbe servito loro bene “svegliarsi e annusare il caffè”; non ci saranno riforme finché l’uomo è al potere. È incapace di vivere al di fuori del conflitto e della cospirazione. Lo creerebbe se non ci fosse.

Ciò che ha sorpreso molti in quell’intervista è la sua descrizione di Abiy Ahmed come una persona frettolosa. Così tanto da uno stretto alleato. La sua adorazione per il governo saudita suggerisce un tentativo di colmare una lacuna diplomatica lasciata dal ritiro degli Emirati Arabi Uniti, recentemente uno dei principali fattori abilitanti regionali. Potrebbe anche suggerire un adattamento a una mutevole alleanza regionale e politica globale caratterizzata da una migliore relazione tra il Sudan e gli Stati Unitie un tentativo di alleviare la crescente pressione internazionale causata dal suo disastroso coinvolgimento nel Tigray.

Sembrava placare il Sudan quando ha chiesto una risoluzione pacifica della controversia sul confine con l’Etiopia. Sembrava anche criticare sottilmente l’Etiopia per la diffusione del conflitto: “Non è necessario menzionare il coinvolgimento di terze parti”. Quella terza parte è probabilmente l’Egitto. Ciò è stato ribadito in un messaggio consegnato alla leadership sudanese, che “ha ribadito la posizione neutrale dell’Eritrea” nella disputa sul confine etio-sudanese. Un maestro di manovra quale è, non sarebbe sorprendente se Isaias vendesse Abiy Ahmed lungo il fiume.

Qualunque sia la causa della guerra, i fatti sul campo indicano che il regime di Isaias Afwerki ha un obiettivo chiaro che va oltre la rappresaglia contro la leadership di alto livello del TPLF per l’umiliazione che ha dovuto affrontare nelle sue mani nel conflitto di confine del 1998-2000. Sembra che l’obiettivo principale sia umiliare i tigrini e minare la loro determinazione per l’autodeterminazione. L’uccisione casuale di civili innocenti, la distruzione sfrenata di proprietà e monasteri, il saccheggio di proprietà pubbliche e private e l’assistenza all’Amhara per occupare una parte fertile del Tigray occidentale e meridionale sono chiaramente progettati per diminuire il Tigray.

Semmai, ci sarà solo un beneficiario di questa guerra per quanto riguarda l’Eritrea: l’élite al potere. Aiuterà solo Isaias a placare la sua vendetta personale contro il TPLF ea rimanere al potere. Per il resto dell’Eritrea potrebbero esserci solo perdite incalcolabili.

Avanti così

Gli eritrei devono rendersi conto rapidamente che questa guerra potrebbe essere più costosa della guerra di confine del 1998-2000. Non hanno bisogno di guardare altrove per apprendere che un popolo determinato che combatte una guerra per la sopravvivenza nel proprio territorio non potrebbe essere annientato facilmente. I cimiteri dei carri armati e dei veicoli blindati di Afabet e Massaua dovrebbero servire da testimonianza.

Fermare la guerra, salvare vite eritree e garantire la sicurezza dei rifugiati è la priorità principale. Ciò senza menzionare la necessità di sanare ulteriori cicatrici di guerra all’interno della società eritrea. Tale riconciliazione deve anche essere ampliata per includere le relazioni Eritrea-Tigray.

 

Lascia un commento