Salta al contenuto

Onu: “La Situazione Umanitaria Nella Regione del Tigray Continua a Peggiorare”

“Migliaia di persone non hanno ricevuto assistenza vitale per quasi quattro mesi dallo scoppio del conflitto all’inizio di novembre 2020”

Fonte: UNOCHA

La situazione umanitaria nella regione del Tigray continua a deteriorarsi, con l’intensificarsi dei combattimenti segnalati in tutta la regione, in particolare nella zona centrale.

Ethiopia - Tigray Region Humanitarian Update
Ethiopia – Tigray Region Humanitarian Update

Gli operatori umanitari sul campo hanno riferito di aver sentito spari dalle principali città, comprese Mekelle e Shire. Residenti e operatori umanitari sul campo continuano a denunciare episodi di perquisizioni domiciliari e saccheggi indiscriminati, compresi articoli per la casa, attrezzature agricole, ambulanze e veicoli da ufficio, presumibilmente da parte di vari attori armati.

È probabile che ciò abbia un grave impatto sulla sicurezza alimentare nel prossimo periodo poiché i mezzi di sussistenza delle persone vengono interrotti. Gli attori della protezione continuano a sollevare preoccupazioni per i livelli allarmanti di violenza contro i civili perpetuati da attori armati.

Violenza sessuale

Continuano a essere segnalati episodi di omicidi e violenza di genere (GBV), principalmente tra donne e bambini. Il presidente etiope Sahle-Work Zewde ha confermato che diversi sopravvissuti a violenze sessuali sono ospitati in un rifugio a Mekelle, mentre gli operatori umanitari segnalano una forte richiesta di contraccezione di emergenza e profilassi post-esposizione (kit PEP), segno che molte altre incidenze potrebbe essere sottostimato. I team mobili per la salute e la nutrizione (MHNT) in tutta la regione continuano a fornire la gestione clinica delle vittime di stupro.

Axum

Oltre alla GBV, un gruppo per i diritti umani ha documentato una serie di gravi violazioni contro i civili ad Axum commesse nel novembre 2020, inclusi bombardamenti indiscriminati ed esecuzioni di massa di civili, risultati che secondo la Commissione etiope per i diritti umani dovrebbero essere presi molto sul serio. Più recentemente, a seguito delle proteste a Mekelle il 9 e 10 febbraio, diverse persone sarebbero state uccise dalle forze di sicurezza ad Adigrat, Axum, Mekelle e Wukro, secondo gli operatori umanitari sul campo, sollevando continue preoccupazioni per la protezione dei civili.

Forniture di aiuti “estremamente impegnative”

Nonostante le grandi quantità di aiuti alimentari spediti attraverso il Tigray, non è chiaro quanti aiuti stiano raggiungendo i loro beneficiari previsti, secondo l’ultima riunione del Centro di coordinamento per le emergenze il 19 febbraio. Migliaia di persone non hanno ricevuto assistenza vitale per quasi quattro mesi dallo scoppio del conflitto all’inizio di novembre 2020. Gli operatori umanitari stanno mettendo in atto sistemi appropriati per rafforzare il targeting dei beneficiari di cibo e il monitoraggio delle distribuzioni di cibo, sebbene continui l’interruzione dell’elettricità e delle comunicazioni rendere tali sforzi estremamente impegnativi.

L’elettricità è stata interrotta in tutta la regione dal 17 al 27 febbraio e le comunicazioni telefoniche sono state interrotte dal 16 al 27 febbraio in diverse città, tra cui Axum, Adwa e Shire, dove erano state precedentemente riprese. Sebbene il 71% dei finanziamenti richiesti in precedenza sia stato ricevuto, le crescenti esigenze hanno ampiamente superato le esigenze stimate nel piano di risposta preliminare sviluppato dalla comunità umanitaria nelle prime settimane del conflitto.

Diversi cluster critici, tra cui Shelter, Health, Protection e Education, riferiscono che le risorse ricevute sono inadeguate per i bisogni disperati, anche in aree attualmente accessibili.

Data la situazione di sicurezza instabile e le opportunità di accesso in evoluzione, è fondamentale che i cluster siano sufficientemente dotati di risorse per essere in grado di fornire assistenza salvavita ogniqualvolta e ove possibile.


FONTE: https://eritreahub.org/un-the-humanitarian-situation-in-tigray-region-continues-to-deteriorate

Lascia un commento