Salta al contenuto

Campagna di Pulizia Etnica in Tigray – “Hanno Iniziato A Bruciare Le Case”

Le testimonianze dei sopravvissuti e le immagini satellitari nella regione del Tigray in Etiopia forniscono prove della distruzione ad ampio raggio da parte dei soldati eritrei.

“Hanno dato fuoco ai nostri raccolti, poi hanno iniziato a bruciare le case”, ha detto Gebru Habtom, un contadino sulla quarantina del villaggio di Debre Harmaz in Etiopia. “Poi hanno detto che mi avrebbero bruciato la prossima volta, quindi sono fuggito per salvarmi.”

Gebru, il cui nome è stato cambiato per proteggerlo dalle rappresaglie, è nato e cresciuto nel villaggio di Debre Harmaz nel Tigray centrale, a circa cinque miglia dal confine dell’Etiopia con l’Eritrea. Come migliaia di altri, è stato sfollato a causa della guerra civile durata mesi in Etiopia.

Tigray - rapporto sulla pulizia etnica Etiopia

Gebru si è collegato a VICE World News da una località segreta lungo il confine etiope-sudanese e ha detto che non c’erano segni di guerra e nemmeno di combattenti della resistenza presenti quando, il 10 gennaio, i soldati eritrei sono arrivati ​​nel suo villaggio e si sono scatenati su una furia omicida, saccheggiando e incendiando le case. “Hanno sparato a tutti, hanno persino ucciso i sacerdoti che si nascondevano nella chiesa”, ha detto. Gebru ha anche detto di aver sentito parlare di villaggi vicini che hanno subito una distruzione simile che non è stata denunciata.

“Hanno sparato a tutti, hanno persino ucciso i sacerdoti che si nascondevano nella chiesa”.

Nell’ultimo mese, VICE World News ha documentato testimonianze strazianti di nove sfollati del Tigray che hanno ricordato il massacro sfrenato, la distruzione di raccolti e mezzi di sussistenza e decine di migliaia di persone in fuga dalle aree della regione del Tigray in Etiopia sotto il controllo militare eritreo. La loro testimonianza è stata ampiamente confermata dall’analisi delle immagini satellitari dell’organizzazione di ricerca DX Open Network con sede nel Regno Unito, e il loro racconto e l’analisi delle immagini suggeriscono entrambi che i soldati eritrei coinvolti nella guerra dell’Etiopia nel Tigray sono comunità di pulizia etnica vicino al confine etiopico-eritreo.

Sebbene diverse città della zona siano state precedentemente distrutte, VICE World News ha scoperto che, almeno, altri quattro villaggi nel Tigray sono stati probabilmente rasi al suolo e i loro abitanti uccisi.

Mappa Tigray villaggi e case bruciate satellite

Isoldati eritrei sono entrati per la prima volta nella guerra civile in Etiopia per combattere a fianco dell’esercito etiope contro le forze del Fronte di liberazione popolare del Tigray, noto come TPLF, o il partito al governo nella regione. A novembre, i soldati dei due paesi sono riusciti a respingere insieme le forze del Tigray dalla capitale regionale, Mekelle, e sono stati accusati da organizzazioni internazionali come Amnesty International e Human Rights Watch di brutali crimini di guerra e bombardamenti indiscriminati che hanno preso di mira i civili e si ritiene che hanno lasciato migliaia di morti.

I residenti affermano che sebbene il primo ministro etiope Abiy Ahmed abbia dichiarato la vittoria e la fine delle operazioni di combattimento, le unità militari eritree hanno continuato ad attaccare aree civili, s

accheggiando e uccidendo prima di incendiare le proprietà per rendere inabitabili intere aree.

Ora, l’Etiopia afferma che sta conducendo operazioni di pulizia in parti del Tigray rurale. Le immagini satellitari dal confine eritreo del Tigray centrale, tuttavia, indicano qualcosa di molto più nefasto.

Come Deb

re Harmaz, anche la remota comunità agricola di Adi Mendi, situata a tre miglia dal confine con l’Etiopia, sembra essere stata distrutta. Secondo l’analisi del DX Open Network, le immagini satellitari hanno rivelato che il 19 gennaio, circa 478 strutture, per lo più case tukul fatte di paglia compressa, erba e fango, sono state date alle fiamme. Le case Tukul sono comuni nelle comunità agricole in tutta l’Etiopia.

“Molti di loro sono stati bruciati vivi nelle loro case”.

“L’assenza di bruciature tra le strutture annerite suggerisce un incendio intenzionale, non il risultato di un incendio”, ha detto il DX Open Network delle immagini in una dichiarazione a VICE World News. “È probabile che gli autori siano passati da una struttura all’altra per iniziare il rado al suolo. E inoltre, non c’erano indicatori apparenti di obiettivi militarmente validi “.

“Molti di loro sono stati bruciati vivi nelle loro case”, ha detto Adamu Gidey, che proviene dalla vicina città di Rama e conosce bene le zone di confine. “Ho incontrato dei sopravvissuti, che mi hanno detto che l’Adi Mendi ora è una città fantasma. Gli agricoltori sono stati costretti dai soldati eritrei a macellare le loro mucche e preparare il cibo per i soldati. In seguito hanno cosparso di benzina le case di questi stessi contadini. Adi Mendi non esiste più “.

Le immagini satellitari delle conseguenze visibili bruciate indicano che forse migliaia di persone sono rimaste senza casa o molto peggio.

Mappa Tigray villaggi e case bruciate satellite 2

“Gli abitanti di Adi Mendi erano agricoltori che andavano una volta al mese a fare trekking di ore nelle zone vicine per vendere i loro prodotti, poiché non ci sono strade asfaltate per i veicoli”, ha detto Gidey, il cui nome è stato cambiato per proteggere la sua sicurezza. “Non meritavano questa crudeltà.”

L’analisi del DX Open Network ha anche confermato che nelle ultime settimane il razing ha iniziato ad espandersi oltre il Tigray centrale. Il villaggio di Ademeyti, situato appena a sud della città a lungo contesa di Badme, e punto di infiammabilità della guerra di confine etiope-eritrea del 1998-2000, è stato saccheggiato in modo simile, con le case date alle fiamme solo il 16 febbraio. DX Open Network ha condiviso immagini satellitari delle rovine di Ademeyti con VICE World News.

Mentre gran parte della guerra è stata combattuta in un blackout delle comunicazioni, poiché i servizi telefonici e Internet sono stati separati dall’intera area e gli operatori umanitari e i giornalisti non sono stati ammessi nella regione, più rapporti della scorsa settimana hanno fatto eco a risultati simili di pulizia etnica e distruzione indiscriminata. . Ieri, il New York Times ha pubblicato parti di un rapporto del governo degli Stati Uniti che affermava che la pulizia etnica era dilagante nel nord del Tigray. Secondo il rapporto, “interi villaggi sono stati gravemente danneggiati o completamente cancellati”.

Secondo un rapporto di Amnesty International pubblicato anche venerdì, i soldati eritrei hanno ucciso centinaia di civili nella città tigrayana di Axum dal 28 al 29 novembre in una delle peggiori atrocità della guerra. Andando di porta in porta nelle aree residenziali della città, i soldati hanno individuato i maschi in età da combattimento e li hanno assassinati nelle loro case, afferma il rapporto.

Anche i soldati etiopi sono accusati di coinvolgimento in uccisioni di massa e si ritiene che abbiano avuto un ruolo nella radiazione sistemica di due campi profughi gestiti dall’UNHCR.

Per mesi, l’Etiopia e l’Eritrea avevano negato che i soldati eritrei fossero coinvolti nella guerra civile in Etiopia. Ma i filmati caricati su Internet e rapporti credibili sul loro coinvolgimento in atrocità hanno portato i funzionari statunitensi a chiedere all’Eritrea di ritirare le sue forze. I rifugiati hanno detto a VICE World News di ritenere che il controllo territoriale dell’Eritrea in Etiopia si estendesse probabilmente oltre il distretto di Maekelay, nel Tigray. L’ONU ha fatto eco a queste preoccupazioni; Il coordinatore capo degli sforzi umanitari Mark Lowcock ha recentemente affermato di credere che le truppe etiopi controllassero solo tra il 60% e l’80% del Tigray e che i soldati eritrei che operano nell’area controllino gran parte delle aree rimanenti, perseguendo i propri obiettivi indipendentemente dal comando etiope.

“Non stanno solo attraversando il confine, hanno il controllo dell’intera area”.

A febbraio, in un panel organizzato dall’agenzia di stampa tedesca Deutsche Welle , la portavoce del ministero degli Esteri dell’Etiopia Dina Mufti ha ammesso che i soldati eritrei “avrebbero potuto attraversare aree di confine porose per contenere l’illegalità”.

Ma i rifugiati dalle stesse zone di confine lo smentiscono. “Non stanno solo attraversando il confine, hanno il controllo dell’intera area”, dice Girmay, che ha chiesto di essere indicato solo con il suo nome per proteggere la sua sicurezza.

Girmay è fuggito dalla fattoria della sua famiglia situata in un villaggio nelle zone di confine del distretto di Maekelay dopo aver saputo che i soldati eritrei stavano avanzando verso di essa. “Da quando è iniziata la guerra, non abbiamo visto un solo soldato etiope. Solo eritrei “, ha detto a VICE World News. “Occupano le zone rurali”.

Secondo Girmay e altri quattro fuggiti dalla regione, la portata della rete del provider di telecomunicazioni statale eritreo Eri Tel è stata estesa a Maekelay, il che significa che a differenza degli abitanti di altre parti del Tigray, lasciati all’oscuro dall’arresto delle comunicazioni del governo il distretto di Maekelay ha potuto mantenere il proprio servizio telefonico, utilizzando sim card eritree. I soldati eritrei hanno iniziato a venderli, hanno detto, dopo aver realizzato la forte domanda.

“È come se non fossimo più parte dell’Etiopia”, ha spiegato. “Persone che ti chiamano con numeri che hanno il +291 invece del prefisso +251, soldati eritrei che controllano l’area. Ma almeno usando i numeri eritrei, possiamo avvisare i nostri amici quando c’è pericolo “.

L’improvvisa espansione della rete cellulare dell’Eritrea in parti dei punti dell’Etiopia occupati dall’Eritrea è preoccupante, ha detto Girmay. Ma credeva anche che aiutasse a salvare vite umane, compresa la sua.

Girmay dice che il piccolo e montuoso villaggio etiope di Adi Fitaw, situato a due miglia dal confine eritreo, è stato attaccato due volte da gruppi di raid eritrei; prima a metà dicembre e poi l’11 gennaio. Ha detto a VICE World News di essere fuggito da casa sua, situata in un villaggio vicino, dopo essere stato avvertito per telefono del secondo attacco.

Dopo che VICE World News ha chiesto ai ricercatori di DX Open Network in merito a questo presunto attacco ad Adi Fitaw, i ricercatori dell’organizzazione hanno ottenuto immagini satellitari dalla città che hanno analizzato e hanno scoperto che circa una dozzina di case nel villaggio sono state distrutte da attacchi basati sul fuoco avvenuti prima al 5 gennaio.

“Come i molti attacchi simili nelle comunità rurali, non ci sono indicatori apparenti di obiettivi militarmente validi ad Adi Fitaw e ci sono chiari indicatori del deliberato incendio di case lì”, ha detto DX Open Network.

Betre Gebreselassie proviene da May Wedenberai, un altro villaggio vicino ad Adi Fitaw, e attualmente vive a Melbourne, in Australia. “Da quando la ricezione telefonica eritrea ha iniziato a funzionare, ho saputo che i soldati eritrei hanno bruciato la casa di mia zia”, ​​ha detto a VICE World News. “Mia zia e i suoi vicini sono stati fortunati a scappare vivi. Hanno passato settimane a dormire sotto gli alberi quasi senza cibo “.

“Come i molti attacchi simili nelle comunità rurali, non ci sono indicatori apparenti di obiettivi militarmente validi ad Adi Fitaw e ci sono chiari indicatori del deliberato incendio di case lì”.

La sua famiglia, ha detto, ha anche raccontato di altre storie simili nella regione. “Conosco una famiglia di genitori e due bambini che sono stati bruciati vivi nella loro casa”, ha aggiunto Gebreselassie. “Entrano in una casa, prendono quello che vogliono e poi lo bruciano. Stanno usando i cammelli per portare via i beni rubati “.

Betre e Girmay hanno entrambi affermato che l’estensione dell’infrastruttura distrutta e delle morti del distretto di Maekelay è sconosciuta, ma hanno condiviso i nomi di almeno una dozzina di villaggi separati che, dicono, siano stati rasi al suolo dall’esercito eritreo in un modo simile a quanto accaduto a Adi Mendi.

“I villaggi di Adi Mengedi, Adi Berbere e Haftom sono stati tutti attaccati. Abbiamo anche appreso di almeno 25 morti il ​​1 ° gennaio a Bihiza “, ha detto Girmay. “Hanno bruciato le case e hanno preso tutto il bestiame, i cammelli e il cibo come bottino”.

Né l’addetto stampa del primo ministro etiope, Billene Seyoum, né il ministro dell’informazione eritreo Yemane Gebremeskel hanno risposto alle e-mail inviate da VICE World News in cerca di commenti sui risultati. Entrambi i governi in genere respingono tali accuse, con Yemane Gebremeskel che solo ieri ha etichettato il rapporto di Amnesty International in cui si afferma che il coinvolgimento militare eritreo nel massacro di Axum è ” fallace ” . ”

La maggior parte dei sopravvissuti raggiunti da VICE World News soffre di traumi e shock e non sa se avranno una casa in cui tornare una volta che la guerra sarà finita.

“Penso che vogliano ucciderci tutti”, ha detto Samuel, il cui nome è stato cambiato e che dice di aver visto i soldati sparare a morte i suoi genitori, tre dei suoi vicini e un bambino. “Non credo che sarebbe sicuro tornare, anche se le cose diventassero pacifiche. Vorrebbero finire quello che hanno iniziato. ”

“Penso che vogliano ucciderci tutti.”

La situazione sembra sempre più cupa. I governi etiope ed eritreo rifiutano di riconoscere gli abusi da parte delle loro forze e le misure preventive non sembrano imminenti. Anche la pressione internazionale è limitata: mentre altri governi hanno rilasciato dichiarazioni che condannano gli attacchi nelle vicinanze, ben poco è cambiato.

Hirut Zeray, uno degli oltre 50.000 etiopi fuggiti in Sudan, ha accettato. “Il Sudan è il mio paese adesso”, ha detto a VICE World News. “Sono al sicuro qui e le persone ci stanno aiutando con quel poco che hanno. Ma in Etiopia siamo trattati peggio degli animali “.

FONTE: https://www.vice.com/en/article/n7vgex/they-started-burning-the-homes-ethiopians-say-their-towns-are-being-razed-in-ethnic-cleansing-campaign

 

 

Lascia un commento