Salta al contenuto

Rapporto – Situazione Eritrea Etiopia Tigray – No.92 – 25 febbraio 2021

Il programma europeo esterno con l’Africa è un centro di competenze con sede in Belgio con conoscenze, pubblicazioni e reti approfondite, specializzato in questioni di costruzione della pace, protezione dei rifugiati e resilienza nel Corno d’Africa. L’EEPA ha pubblicato ampiamente su questioni relative al movimento e / o al traffico di esseri umani di rifugiati nel Corno d’Africa e sulla rotta del Mediterraneo centrale. Collabora con un’ampia rete di università, organizzazioni di ricerca, società civile ed esperti provenienti da Etiopia, Eritrea, Kenya, Gibuti, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Uganda e in tutta l’Africa. I rapporti sulla situazione possono essere trovati qui.

Situazione di guerra segnalata nel Tigray (come confermato il 24 febbraio)

– Secondo un testimone, il monastero di Debre Damo è stato bombardato dai soldati eritrei l’11 gennaio 2021. I soldati hanno sparato con l’artiglieria pesante da Sero, Bazet e una strada di intersezione verso la città di Feresmay.

– “La parte superiore del monastero è stata colpita da più di 18 artiglieri e in totale 28 artiglieri sono sbarcati nel monastero” dice il testimone oculare. Il bombardamento è durato dalle 7:00 alle 16:00.

– Il testimone afferma che più di 100 artiglieria pesante sono atterrati ai piedi del monastero senza vittime. “Durante i bombardamenti, tutti i monaci erano all’interno della chiesa. I monaci erano in un programma di preghiere programmato settimanalmente dal 9 gennaio 2021 al 15 gennaio 2021 “, ha aggiunto il testimone.

– Il testimone dice che non ci sono stati danni immediati alla chiesa di Abuna Aregawi, ma 26 case di accoglienza di monaci sono state completamente distrutte e bruciate. “Lamiere metalliche e parti in legno” delle case furono rase al suolo dalle fiamme.

– Case storiche e del patrimonio costruite da Aste. Yohannes IV, Ras Alula, Ras Seyoum ed Enda Raesi furono tra quelli completamente distrutti e bruciati. “Queste case erano anche patrimonio del monastero”, dice il testimone.

– Secondo il rapporto del testimone oculare, ci sono 150 case costruite da Aste. Yohannes IV da utilizzare come rifugio per i monaci.

– Il testimone racconta che un monaco, di 67 anni, è stato ucciso dal bombardamento mentre pregava all’interno della sua casa: “Il suo corpo è stato disperso in tutta la zona ed è stato molto difficile raccogliere le parti del corpo per la sepoltura”.

– Il rapporto afferma che il 12 gennaio 2021, i soldati eritrei si sono avvicinati al monastero e hanno detto che volevano ispezionare il monastero. “Hanno sparato tre proiettili al cielo per spaventarci (i monaci) e hanno fatto accettare la loro richiesta perché la spessa corda di cuoio usata per arrampicarsi era già stata tirata su” dice il testimone.

– Secondo il testimone, quando i monaci chiesero ai soldati eritrei perché avessero bombardato il monastero; i soldati hanno detto di essere stati informati che Debrestion ei suoi soldati erano nascosti nel monastero ed è per questo che abbiamo bombardato il monastero per l’intera giornata.

– Il testimone dice che 6 soldati eritrei sono tornati il ​​14 gennaio 2021 e hanno chiesto di perquisire tutto nel monastero: “Tutte le case dei monaci sono state perquisite una ad una tranne la chiesa e quando sapevano che non c’era niente all’interno, i soldati si sono pentiti della loro azione “Dice il testimone.

– “Quando abbiamo raccontato loro della morte di uno dei nostri monaci a causa dei bombardamenti, i soldati hanno detto che sei fortunato perché hai perso solo una persona; 8 (7 cristiani e 1 muslium) dei nostri soldati sono stati uccisi da un serpente ”dice il testimone.

– Il testimone afferma che 30 soldati eritrei sono arrivati ​​con un’auto e hanno saccheggiato cereali, televisione, generatori e altri beni degli agricoltori della comunità circostante. Successivamente l’auto si è ribaltata durante il viaggio verso un luogo chiamato Gidera e 28 di loro sono morti e solo 2 sono sopravvissuti.

– Secondo il testimone, i soldati eritrei operano ancora nell’area circostante il monastero e talvolta arrivano ai piedi del monastero ma non salgono mai più.

– Il governo etiope ha affermato che autorizza 135 organizzazioni internazionali ad accedere al Tigray. Questo include 7 organizzazioni di media: AFP News Agency; Notizie della BBC; Aljazeera Media Institute; FRANCIA 24 inglese; Reuters; Il New York Times e il Financial Times.

– La Fondazione Tutu del Sudafrica si unisce all’Unione Europea, agli Stati Uniti e a diverse organizzazioni umanitarie nel chiedere il ritiro delle truppe straniere dal Tigray.

– “Chiediamo il ritiro delle truppe straniere dalla regione del Tigray in Etiopia, l’accesso senza ostacoli per le organizzazioni umanitarie e un’indagine sulle accuse di crimini di guerra da parte di un’agenzia internazionale appropriata come le Nazioni Unite”, afferma Kotecha, CEO della Fondazione.

– I rapporti del governo etiope hanno deciso di trasferire a Shire più di 6.000 sfollati interni che erano stati accolti nell’università di Axum senza alcuna preparazione preliminare.

– L’Ethiopian Electric Power ha detto che la fornitura di elettricità è stata ripristinata oggi in alcune parti del Tigray, inclusa Mekelle, dopo che è stata interrotta per più di una settimana.

– Secondo le fonti, oggi sono ripresi i voli da Addis Abeba a Mekelle.

– Gli operatori umanitari olandesi a Mekelle hanno detto che la gente chiede loro di “dire al mondo cosa sta succedendo (nel Tigray)”.

– Gli operatori umanitari hanno visitato i villaggi dove hanno avuto luogo i massacri e hanno parlato con i sopravvissuti. Uno dei massacri, che ha ucciso 70 persone, è stato perpetrato da soldati che hanno perso una battaglia nella zona. Dicono anche che i soldati eritrei sono stati particolarmente brutali durante il conflitto.

– Hanno anche detto che la situazione a Mekelle, sebbene più pacifica rispetto al resto del Tigray, è tesa. Ci sono soldati ovunque e alle persone viene regolarmente detto di rimanere dentro. Uno ha anche detto che diverse persone sono state uccise dopo che l’esercito è intervenuto per abbattere le barricate.

– Dicono anche di essere stati individuati come occidentali perché non vogliono giornalisti nella zona.

– In un webinar con le ONG, l’inviato dell’UE presso il Corno e il ministro degli esteri finlandese, Haavisto, ha affermato che c’erano 4 fazioni al controllo di diverse parti del Tigray. L’ENDF federale, gli eritrei principalmente nel nord, le milizie Amhara e le forze del Tigray.

– L’aiuto umanitario è consentito alle aree controllate dalla Confederazione, ma è difficile fornirlo ad altre aree.

– Ha anche detto che il futuro del Tigray è problematico. Attualmente non c’è fiducia tra i Tigrini e il governo e poche possibilità di dialogo.

– Ha detto che l’UE ha chiaramente comunicato l’importanza di 3 punti: accesso illimitato al Tigray, un aumento immediato degli aiuti umanitari e che le truppe eritree lasciano il Tigray.

– Haavisto ha anche detto di aver comunicato la questione di un corridoio per gli aiuti umanitari ai funzionari eritrei, attraverso l’uso dei porti di Assab e Massawa, e la necessità che tutti i paesi aiutino.

Situazione nella regione del Corno (confermata il 24 febbraio)

– L’ENDF ha affermato che i 15 soldati dell’ENDF di stanza in Sud Sudan, che hanno cercato rifugio presso le Nazioni Unite dopo essersi rifiutati di salire a bordo di un aereo per tornare ad Addis Abeba, sono “traditori sostenuti dall’UNHCR e dai Tigray nell’ONU”. Li ha inoltre accusati di essere rappresentanti del TPLF.

– Il sottosegretario delle Nazioni Unite per le missioni di mantenimento della pace, ha affermato che tutte le forze di pace prestano servizio sotto l’ONU e sono protette da “leggi e norme internazionali pertinenti”. Ha aggiunto che il ministero dei rifugiati per il Sud Sudan sta fornendo supporto.

Situazione internazionale segnalata (come confermato il 24 febbraio)

– Il ministro del governo britannico per l’Africa, James Duddridge, ha insistito presso l’ambasciata etiope nel Regno Unito per un’azione urgente per consentire il pieno accesso umanitario al Tigray. Ha anche esposto le preoccupazioni del Regno Unito sulla continua impunità. I diritti umani devono essere difesi e gli abusi e le violazioni devono essere indagati.

NOTA: Dichiarazione di non responsabilità: tutte le informazioni in questo rapporto sulla situazione sono presentate come un rapporto di aggiornamento fluido, in base alla migliore conoscenza e comprensione degli autori al momento della pubblicazione. L’EEPA non afferma che le informazioni siano corrette, ma la verifica al meglio delle proprie capacità nelle circostanze. La pubblicazione viene soppesata sulla base dell’interesse per comprendere i potenziali impatti degli eventi (o le percezioni di questi) sulla situazione. Controlla tutte le informazioni rispetto ad aggiornamenti e altri media. L’EEPA non si assume la responsabilità per l’uso delle informazioni o il loro impatto. Tutte le informazioni riportate provengono da terze parti e il contenuto di tutte le informazioni riportate e collegate rimane di esclusiva responsabilità di queste terze parti. Segnalare a info@eepa.be ogni ulteriore informazione e correzione.

FONTE: https://martinplaut.com/2021/02/25/situation-report-eepa-horn-no-92-25-february-2021/

Lascia un commento