Salta al contenuto

L’ Autorità Radiotelevisiva Esorta I Giornalisti Internazionali in Tigray A Rispettare La Legge

Addis Abeba, 25 febbraio 2021 (FBC) – L’Ethiopian Broadcasting Authority (EBA) ha sollecitato i media internazionali a cui è stato concesso l’accesso allo stato regionale del Tigray per riferire in modo accurato e veritiero oltre che professionale.

Ethiopian Broadcasting Authority (EBA)

L’autorità ha osservato che i media internazionali dovrebbero essere governati dalla proclamazione radiotelevisiva del paese, dalla costituzione, dalle leggi penali e da altre disposizioni umanitarie.

A meno che non si attengano a queste, l’autorità prenderà misure correttive per garantire la pace, la sovranità e la sicurezza del paese, ha aggiunto.

Il governo dell’Etiopia ha concesso a sette agenzie mediatiche internazionali, ovvero AFP, Al Jazeera, New York Times, France 24, Reuters, BBC e Financial Times, di segnalare la situazione nel Tigray, dove è avvenuta l’operazione di polizia contro la cricca del TPLF.

In un’intervista esclusiva con ENA oggi, il vicedirettore generale dell’ABE Wondwosen Andualem ha affermato che i media internazionali non sono stati in grado di coprire la situazione nel Tigray a causa di interruzioni del trasporto via terra e mare.

“È noto che il motivo principale per cui i media non sono intervenuti è stato perché il trasporto terrestre e marittimo è stato sospeso a causa dell’operazione delle forze dell’ordine. Ovviamente abbiamo accettato le richieste dei media, ma non c’era modo per loro di entrare nella regione e riferire da lì “, ha spiegato.

Tuttavia, il vicedirettore generale ha detto che alcuni media internazionali stavano fabbricando false notizie e sostenendo di non poter ottenere informazioni dalla regione.

Secondo lui, i media stranieri ei corrispondenti riflettevano chiaramente il loro pregiudizio politico e il conflitto di interessi durante l’operazione di polizia in passato.

“Quello che il nostro monitoraggio dei media ha mostrato è che invece di riferire sugli sforzi compiuti da coloro che cercano sostegno nel Tigray, stavano facendo rapporti divisivi, falsi, esagerati e pieni di conflitti. Quei rapporti si discostavano estremamente dalla Proclamazione sulla radiodiffusione del paese, dalla Costituzione, dalla Legge sui diritti umani e dalla professione di giornalista “, ha sottolineato Wondwosen.

Poiché le circostanze ora lo consentono e il trasporto marittimo e terrestre è iniziato, ai professionisti dei media è stato concesso di entrare e fare reportage poiché non c’è nulla che possa mettere in pericolo la vita dei giornalisti, ha affermato.

Tuttavia, il vicedirettore generale ha avvertito che “i media autorizzati a recarsi nel Tigray al primo turno devono lavorare in modo professionale e rispettare la proclamazione radiotelevisiva del paese, la costituzione e altre disposizioni umanitarie”.

In caso contrario, l’autorità sarà costretta a prendere misure correttive, ha sottolineato.

FONTE: https://www.fanabc.com/english/broadcasting-authority-urges-intl-journalists-in-tigray-to-respect-law/

 

 

Lascia un commento