Salta al contenuto

Dichiarazione del Relatore Speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani dell’Eritrea

Dichiarazione del Relatore speciale sulla situazione dei diritti umani in Eritrea,
Mohamed Abdelsalam Babiker

46a sessione del Consiglio dei diritti umani

Aggiornamento sull’Eritrea

24 febbraio 2021

Stimato Presidente, Eccellenze, Signore e Signori,

È un onore presentare il mio primo aggiornamento orale al Consiglio da quando ha assunto il ruolo di Relatore speciale lo scorso novembre 2020. Nel mio aggiornamento di oggi, mi concentrerò su (a) i diritti umani dei rifugiati e dei richiedenti asilo eritrei nel contesto della crisi del Tigray in corso in Etiopia, che ha aggiunto una nuova complicata dinamica nel monitoraggio dei diritti umani del popolo eritreo, e (b) i progressi compiuti rispetto ai parametri di riferimento indicati nei rapporti del mio predecessore.

Da quando ho iniziato il mio mandato il 1 ° novembre 2020, sto monitorando il conflitto in corso nel Tigray in Etiopia, scoppiato il 4 novembre 2020, e il suo impatto sui rifugiati eritrei e sui richiedenti asilo.

C’erano oltre 96.000 rifugiati eritrei nel Tigray prima della crisi, che vivevano in gran parte in quattro campi profughi, tra cui Hitsats, Mai-Aini, Adi Harush e Shemelba. Ho ricevuto informazioni da fonti credibili che, a partire da novembre 2020, la situazione di questi rifugiati e richiedenti asilo è diventata più precaria e preoccupante.

Ho anche ricevuto testimonianze di prima mano di accuse di gravi violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario, comprese esecuzioni extragiudiziali, rapimenti mirati e rimpatrio forzato di rifugiati eritrei e richiedenti asilo in Eritrea, presumibilmente da parte delle forze eritree. Sono particolarmente preoccupato per i due campi profughi, che hanno ospitato oltre 25.000 rifugiati eritrei nella regione del Tigray, Hitsats e Shemelba, e che sarebbero stati distrutti negli attacchi effettuati dalle truppe eritree ed etiopi tra novembre 2020 e gennaio 2021, nonostante il loro status umanitario protetto ai sensi della Convenzione del 1951 sulla protezione dei rifugiati.

Sono anche preoccupato per le accuse di possibile coinvolgimento delle truppe eritree in casi di gravi violazioni dei diritti umani, inclusi atti di rapimenti, rimpatrio forzato o involontario di rifugiati eritrei e richiedenti asilo e la loro detenzione in diverse carceri in Eritrea. Tali accuse devono essere esaminate tempestivamente e accuratamente da meccanismi indipendenti. Il 28 gennaio 2021, nella mia lettera al governo dell’Etiopia, ho chiesto alle autorità etiopi di proteggere i diritti umani dei rifugiati e dei richiedenti asilo eritrei nella regione del Tigray, e di garantire il rispetto dei loro diritti ai sensi del diritto dei diritti umani, umanitario internazionale diritto e diritto internazionale dei rifugiati. In questo aggiornamento orale, chiedo alle autorità eritree di darmi pieno accesso ai rifugiati e ai richiedenti asilo presumibilmente detenuti in varie prigioni all’interno dell’Eritrea.

Passando alla questione della situazione dei diritti umani in Eritrea, dall’ottobre 2020 non ho visto prove concrete di progressi o miglioramenti effettivi nella situazione dei diritti umani nel Paese. L’Eritrea non ha ancora messo in atto un quadro istituzionale e legale per sostenere gli standard minimi dei diritti umani in una società democratica. Il paese non ha lo stato di diritto, una costituzione e una magistratura indipendente per far rispettare la protezione e il rispetto dei diritti umani. L’Eritrea continua a non avere un’assemblea nazionale per l’adozione di leggi, comprese quelle che regolano i diritti fondamentali e il diritto del popolo eritreo di partecipare liberamente alla vita pubblica del proprio paese.

Sulle libertà religiose, accolgo con favore la liberazione di un folto gruppo di cristiani. I rapporti indicano che, nelle ultime settimane, l’Eritrea ha rilasciato 70 cristiani incarcerati di evangelici e ortodossi che erano detenuti in tre carceri. Sessantaquattro cristiani non avevano accuse e alcuni di loro furono incarcerati per adorazione in pubblico. Il 27 gennaio 2021, sono state rilasciate anche sei prigioniere detenute per adorazione in pubblico nel settembre 2020 a Dekemhare, a sud-est di Asmara. Il 1 ° febbraio 2021, 21 prigionieri donne e 43 uomini sono stati rilasciati dalle prigioni di Mai Serwa e Adi Abeito vicino ad Asmara. I prigionieri erano stati trattenuti da due a 12 anni.

Accolgo inoltre con favore il rilascio, il 4 dicembre 2020, di 24 testimoni di Geova, inclusi i tre obiettori di coscienza, Paulos Eyasu, Isaac Mogos e Negede Teklemariam, detenuti da 26 anni, i cui casi sono stati evidenziati dall’ex relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Eritrea nella sua dichiarazione durante la presentazione del suo rapporto al Consiglio dei diritti umani nel giugno 2020 e il suo dialogo interattivo con l’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 26 ottobre 2020.

Mentre accolgo con favore il rilascio da parte delle autorità dei cristiani e dei testimoni di Geova, devo notare che l’Eritrea continua a imporre restrizioni alle libertà religiose. Esorto le autorità eritree a rilasciare immediatamente e incondizionatamente tutti coloro che rimangono in prigione a causa della loro fede o credo.

Passando alla questione dei prigionieri politici e dei prigionieri di coscienza, non ci sono stati progressi. La situazione dei detenuti e dei prigionieri politici è particolarmente preoccupante. È inoltre inaccettabile che l’Eritrea detenga arbitrariamente oppositori politici in prigioni segrete senza accusa o processo in violazione degli standard dei diritti umani. Ad esempio, dall’ultimo rapporto del mio predecessore, alcuni prigionieri come Dawit Isaak, un giornalista svedese-eritreo, e dieci dei suoi colleghi rimangono per due decenni in detenzione in incommunicado. Questi sono altri esempi di numerosi casi di individui che attualmente stanno languendo nelle carceri eritree, senza alcuna prospettiva di rilascio. È difficile parlare di progressi in Eritrea mentre i loro casi rimangono irrisolti.La pratica delle detenzioni arbitrarie e in incommunicado in Eritrea ha gravi ripercussioni sulla vita di molti eritrei. Nel contesto del COVID-19, chiedo alle autorità eritree di rilasciare le persone particolarmente vulnerabili, compresi i detenuti più anziani e coloro che sono malati.

Sono anche preoccupato per l’imapatto del servizio nazionale sul diritto all’istruzione degli studenti eritrei. I requisiti del servizio nazionale obbligano tutti gli studenti delle scuole secondarie del paese a completare l’ultimo anno presso la Warsai Yekalo Secondary School, situata nel campo militare di Sawa, e ad intraprendere un addestramento militare obbligatorio per circa cinque mesi di quell’anno. Mi preoccupa il fatto che le condizioni nel campo abbiano un impatto sul diritto all’istruzione. È stato riferito che circa il 60-65% degli studenti di Sawa non ottiene i risultati necessari per ulteriori studi e viene arruolato direttamente nel servizio militare o inviato a programmi di formazione professionale. Si sostiene inoltre che i funzionari militari di Sawa sottopongano gli studenti a maltrattamenti e dure punizioni, comprese punizioni corporali,e gli studenti intraprendono il lavoro forzato. Chiedo alle autorità eritree di porre fine a tali trattamenti e di rispettare i loro obblighi internazionali in materia di diritti umani.

Infine, dopo la mia nomina, non ho ancora avuto l’opportunità di incontrare funzionari eritrei. Il 18 dicembre 2020, ho richiesto un invito a intraprendere una visita ufficiale in Eritrea in qualità di Relatore speciale sulla situazione dei diritti umani in Eritrea. Ho proposto di visitare l’Eritrea dal 21 al 31 gennaio 2021 per tenere consultazioni con funzionari competenti del governo e una serie di attori al fine di valutare la situazione dei diritti umani sul campo e di esplorare insieme strade future per un impegno costruttivo per il per la tutela e la promozione dei diritti umani nel paese. Non ho ancora ricevuto risposta dalle autorità eritree. Rimango disposto a impegnarmi in modo costruttivo con il governo dell’Eritrea su questioni urgenti in materia di diritti umani.Spero che le autorità eritree collaboreranno con il mio mandato e sto ancora aspettando la loro risposta.

Grazie.

FONTE: https://www.ohchr.org/EN/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=26795&LangID=E

 

Lascia un commento