Salta al contenuto

Rapporto – Situazione Eritrea Etiopia Tigray – No.91 – 24 febbraio 2021

Last updated on 25 Febbraio 2021

Il programma europeo esterno con l’Africa è un centro di competenze con sede in Belgio con conoscenze, pubblicazioni e reti approfondite, specializzato in questioni di costruzione della pace, protezione dei rifugiati e resilienza nel Corno d’Africa. L’EEPA ha pubblicato ampiamente su questioni relative al movimento e / o al traffico di esseri umani di rifugiati nel Corno d’Africa e sulla rotta del Mediterraneo centrale. Collabora con un’ampia rete di università, organizzazioni di ricerca, società civile ed esperti provenienti da Etiopia, Eritrea, Kenya, Gibuti, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Uganda e in tutta l’Africa. I rapporti sulla situazione possono essere trovati qui .

Situazione di guerra segnalata nel Tigray (come confermato il 23 febbraio)

I rifugiati eritrei socializzano all'interno di una casa nel campo profughi di Mai Aini, in Etiopia, il 30 gennaio 2021.
I rifugiati eritrei socializzano all’interno di una casa nel campo profughi di Mai Aini, in Etiopia, il 30 gennaio 2021. – I rifugiati eritrei in Etiopia temono che le loro sofferenze non siano finite, poiché il primo ministro Abiy Ahmed si sforza di porre fine a un brutale conflitto nella regione settentrionale di Tigray che li ha resi particolarmente vulnerabili. Quasi 100.000 rifugiati provenienti dall’Eritrea, una nazione oppressiva e autoritaria che confina con l’Etiopia a nord, sono stati registrati in quattro campi nel Tigray quando a novembre sono scoppiati i combattimenti tra il governo di Abiy e il partito al governo regionale, il Fronte di liberazione popolare del Tigray (TPLF). (Foto di EDUARDO SOTERAS / AFP)

– Il trafficante di esseri umani e cittadino eritreo, Kidane Zekarias, che è stato processato e condannato per gravi accuse di traffico di esseri umani ad Addis Abeba, è sfuggito all’alta corte federale. Alla guida di una vasta rete di traffico di esseri umani e noto per le crudeltà perpetrate sui rifugiati, era uno dei trafficanti più ricercati. È stato arrestato nel marzo 2020.

– Il tenente generale Yasser Atta del Sudan Sovereign Council afferma di avere informazioni “sulla presenza delle forze eritree ai nostri confini in uniforme militare etiope”.

– Il presidente e CEO di Save the Children USA, Janti Soeripto ha dichiarato: “Da quando è arrivato ad Axum, nel Tigray centrale all’inizio di febbraio, Save the Children ha incontrato famiglie che non mangiano da giorni”.

– Afferma che Save the Children ha raggiunto oltre 4.300 persone con rifornimenti essenziali e distribuzioni di cibo, ma l’area ha un disperato bisogno di maggiore sostegno.

– Rapporti di attacchi aerei nelle aree di Samre e Yechilay oggi da parte dell’aviazione etiope.

– Sono stati rilevati rapporti di vari incendi all’interno degli insediamenti vicini a Saharti, a sud-est del Tigray. La posizione rientra in un’area attiva di combattimento.

– La Tigray Media House ha riferito che più di 80 civili sono stati uccisi dalle truppe etiopi ed eritree ad Abi-Adi (vicino al college degli insegnanti) e nei villaggi di Guroro. Le truppe hanno preso le carte d’identità delle vittime.

– Un testimone di Mekelle afferma che l’Accademia Meles Zenawi è stata incendiata e che ha visto nuvole di fumo uscire dalla sua casa a 4 km di distanza.

– Secondo un testimone che era un rifugiato eritreo nel campo di Shimelba nel Tigray, le truppe eritree sono entrate nel campo il 17 novembre alle 14:00. Nei giorni precedenti, dal 15/11 al 17/11 persone del campo profughi di Hitsats sono arrivate al campo profughi di Shemelba.

– Il testimone dice che i combattenti eritrei hanno raccolto tutti i giovani rifugiati. Ci hanno portato a una riunione e ci hanno detto “controlliamo l’80% del Tigray. Combattiamo per controllare Mekelle. Ora controlliamo quest’area. ”

– Le truppe eritree che sono entrate a Shemelba il 21 novembre hanno dichiarato che “Il governo dell’Eritrea vi perdona tutti e potete tornare nel vostro paese”. Ci hanno anche detto di non lasciare il campo, perché saremmo stati fucilati, uccisi, dice il testimone: “chiunque uscirà sarà nostro nemico e devi informarci se qualcuno lascia il campo. Altrimenti seguirà una dura punizione “.

– Secondo il rapporto, i rifugiati “sono rimasti in silenzio” quando è stato chiesto se sarebbero tornati in Eritrea. I soldati eritrei poi sono andati di casa in casa a chiedere a ciascuno dei profughi. Abbiamo detto loro “Non vogliamo andare, se dobbiamo andare allora la Croce Rossa può prenderci, non il governo eritreo”. I membri del Comitato per i rifugiati di Shemelba hanno dato loro questo messaggio, quindi sono stati incolpati.

– Poi c’è stato il coprifuoco stabilito dai soldati eritrei, che prendevano le cose con la forza dai negozi del campo e si muovevano nel campo. Dal 23 novembre hanno iniziato ad arrestare le persone nel campo. Il 25 novembre, il presidente del Comitato per i rifugiati è stato arrestato insieme ad altri due membri del comitato, tra cui due cantanti, ha detto il testimone.

– Il testimone dice che il presidente del circolo giovanile è stato arrestato; il presidente del club giovanile è scomparso o è scappato. Hanno arrestato quattro donne ei loro figli: “Non sappiamo perché. La sera sette bambini furono arrestati, e ancora una volta non sapevamo perché. Sono scomparsi. ”

– Durante questo periodo dal 28/11 al 17/12 sono morti nove bambini. Sei persone vicino alla zona 1 a Shemelba sono state uccise e 5 rifugiati provenienti da Hitsats sono stati uccisi e un Tigrayan che era nel campo.

– “Le sei persone che sono state uccise sono state messe davanti a noi”, dice il testimone, “Erano insieme in un buco e hanno sparato loro da dietro la testa. Non riuscivi a riconoscere i loro volti. Erano stati presi a calci in faccia. ”

– “Il 17 dicembre ci sono stati scontri tra le truppe eritree e le truppe del Tigray. A quel tempo furono arrestati e la situazione nel campo era molto brutta. Ci hanno trattenuto per molte ore. Hanno ucciso molti animali e anche persone. Abbiamo visto cadaveri per strada per terra. Nessuno di loro aveva armi, indossavano abiti normali. Vicino a Shemelba hanno lanciato molti corpi “. Egli afferma.

– Il testimone afferma: “Ci sono dei frutteti e in uno di essi hanno gettato 23 persone in un pozzo. C’erano molti corpi nel pozzo e l’odore era pessimo. ”

– “Il 17 dicembre siamo stati raccolti, l’ultimo gruppo a lasciare Shemelba” afferma il testimone, “eravamo più di 300, l’ultimo gruppo ad essere arrestato. Ci hanno portato a Shiraro. Siamo stati lì fino al 25 dicembre. Poi ci hanno portato a Badme, per portarci in Eritrea. Siamo stati arrestati prima che ci dicessero che ti porteremo in Eritrea. Le guardie erano molto dure. ”

– A May Hansi cinque donne incinte hanno partorito bambini tra May Kohli e Shiraro e non sapevamo cosa fosse successo loro, afferma il testimone.

– Il testimone racconta che poco prima del loro arrivo a Badme è iniziata una sparatoria e nel caos sono riusciti a scappare: “alcuni a Ovest, altri a Sud. Persino i soldati stavano correndo in posti diversi “.

– Il gruppo di quattro fuggiti insieme ha raggiunto Shiraro, uno di loro ferito ed è andato alla chiesa cristiana dove qualcuno ha dato loro “pochi soldi”, inoltre nella moschea hanno ricevuto del cibo e poi si sono recati a Shire. Il gruppo è arrivato a Mekelle il 28/12.

Situazione internazionale segnalata (come confermato il 23 febbraio)

– L’UE ha sollecitato l’Etiopia a porre fine al “blackout” nel Tigray.

– Il capo del Consiglio norvegese per i rifugiati, Egeland, ha affermato che l’accesso al Tigray è ancora molto limitato. Ha anche detto che “Dobbiamo anche riconoscere che l’Etiopia è stata – ed è tuttora – estremamente generosa con i rifugiati. Ma non significa che dobbiamo scusarci quando assistiamo a terribili sofferenze ”

– L’NRC aveva 100 dipendenti nel Tigray quando è iniziato il conflitto, ma ha perso i contatti con loro.

– L’inviato dell’UE nel Corno d’Africa, il ministro degli esteri finlandese Haavisto, ha affermato che la situazione nel Tigray sta diventando “molto fuori controllo dal punto di vista militare e dei diritti umani, dal punto di vista umanitario”. Nemmeno lui vede la fine del conflitto.

– Haavisto ha affermato che l’Etiopia non è riuscita a fornire un quadro chiaro della situazione nel Tigray, “compreso il coinvolgimento ampiamente documentato delle forze della vicina Eritrea”. Ha detto “La questione delle truppe eritree è estremamente delicata, quindi non abbiamo una risposta chiara sulla posizione o l’entità delle truppe eritree”. Ha aggiunto che l’Etiopia nega la gravità della situazione.

– “Stiamo assistendo all’inizio di un’altra potenzialmente grande crisi dei rifugiati nel mondo”, ha detto Haavisto, “Se non la influenzate ora, le circostanze si accumuleranno in modo che ci siano sempre più rifugiati in arrivo”.

– Haavisto ha scoperto che il Sudan ha difficoltà ad affrontare la crisi e che potrebbe essere in atto una nuova crisi di rifugiati, se la situazione non viene affrontata.

NOTA: Dichiarazione di non responsabilità: tutte le informazioni in questo rapporto sulla situazione sono presentate come un rapporto di aggiornamento fluido, in base alla migliore conoscenza e comprensione degli autori al momento della pubblicazione. L’EEPA non afferma che le informazioni siano corrette, ma la verifica al meglio delle proprie capacità nelle circostanze. La pubblicazione viene soppesata sulla base dell’interesse per comprendere i potenziali impatti degli eventi (o le percezioni di questi) sulla situazione. Controlla tutte le informazioni rispetto ad aggiornamenti e altri media. L’EEPA non si assume la responsabilità per l’uso delle informazioni o il loro impatto. Tutte le informazioni riportate provengono da terze parti e il contenuto di tutte le informazioni riportate e collegate rimane di esclusiva responsabilità di queste terze parti. Segnalare a info@eepa.be ogni ulteriore informazione e correzione.

FONTE: https://martinplaut.com/2021/02/24/situation-report-eepa-horn-no-91-24-february-2021/

 

 

 

Lascia un commento