Salta al contenuto

La Crisi Sanitaria nel Tigray Devastato Dalla Guerra in Etiopia

I combattimenti devono cessare per alleviare le sofferenze e consentire al sistema sanitario di riprendersi.

Sono trascorsi più di tre mesi da quando sono scoppiati nel Tigray i combattimenti tra le forze regionali del Tigray e le forze di difesa nazionale etiope (ENDF) (insieme alle forze speciali di Amahara, alla milizia Amhara e alle forze di difesa eritree).
L’intera regione è stata perlopiù tagliata fuori dal resto del mondo durante il conflitto, creando un vuoto di informazioni sulla vera natura e portata della crisi umanitaria nella regione.

La crisi sanitaria nel Tigray devastato dalla guerra in Etiopia
La crisi sanitaria nel Tigray devastato dalla guerra in Etiopia

Per determinare l’entità del danno alle infrastrutture sanitarie, abbiamo condotto una rapida intervista non strutturata con un funzionario dell’ufficio sanitario regionale inviato per valutare la situazione nella regione all’inizio di questo mese.

Inoltre, abbiamo sintetizzato i comunicati stampa di varie organizzazioni internazionali tra cui le Nazioni Unite ( ONU ), il Fondo internazionale di emergenza per l’infanzia delle Nazioni Unite (UNICEF ), l’Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ) e Medici Senza Frontiere ( MSF ).

Impatto sul sistema sanitario

Circa l’80% dei pazienti che sono arrivati ​​agli ospedali della regione nel dicembre 2020 ha riportato lesioni da trauma. Tuttavia, in 21 dei 40 ospedali ufficialmente valutati dall’ufficio sanitario regionale, solo undici ospedali sono stati ritenuti perfettamente funzionanti: sei sono stati completamente demoliti, nove in parte funzionanti e uno è stato trasformato in un ospedale che serve solo personale militare.

Situazioni simili sono state segnalate quando si tratta di centri sanitari, postazioni sanitarie e servizi di ambulanza. Nelle strutture che sono state risparmiate dalla distruzione, non c’erano quasi farmaci e i pazienti soffrivano di malnutrizione e mancanza di acqua e servizi igienici. Vi è anche una grave carenza di medicinali e servizi di soccorso per l’intera regione, inclusi oltre 100.000 rifugiati eritrei accolti nella regione.

Al momento in cui scrivo, quasi l’ 85-90% dei centri sanitari era non funzionante e circa il 90% delle ambulanze è stato distrutto o saccheggiato. Solo quattro dei 21 ospedali ufficialmente ispezionati avevano un servizio di ambulanza funzionante. Le forniture del Ministero Federale della Salute sono state inviate solo a 70 delle 250 strutture sanitarie.

Abbiamo riassunto i danni alle infrastrutture sanitarie per zona nella Tabella 1. Non è stato possibile determinare lo stato degli ospedali, dei centri sanitari e delle postazioni sanitarie nel Tigray meridionale e occidentale perché erano sotto l’occupazione della milizia Amhara.

Tabella 1. Stato delle strutture sanitarie nel Tigray da novembre 2020 a febbraio 2021.

Zona Stato della struttura sanitaria
Orientale · L’ospedale di Adigrat è stato completamente demolito e le attrezzature sono state saccheggiate o bruciate. Attualmente, solo 10 operatori sanitari su 400 lavorano nell’ospedale.· Gli ospedali di Fasti, Freweini e Hawezien sono stati saccheggiati e attualmente non funzionano.

· La fabbrica farmaceutica Addis (APF) ad Adigrat è stata completamente demolita e saccheggiata e ora è fuori servizio.

Meridionale · Lo stato degli ospedali di Alamata e Korom è sconosciuto: sono sotto il controllo della milizia Amahara.· Gli ospedali Michew, Mekoni, Adishu, Adigudem, Kuha sono aperti solo durante il giorno. Sebbene soffrano della carenza di forniture e salari per gli operatori sanitari, forniscono ancora servizi limitati, comprese le cure ostetriche come il parto.
Mekelle · L’ospedale di riferimento di Ayder, l’ospedale di Mekelle e 10 centri sanitari sono stati chiusi all’inizio ma stanno per essere aperti lentamente. Attualmente stanno lavorando al 30-40% della capacità.· Dal 3 novembre 2020 al 4 febbraio 2021 le ambulanze non sono state autorizzate a operare tra le 18:00 e le 6:00 a causa del coprifuoco. A partire dal 5 febbraio 2020, i servizi di ambulanza non saranno operativi dalle 20:00 alle 6:00.
Tigray centrale · Anche gli ospedali Adwa e Abiyi Adi e altri tre ospedali primari sono stati completamente demoliti e un altro ospedale di Abiyi Adi è stato trasformato in ospedale militare; ai civili è vietato utilizzarlo.· L’ospedale di Axum era sicuro ma fornisce solo il 10% della sua capacità a causa della carenza di logistica e dell’attrito degli operatori sanitari.
Tigray occidentale · Gli ospedali Selekleka, Shul, Sheraro, furono saccheggiati e distrutti.
Tigray nordoccidentale · Al momento della segnalazione, lo stato del sistema sanitario non era noto perché l’area è sotto l’occupazione delle milizie Amhara.
· L’80-90% dei centri sanitari nel Tigray non erano funzionanti.

C’è un alto livello di attrito degli operatori sanitari. Gli operatori sanitari sono stati sfollati, uccisi nel conflitto o hanno subito la cessazione dei loro servizi a causa del protrarsi del salario non pagato negli ultimi tre mesi. Ciò ha portato al crollo del programma di estensione della salute , un pilastro del sistema sanitario nella regione.

Servizi di salute materna e infantile

Prima della guerra, il 94% delle donne nella regione aveva accesso all’assistenza prenatale (ANC), il 73% partoriva in strutture sanitarie e il 63% riceveva assistenza postnatale entro due giorni. Tuttavia, secondo il rapporto del Tigray Regional Health Bureau, attualmente 45.000 madri sono state lasciate senza accesso all’ANC da quando è scoppiata la guerra.

Inoltre, 41.000 bambini non sono stati immunizzati perché tutti i servizi di immunizzazione sono stati sospesi dallo scoppio della guerra. A brevissimo termine, l’assenza del servizio di vaccinazione pone la possibilità dello scoppio di malattie prevenibili con il vaccino, mentre a lungo termine espone la popolazione a complicazioni come malattie cardiache, ritardi nello sviluppo e sordità.

Malattie infettive e non infettive

Ci sono 180.000 persone con malattie croniche non trasmissibili nel Tigray che hanno perso follow-up clinici e piani di gestione della malattia nelle ultime 12 settimane. Questi includono 24.000 pazienti con diabete mellito, 20.000 pazienti con ipertensione, 43.000 persone in terapia antiretrovirale (ART) e più di 1500 pazienti con tubercolosi attiva (TB), di cui 25 con tubercolosi a resistenza multipla (TB).

Mentre la mancanza di farmaci ART per un lungo periodo comporta il rischio di progressione verso l’AIDS, resistenza ai farmaci e insufficienza d’organo e morte, la mancanza di farmaci per la tubercolosi aumenta la trasmissione, favorisce la resistenza ai farmaci e porta all’esposizione ad altre malattie opportunistiche.

Malnutrizione

Prima della guerra civile, tra le 600.000 e le 950.000 persone nel Tigray soffrivano di grave insicurezza alimentare e dipendevano dagli aiuti alimentari. Dall’inizio della guerra, il numero è aumentato notevolmente. Circa il 75 per cento della popolazione regionale (circa 4,5 milioni di persone di cui 2,2 milioni sono bambini ) soffre ora di insicurezza alimentare e necessita di assistenza umanitaria immediata.

La gravità del problema è stata aggravata a causa del crollo del tessuto sociale ed economico della società. Dopo l’inizio della guerra, la regione era completamente isolata dal resto del paese e dai confini internazionali. I servizi di base, inclusi quelli bancari, di comunicazione ed elettrici, non funzionavano.

Nel gennaio 2021, la malnutrizione acuta grave nel Tigray era tre volte la soglia di emergenza globale dell’OMS, che è allarmante e potenzialmente mette a rischio la vita di 70.000 bambini. Mentre gli effetti a breve termine della malnutrizione sono la morte, la mancata crescita e l’arresto della crescita (perdita di altezza irreversibile), la malnutrizione acuta grave influisce negativamente sul rendimento scolastico , sullo sviluppo intellettuale e su ampi parametri economici.

Nell’Africa subsahariana, lo scarso funzionamento cognitivo e l’aumento dei costi sanitari associati all’arresto della crescita costano alla regione circa il 2-3% della crescita economica. Di conseguenza, a lungo termine, potremmo assistere a un aumento dell’onere finanziario per il sistema sanitario della regione e la sua economia.

Focolai

Mentre è probabile che focolai esistenti come COVID-19 peggiorino a causa della guerra, il collasso del sistema di assistenza sanitaria di base e delle attività di prevenzione delle malattie significa che i focolai di altre malattie infettive, tra cui malaria, morbillo, colera e febbre gialla possono ripresentarsi. emergere . Inoltre, i rapporti dell’OMS indicano segni di casi di diarrea acquosa acuta e altre nuove malattie emergenti hanno il potenziale per diventare focolai significativi.

Violenza sessuale

Il conflitto nel Tigray ha portato anche a violenze e abusi sessuali, inclusi casi di stupro. In una recente valutazione della commissione etiope per i diritti umani nel Tigray meridionale e Mekelle, sono stati segnalati 108 casi di stupro. Queste donne sono a rischio di gravi complicazioni di salute fisica e mentale , comprese gravidanze indesiderate, malattie a trasmissione sessuale, disturbo da stress post-traumatico, depressione e suicidio.

Via d’uscita

L’ONU ha descritto la situazione nel Tigray come segue: “Nel complesso, la situazione umanitaria rimane estremamente preoccupante ogni giorno che passa senza o con accesso limitato a cibo, integratori alimentari, assistenza sanitaria e altri servizi e beni di base”.

La chiave per affrontare le complesse sfide sanitarie dovute alla guerra nel Tigray sono:

  1. La comunità internazionale dovrebbe esercitare pressioni continue per fermare i combattimenti.
  2. Consentire a squadre e attrezzature mediche salvavita.
  3. Consentire l’accesso senza ostacoli agli aiuti umanitari come cibo, acqua e riparo.
  4. Istituire cliniche satellitari mobili.
  5. Ricostruire il sistema sanitario. Ciò richiederà la ricostruzione / riabilitazione di strutture sanitarie fisiche, postazioni sanitarie, ambulanze, strade, infrastrutture di comunicazione e il rifornimento di farmaci e forniture mediche. Gli operatori sanitari devono ricominciare il loro lavoro e ricevere corsi di formazione per far fronte alle nuove richieste.

FONTE: https://www.ethiopia-insight.com/2021/02/24/the-health-crisis-in-ethiopias-war-ravaged-tigray/

Lascia un commento