Salta al contenuto

L’Inviato dell’UE Avverte Che La Crisi Del Tigray in Etiopia é “Fuori Controllo”

Il ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavisto ha avvertito martedì che la crisi nella regione del Tigray, colpita dal conflitto in Etiopia, sembra “fuori controllo”, dopo aver visitato il paese per conto dell’UE.

“Siete arrivati ​​a una situazione che è molto fuori controllo dal punto di vista militare e dei diritti umani, dal punto di vista umanitario”, ha detto Haavisto ai giornalisti a Bruxelles.

Il Tigray è stato teatro di combattimenti dall’inizio di novembre 2020, quando il primo ministro Abiy Ahmed ha annunciato operazioni militari contro il Tigray People’s Liberation Front (TPLF), accusandoli di attaccare i campi dell’esercito federale.

Minister for Foreign Affairs of Finland Pekka Haavisto

Ha dichiarato la vittoria dopo che le truppe filo-governative hanno conquistato la capitale regionale Mekele alla fine di novembre, anche se il TPLF ha promesso di continuare a combattere e gli scontri sono persistiti nella regione, ostacolando gli sforzi per fornire assistenza umanitaria.

“Questa operazione è durata più di tre mesi e non vediamo la fine”, ha detto Haavisto.

Il massimo diplomatico finlandese ha visitato Addis Abeba questo mese, compresi gli incontri con il premio Nobel Abiy, in una missione conoscitiva per il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell.

Ha informato i ministri degli esteri delle 27 nazioni del blocco sulla crisi lunedì in una riunione.

Haavisto ha detto ai giornalisti che la leadership dell’Etiopia non era riuscita a fornire un “quadro chiaro” della situazione nel Tigray, compreso il coinvolgimento ampiamente documentato delle forze della vicina Eritrea.

“La questione delle truppe eritree è estremamente delicata, quindi non otteniamo una risposta chiara sulla posizione o l’entità delle truppe eritree”, ha detto.

Sia Addis Abeba che Asmara negano che le forze eritree siano coinvolte nel conflitto, contraddicendo i resoconti dei testimoni oculari di civili, operatori umanitari e alcuni funzionari militari e governativi del Tigray.

L’UE si è unita agli Stati Uniti nel chiedere il ritiro delle truppe eritree.

Haavisto ha ripetuto le richieste urgenti della comunità internazionale affinché il governo etiope garantisse il pieno accesso umanitario al Tigray, comprese le aree al di fuori del suo controllo.

“Ciò di cui abbiamo bisogno dal governo etiope è il via libera alla comunità umanitaria per negoziare l’accesso alle aree controllate dall’Eritrea, alle aree controllate dall’opposizione”, ha detto.

L’ONU afferma che le aree in cui vive l’80 per cento della popolazione della regione rimangono escluse dagli aiuti e decine di migliaia sono fuggite attraverso il confine nel vicino Sudan.

Haavisto ha avvertito che il Sudan sta lottando per far fronte all’afflusso e che rischia di trasformarsi in un nuovo motore per i rifugiati verso l’Europa.

“Stiamo assistendo all’inizio di un’altra potenzialmente grande crisi di rifugiati nel mondo”, ha detto Haavisto.

“Se non lo influenzerai ora, le circostanze aumenteranno in modo che ci siano sempre più rifugiati in arrivo”.

A dicembre, Bruxelles ha annunciato che stava posticipando circa 90 milioni di euro (110 milioni di dollari) in aiuti all’Etiopia per la sua incapacità di garantire il pieno accesso umanitario al Tigray.

FONTE: AFP.com Agenge France-Presse

 

Lascia un commento